domenica, Aprile 14, 2024
HomeMaltaIl PM chiede se le pene applicate in caso di reati stradali...

Il PM chiede se le pene applicate in caso di reati stradali ne rispecchino la gravità

Il Primo Ministro Robert Abela ha dichiarato che è giunto il momento di chiedersi se la magistratura stia applicando sentenze che riflettono la gravità degli esiti degli incidenti stradali.

Ieri, al termine di una riunione di gabinetto, è stato chiesto ad Abela se le persone che soffrono di una disabilità permanente vedono una giustizia sufficiente nei tribunali quando i colpevoli se la cavano con pene lievi.

Ha osservato che sia il codice penale che le norme che regolano il traffico hanno ampi parametri di interpretazione che includono l’imposizione di pene detentive effettive, ma spetta alla magistratura decidere se è giusto applicarle.

“In caso di incidenti che comportino una disabilità permanente per la vittima di un incidente stradale, il tribunale è anche in grado di comminare pene detentive effettive. La mia domanda è: la nostra magistratura sta imponendo sentenze che riflettono la gravità del reato? È ancora valida la giurisprudenza di molti anni fa, che permette a un colpevole di andarsene con un buffetto sulla mano? O i nostri tribunali dovrebbero prendere in considerazione un innalzamento della pena?”, ha detto.

Abela ha aggiunto che non si tratta di un caso di mancanza di legislazione per affrontare questo tipo di crimini, ma piuttosto di una situazione che dipende dalla discrezione di giudici e magistrati, che devono considerare tutte le circostanze di un caso prima di comminare una punizione.

“Credo che, se applicate come si deve, le pene siano sufficienti”, ha detto.

Alla domanda se pensa che Malta abbia un problema di guida sotto l’effetto di droghe, dopo che il secondo incidente dell’anno ha causato la morte di due persone questa settimana, Abela ha risposto che il mantenimento della sicurezza sulle strade è una delle principali priorità del governo e che ha discusso la questione in diverse occasioni con i gruppi che rappresentano i broker assicurativi.

“Sebbene esistano metodi per effettuare test su strada per l’uso di alcol, non abbiamo le stesse strutture quando si tratta di test per l’uso di droghe”, ha dichiarato.

“Nella nostra strategia per migliorare la sicurezza stradale, questo è uno dei punti che dobbiamo approfondire”.

Questa settimana il 41enne è stato accusato dell’omicidio involontario di Faizan Muhammad e Ali Abbas, quando la sua Smart, rivolta verso il lato sbagliato della strada, si è schiantata contro di loro.

La polizia ha testimoniato che un agente sulla scena aveva sentito un odore di alcol nell’alito di Vella Petroni in quel momento e in seguito è risultato che era sotto l’effetto di droghe.

La scorsa settimana Times of Malta ha riportato anche la storia di Cauchi, rimasta permanentemente invalida dopo che Renald Aquilina l’ha investita con la sua auto mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali sette anni fa.

La Cauchi ha riportato la rottura della colonna vertebrale, della mascella e della clavicola e si è schiacciata le ginocchia. L’incidente le ha causato anche una lesione da diffusione cerebrale, che ha compromesso il linguaggio e la memoria.

Il mese scorso, il tribunale ha condannato Aquilina a una pena sospesa, con grande frustrazione della famiglia Cauchi.

In risposta al calvario dei Cauchi, il ministro della Giustizia Jonathan Attard ha dichiarato lunedì che il governo sta facendo tutto il possibile per garantire la legge per la guida pericolosa, ma spetta ancora alla magistratura applicare le sanzioni appropriate.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE