venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaIl sistema scolastico online subisce un attacco informatico

Il sistema scolastico online subisce un attacco informatico

Il sistema di gestione scolastica, utilizzato dall’amministrazione scolastica, dai genitori, dagli insegnanti e dagli alunni, è gestito da Klikkcode Limited.

Un’inchiesta giudiziaria e un’indagine di polizia sono in corso dopo che il sistema di gestione scolastica online Klikks, utilizzato da scuole private e della Chiesa, ha subito un attacco informatico.

Un portavoce della polizia ha dichiarato che la sua Unità per i crimini informatici è stata allertata del cyberattacco e ha immediatamente avviato un’indagine. Ha anche informato il magistrato di turno che ha ordinato un’inchiesta.

Il sistema di gestione della scuola, utilizzato dall’amministrazione scolastica, dai genitori, dagli insegnanti e dagli studenti, è gestito da Klikkcode Limited.

Il direttore esecutivo Gordon Zammit ha dichiarato a Times of Malta che l’azienda ha presentato una denuncia alla polizia dopo essere stata vittima di un attacco informatico al suo sistema.

L’attacco ha avuto luogo il 3 maggio. I dettagli di ciò che è effettivamente accaduto sono vaghi e Zammit non ha voluto fornirli per il rischio di compromettere l’indagine.

“È in corso un’inchiesta giudiziaria e stiamo agendo sotto le precise istruzioni della Cyber Crime Unit. Resta da vedere in che misura – se mai – i dati che trattiamo, in qualità di incaricati del trattamento per conto dei nostri clienti (i responsabili del trattamento), siano stati colpiti”, ha dichiarato.

Zammit ha comunque sottolineato che tutti i clienti potenzialmente colpiti dall’attacco sono stati immediatamente avvisati, come la società era tenuta a fare per legge.

“Da un punto di vista operativo, i nostri clienti non sono stati colpiti e tutti i nostri clienti, compresa SchoolHandle (non Klikks), sono pienamente operativi e svolgono le loro normali attività”, ha aggiunto.

SchoolHandle è un sistema di gestione scolastica online basato su cloud, utilizzato da scuole private e ecclesiastiche, che fornisce cruscotti di facile utilizzo per facilitare la fornitura di informazioni, dall’ammissione di nuovi studenti alla generazione di certificati di trasferimento quando gli studenti completano gli studi.

Gli insegnanti possono caricare appunti o compiti che gli studenti possono poi scaricare e inviare sullo stesso sistema, che può essere scaricato dagli insegnanti e restituire il relativo feedback attraverso il sistema.

Le scuole pubbliche utilizzano un altro fornitore di servizi.

La scorsa settimana diverse scuole hanno scritto a genitori e insegnanti per informarli del cyberattacco, chiedendo loro di cambiare immediatamente la password.

Una scuola della Chiesa ha comunicato a genitori e insegnanti che “sebbene non sembri che la nostra scuola sia stata colpita da questo attacco, come misura precauzionale si consiglia agli utenti di cambiare la propria password di accesso”.

Poiché l’attacco informatico potrebbe costituire una violazione dei dati, le singole scuole e il Segretariato della Chiesa per l’educazione cattolica hanno segnalato la questione al Commissario per l’informazione e la protezione dei dati.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE