Il testimone oculare del tragico incidente di Lombardi ha identificato il furgone che ha rovesciato le olive

Le indagini sulla tragica morte di Marie Claire Lombardi, uccisa quando la sua moto Yamaha è finita sulle olive rovesciate sulla strada da un veicolo in transito, hanno avuto una svolta quando un testimone oculare si è fatto avanti fornendo dettagli sul furgone sospetto con un adesivo distintivo.

I dettagli su come la polizia ha lavorato per identificare l’autista del furgone sono emersi mercoled√¨ pomeriggio durante la prima udienza di Joseph Cortis, 79 anni, di Dingli, accusato dell’omicidio involontario della motociclista.

L’incidente √® avvenuto il 22 ottobre quando Lombardi stava pedalando nei pressi della rotatoria all’incrocio tra la strada che porta alla collina di Saqqajja e Mdina Road.

L’ispettore Roderick Attard ha raccontato della chiamata di un collega sergente che lo ha avvisato dell’incidente, avvenuto quando Lombardi ha perso il controllo dopo aver sbandato sulle olive rovesciate e ridotte in poltiglia dal traffico di passaggio.

La moto è finita a pochi metri dal punto in cui è stata trovata la vittima.

Trasportata d’urgenza all’ospedale Mater Dei in condizioni critiche, √® deceduta poco dopo.

L’autopsia ha confermato che la donna aveva riportato una profonda ferita sotto il mento, altre ferite nella parte inferiore del corpo, una mano lussata e altre gravi lesioni.

La polizia ha immediatamente chiuso il luogo dell’incidente fino a quando le olive schiacciate non sono state rimosse per eliminare il potenziale pericolo non solo per i motociclisti ma anche per gli altri veicoli in transito.

Le indagini della polizia hanno preso il via e sono stati interrogati alcuni trasformatori di olive.

Nel frattempo, il marito della vittima ha lanciato un appello pubblico per ottenere informazioni che aiutassero a identificare il sospetto responsabile dello sversamento delle olive.

La svolta è arrivata a dicembre, quando un uomo che stava guidando vicino alla rotatoria, con la moglie come passeggera, intorno alle 17.30 di quel pomeriggio di ottobre, si è fatto avanti.

Il testimone oculare ha raccontato alla polizia di un furgone Isuzu blu con un adesivo distintivo che aveva anche disegnato per spiegare meglio.

Era il furgone che aveva fatto cadere una cassa di olive verdi di Pitkali, ha detto l’uomo, che ha anche identificato l’autista del furgone su una foto che gli √® stata consegnata dalla polizia.

Ottenuto un mandato di perquisizione e di arresto, Cortis è stato arrestato e la sua casa è stata perquisita.

Anche l’oliveto che curava nella zona di ń¶abel Bellu √® stato perquisito, ha detto Attard, che ha presentato quattro foto scattate durante la perquisizione, tra cui un’immagine di alcune casse verdi e bottiglie di vetro scuro.

Il furgone di Cortis è stato sequestrato.

Il suo colore corrispondeva a quello indicato dal testimone oculare nella sua descrizione.

L’esperto di traffico Mario Buttigieg aveva confermato che la zucca d’oliva scivolosa era la causa principale dell’incidente.

Anche altri automobilisti che si trovavano nella zona hanno parlato alla polizia del conducente del furgone, che quel pomeriggio aveva fatto cadere una cassa di olive.

Interrogato dall’avvocato della vittima, Arthur Azzopardi, l’ispettore ha dichiarato che il testimone oculare e sua moglie avevano attirato l’attenzione del conducente del furgone sulla cassa caduta in quel momento.

L’uomo ha dichiarato alla polizia di aver effettivamente visto la cassa cadere.

Tuttavia, in sede di controinterrogatorio, l’avvocato della difesa Patrick Valentino ha fatto riferimento alla versione del testimone oculare nell’inchiesta giudiziaria.

In quell’occasione il testimone oculare ha descritto come avesse appena svoltato un angolo quando ha notato una cassa verde sulla strada.

Non sapeva bene cosa fosse sparso sul manto stradale, prestando maggiore attenzione al traffico.

Attard ha sottolineato che il testimone oculare ha fornito la sua versione anche alla polizia che ha raccolto i filmati delle telecamere della zona.

E che dire di altri due veicoli che trasportavano un carico di olive e che erano transitati in quella zona lo stesso pomeriggio, ha aggiunto l’avvocato difensore.

La polizia ha parlato con i conducenti di quei veicoli?“.

Alcuni civili si erano fatti avanti descrivendo un furgone Isuzu blu e la loro descrizione non corrispondeva agli altri veicoli, ha detto l’ispettore.

Non credo che abbiamo mandato a cercare gli altri“, ha aggiunto.

Quando la sua testimonianza si √® conclusa, la corte, presieduta dal magistrato Marse-Ann Farrugia, ha dichiarato che c’erano prove prima facie sufficienti perch√© l’imputato potesse essere processato con un’accusa.

Il caso continuerà il mese prossimo.

L’avvocato Jacob Magri era anche il difensore.