venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaLa protesta dei tassisti è stata annullata perché l'accordo è stato raggiunto...

La protesta dei tassisti è stata annullata perché l’accordo è stato raggiunto all’ultimo momento

La protesta organizzata lunedì dai tassisti autonomi è stata annullata all’ultimo momento dopo il raggiungimento di un accordo tra l’Associazione degli operatori di trasporto leggero e il Ministero. Foto: Jonathan Borg

La protesta organizzata dai tassisti autonomi per lunedì è stata annullata all’ultimo momento dopo che i loro rappresentanti e il governo hanno raggiunto un accordo.

La Light Passenger Operators Association (LPOA) ha dichiarato lunedì mattina a Times of Malta di aver raggiunto un accordo su “diversi punti chiave” con il Ministero dei Trasporti sulla regolamentazione del servizio di ride-hailing.

L’iniziativa era stata originariamente programmata per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle “ingiustizie” che i tassisti autonomi devono affrontare a causa dell’eccessiva saturazione del mercato della “targa y”.

Il presidente della LPOA, Aaron Gatt, ha dichiarato a Times of Malta che i recenti incontri sono stati fruttuosi e le autorità hanno promesso di implementare ulteriori misure di sicurezza e di applicazione per il settore.

“Le misure proposte mirano a regolamentare meglio i requisiti per le licenze speciali note come targhe, a garantire la sicurezza sulle strade maltesi e a regolare l’attuale offerta demografica del settore”, hanno dichiarato l’associazione e il ministero in un comunicato congiunto.

Nei prossimi incontri tra l’associazione e il governo si discuterà, tra l’altro, dell’implementazione del geo-fencing. Il geo-fencing è una tecnologia che utilizza i dati GPS per definire i confini virtuali in cui è consentito il ride-hailing.

In un post su Facebook, il ministro dei Trasporti Chris Bonett ha dichiarato che il governo è impegnato a realizzare le riforme necessarie affinché gli operatori locali possano lavorare nelle migliori condizioni.

Nel 2011 l’LPOA ha organizzato una protesta per i prezzi bassi delle piattaforme di taxi come Bolt, Uber e e-Cabs.

Durante la protesta, i tassisti si sono susseguiti in un lento corteo di auto da Ta’ Qali a Marsa come dimostrazione di forza.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE