venerdì, Maggio 31, 2024
HomeMaltaJeremie Camilleri: uomo accusato di omicidio a Gzira

Jeremie Camilleri: uomo accusato di omicidio a Gzira

Jeremie Camilleri, l’uomo accusato di aver ucciso una giovane donna con la sua auto a Gzira, ha chiuso gli occhi e ha fatto dei respiri profondi, visibilmente commosso quando sua madre è salita sul banco dei testimoni in tribunale.

La madre ha dichiarato di aver scelto di non testimoniare contro il proprio figlio.

Camilleri è accusato di aver ucciso Pelin Kaya quando il 18 gennaio ha guidato contro di lei e poi si è schiantato contro la stazione di servizio Paul and Rocco, un punto vendita KFC.

La madre, che indossava un foulard, si è avvicinata al banco dei testimoni e, dopo aver confermato le proprie generalità in inglese, ha dichiarato di aver scelto di non testimoniare dopo che il tribunale le ha spiegato che la legge la autorizzava a farlo in quanto parente dell’imputato.

Durante la sua breve apparizione in aula, l’imputato ha mostrato rari segni di emozione, lanciando occhiate di sbieco alla madre seduta al banco degli imputati.

Al banco dei testimoni sono poi saliti due patologi, ciascuno dei quali ha riferito dell’esame autoptico effettuato sulla vittima.

La causa del decesso era un trauma da corpo contundente che aveva reciso l’aorta (arteria principale) e aveva provocato lesioni intracraniche e alla base del cranio della vittima.

Due agenti della scena del crimine, incaricati dal magistrato inquirente di fotografare la scena del crimine e il cadavere della vittima, hanno presentato il loro rapporto sui risultati.

Hanno raggiunto il luogo dell’incidente intorno alle 2:30 del mattino, segnando 25 punti, tra cui i graffi lungo il marciapiede dove la vittima è stata scaraventata dopo essere stata colpita dalla BMW, altri graffi presso la stazione di servizio, il carburante versato nell’area insieme a pietre, mattoni, sangue e detriti.

Hanno registrato pezzi di abbigliamento indossati dalla vittima.

Hanno anche prelevato dei tamponi da strisce di sangue, vestiti e un telefono cellulare.

Il loro compito si è esteso all’autopsia, durante la quale hanno scattato 54 foto per registrare il processo.

Hanno anche prelevato dei tamponi buccali da Camilleri e fotografato la sua BMW alla luce del giorno nel complesso della polizia dove era stata portata dopo l’incidente.

Un esperto scientifico ha analizzato quattro campioni di sangue e un campione di urina prelevati dall’imputato.

Ha presentato i suoi risultati confermando che il campione di urina era risultato positivo alla cocaina e alla cannabis, ma negativo all’alcol.

L’esperto ha effettuato un test di conferma sul campione di sangue che ha mostrato la presenza di cocaina, un metabolita della droga, cannabis e altri medicinali.

Un esperto di DNA ha confermato che tre tamponi prelevati dal volante, dalla portiera e dall’airbag della BMW corrispondevano al profilo di Camilleri.

Un campione di sangue corrispondeva a quello della vittima, mentre un altro campione apparteneva a un’altra donna.

Il caso, presieduto dal magistrato Rachel Montebello, proseguirà il mese prossimo.

Gli avvocati dell’AG Kaylie Bonett e Nathaniel Falzon sono i procuratori, insieme agli ispettori Kurt Zahra e Shamus Woods.

Gli avvocati Alfred Abela e Rene’ Darmanin sono i difensori.

Gli avvocati Shazoo Ghaznavi, Charlon Gouder e Ramona Attard compaiono come parte civile.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...