La PA difende l’hub ODZ della Croce Rossa di Mellieħa

L’Autorità di pianificazione ha difeso la decisione di autorizzare la costruzione di un centro di emergenza della Croce Rossa in un sito fuori zona di sviluppo a Mellieħa, affermando che il progetto offre “una risposta significativa ai soccorsi di emergenza”.

La scorsa settimana, Times of Malta ha riportato la notizia della richiesta di costruzione dell’hub, che sorgerà su piattaforme rialzate in un sito sulle rive di Aħrax, vicino alla baia di Mellieħa, dopo la comparsa sul posto di macchinari pesanti e materiali da costruzione.

In una risposta, l’Autorità di pianificazione ha affermato che l’hub di emergenza offrirà “servizi critici di emergenza e di supporto al salvataggio” a diverse spiagge frequentate e a entità commerciali come gli allevamenti ittici.

“Oltre a essere già servito da un molo, il sito in questione è risultato il più adatto per motivi logistici”, ha dichiarato un portavoce dell’Autorità di pianificazione.

“Attualmente, le stazioni di emergenza più vicine si trovano al Grand Harbour e al Mġarr Harbour, che rappresentano una minaccia per la questione della distanza e dei tempi di risposta più lunghi. Questa realtà, se non affrontata, potrebbe rivelarsi dannosa in una situazione di vita o di morte”.

Inoltre, il portavoce ha detto che l’autorità ha rifiutato i disegni iniziali del progetto e ha chiesto di ridurne le dimensioni e che il richiedente effettui uno studio per esplorare siti alternativi.

“Considerando la sensibilità dell’area, la commissione dell’AP ha chiesto di utilizzare materiale leggero per la costruzione di questo complesso, rendendolo molto meno impattante sull’ambiente circostante e facile da rimuovere se necessario”, ha aggiunto.

Nel caso in cui dovessero cessare le operazioni sul sito, la Croce Rossa è anche obbligata a rimuovere la struttura e a riportare il sito allo stato originale, ha detto il portavoce.

L’AP ha dichiarato che, secondo le statistiche fornite dalla Croce Rossa, le squadre di soccorso acquatico dell’ONG hanno effettuato oltre 2.500 interventi tra il 2018 e il 2020.

“I piani aggiornati mirano a rendere il complesso più piccolo e visivamente più attraente. L’attenzione è rivolta al design e alle finiture. Anche se il complesso della Croce Rossa sarà situato in un’area costiera protetta, vicino a resti storici, la Commissione di pianificazione ha approvato il progetto a causa dei servizi di emergenza forniti dall’ONG”, ha dichiarato il portavoce.

CAPTIONL’Autorità di pianificazione ha dichiarato che l’hub di emergenza, qui raffigurato in un rendering digitale, fornirà servizi di emergenza critici. FOTO: AUTORITÀ DI PIANIFICAZIONE