martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaJoseph Muscat sul caso Vitals: "Le accuse contro di me si basano...

Joseph Muscat sul caso Vitals: “Le accuse contro di me si basano su dicerie”

Joseph Muscat ha parlato mercoledì.

Joseph Muscat ha ribadito mercoledì che il processo penale contro di lui per l’affare degli ospedali Vitals si basa su dicerie, bugie e supposizioni.

L’accusa contro di lui si basa solo sulla testimonianza di una persona, un indiano che sostiene di aver sentito qualcun altro fare affermazioni su di lui, ha spiegato l’ex primo ministro in un’intervista a One Radio.

Muscat ha parlato in seguito alla concessione da parte di un tribunale, la settimana scorsa, dell’accesso all’inchiesta giudiziaria Vitals che lo riguarda.

Ha sottolineato che, sebbene sia stato affermato che ci fossero 78 casse di prove, quello che c’era su di lui poteva stare in una busta.

“Non c’è nemmeno un documento che dimostri qualcosa”, ha detto, aggiungendo che il caso contro di lui si basa su supposizioni.

Il cittadino indiano aveva affermato di intascare 16 milioni di euro all’anno, ma i “cosiddetti esperti” non sono riusciti a trovare il denaro, ha aggiunto.

“I cosiddetti esperti dell’inchiesta hanno detto che avrei potuto nascondere denaro a Dubai solo perché visitavo spesso il Paese; è come dire che una volta che ti piace nuotare, sei un pesce”.

La prima udienza del processo penale contro Muscat è fissata per il 28 maggio. Egli comparirà insieme ad altre persone accusate di corruzione, concussione e riciclaggio di denaro.

Parlando per la prima volta dopo anni sui media del Partito Laburista, Muscat ha affermato che le conclusioni dell’inchiesta non fossero ben motivate.

“Il ragionamento dell’inchiesta non è nemmeno al livello di una chiacchierata della domenica mattina davanti a birra e stuzzichini in un bar”.

Muscat ha dichiarato che questo caso è ancora “peggiore” dell’inchiesta Egrant.

“L’ultima volta (Egrant) si è basata sulla parola di una donna russa fuggita da Malta; questa volta si basa sulla parola di un uomo indiano, che dice di aver sentito qualcuno fare affermazioni su di me”.

“Almeno la russa (Maria Efimova) si è impegnata e ha falsificato le firme”, ha aggiunto.

L’ex primo ministro non ha fatto il nome del cittadino indiano a cui si riferiva.

Ha comunque ribadito che il rapporto dell’inchiesta giudiziaria dovrebbe essere pubblicato.

“Ho anche chiesto ai miei avvocati se potessi condividere ciò che mi è stato comunicato con i giornalisti, ma mi hanno risposto che sarebbe stato un crimine”, ha spiegato.

Ha raccontato all’intervistatore Emanuel Cuschieri che, una volta scagionato il suo nome, avrebbe cercato anche la giustizia politica. Le conseguenze del caso giudiziario avrebbero distrutto il Partito Nazionalista e lui avrebbe fatto causa alle persone che hanno istigato l’inchiesta, “non per amore della vendetta ma per amore della giustizia”.

Muscat ha aggiunto che il processo contro di lui non è altro che un “castello di sabbia”. Per quanto abbellito, grande e bello, un’onda può distruggerlo. Lui sarebbe quell’onda, uno tsunami.

Quando Cuschieri, un fedele di Muscat, ha chiesto come i cittadini avrebbero dovuto esprimere i loro sentimenti sul caso, Muscat li ha esortati a votare per il Partito Laburista l’8 giugno.

“Possiamo usare la nostra voce senza odio”, ha detto.

“Usate lo strumento di cui il PN ha più paura: il voto”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...