martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaLa nuova presidente denuncia la "malattia dell'avidità" nel discorso di insediamento

La nuova presidente denuncia la “malattia dell’avidità” nel discorso di insediamento

Myriam Spiteri Debono lascia la concattedrale di San Giovanni insieme al marito Anthony. Foto: DOI

Aggiornamento ore 13.15

La nuova presidente di Malta Myriam Spiteri Debono ha denunciato la “malattia dell’avidità” nel suo discorso inaugurale di giovedì, affermando che il governo del Paese deve fare di più per superare questo vizio.

“Il desiderio di denaro si manifesta spesso in varie forme di corruzione e di indifferenza verso le sofferenze altrui. È peggiore della dipendenza dalle droghe, che forse la maggior parte di noi percepisce come il peggior vizio”, ha detto.

“Mentre il tossicodipendente, con il suo vizio, danneggia maggiormente se stesso, chi soffre di un desiderio senza fondo di denaro non danneggia solo se stesso, ma la società in generale”.

La Spiteri Debono si è rivolta a una folla di personalità politiche di spicco del Paese al Grandmaster’s Palace di La Valletta, poco dopo aver prestato giuramento come 11° presidente di Malta.

Con tono calmo e misurato, Spiteri Debono ha esaltato le virtù della democrazia e del mantenimento dello Stato di diritto per il bene della nazione, per mantenere il Paese sulla strada giusta.

“Il buon governo è un concetto che non deve mai essere messo da parte. Questo fa parte dell’ampliamento e dell’evoluzione della democrazia e qui abbiamo iniziato. Sono qui davanti a voi come risultato di una delle riforme che hanno ampliato lo stato del nostro governo, alcune delle quali sono state introdotte grazie ai consigli degli stranieri”.

siate generosi con gli stranieri che vivono qui

Commentando come il successo economico di Malta abbia visto l’isola ospitare sempre più spesso cittadini stranieri in cerca di migliori prospettive, la presidente ha affermato che i maltesi devono accogliere i cittadini stranieri come parte del tessuto sociale.

“Il primo passo per integrare questi stranieri, molti dei quali sono meno fortunati di noi e sono venuti in cerca di una vita migliore, è abbracciarli e comprenderli”, ha detto.

“Dobbiamo andare oltre la passività della tolleranza e le mezze misure dell’accettazione forzata perché ‘abbiamo bisogno di loro'”, ha detto.

Il carattere della nostra generosità deve manifestarsi in parametri più ampi, deve essere il fondamento su cui ognuno di noi si comporta, ha detto.

Nel corso del suo discorso, la nuova presidente ha dichiarato di voler essere “visibile e accessibile” durante il suo mandato quinquennale: “Non interferirò e non parlerò di tutto. Parlerò ogni volta che ne sentirò la necessità. Desidero che i prossimi cinque anni siano una presidenza del popolo e per il popolo”.

Spiteri Debono ha sottolineato la necessità di una politica che cerchi il dialogo, la persuasione e il compromesso.

Ha sottolineato l’importanza di dare seguito alle raccomandazioni delle inchieste pubbliche, in particolare quelle relative alla morte di Jean Paul Sofia e Daphne Caruana Galizia e ha evidenziato la sua convinzione che i media siano il quarto pilastro della democrazia.

“Le ferite dell’assassinio di Daphne Caruana Galizia sono ancora aperte. Dobbiamo chiudere questo episodio al più presto, altrimenti le conseguenze persisteranno”.

La Presidente ha sottolineato l’importanza dell’istruzione, che aiuterebbe anche a costruire una generazione che apprezzi l’ambiente, che secondo lei è costantemente minacciato.

Il discorso si è appena concluso. Seguiranno altre notizie

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Questo architetto ha lasciato il suo lavoro “tossico” per lottare per il patrimonio di Malta

Patrick Calleja si sente libero ora che il suo lavoro "tossico" di architetto con l'Autorità di pianificazione è finito. Foto: Jonathan BorgPatrick Calleja si...