venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaIl grande sviluppo residenziale di Victoria, a Gozo, è destinato a diventare...

Il grande sviluppo residenziale di Victoria, a Gozo, è destinato a diventare ancora più grande

Il progetto Ħal Gelmus sta sorgendo su un terreno precedentemente occupato dall’impianto di lavorazione dei pomodori in disuso dei fratelli Magro, a Victoria. Foto: JP Portelli Progetti

Un grande complesso residenziale a Victoria, capitale di Gozo, sta per diventare ancora più grande, dopo che giovedì l’Autorità di Pianificazione ha approvato la costruzione di altre 35 unità abitative, portando il totale a 167.

Mark Agius, socio d’affari del magnate immobiliare gozese Joseph Portelli, ha ottenuto il permesso di estendere il suo progetto Ħal Gelmus sul terreno precedentemente occupato dall’impianto di trasformazione dei pomodori Magro Brothers a Victoria.

Il Consiglio della PA ha approvato, con sette voti favorevoli e uno contrario, l’aggiunta di 50 garage, 35 residenze, piscine sul tetto per gli attici, tre unità commerciali e una palestra per il complesso. Poiché il nuovo sviluppo comporterà una carenza di quattro posti auto, il PA ha imposto un contributo di 17.000 euro per il Fondo di miglioramento urbano dell’Autorità di pianificazione per la località.

Il permesso originale per il progetto era stato concesso alla Excel Investments Limited appena tre giorni prima delle ultime elezioni generali del marzo 2022.

Un mese dopo, tramite il suo architetto Maria Schembri Grima, già presidente dell’Autorità governativa per l’edilizia e le costruzioni, Agius ha presentato domanda per ampliare il progetto e trasformare le unità in negozi.

The communal pool at Hal Gelmus. Photo: JP Portelli ProjectsLa piscina comunale di Hal Gelmus. Foto: JP Portelli Progetti

L’area di quasi 6.500 metri quadrati si trova su Triq il-Wied e Triq Pawlu Portelli a Victoria, all’interno del perimetro di sviluppo. La maggior parte del progetto è già stata costruita.

La precedente fabbrica ex-Magro Brothers è stata demolita, mentre il vecchio edificio adiacente a due piani è stato mantenuto.

Nella sua relazione, il responsabile del caso ha concluso che l’aumento e la proposta di sviluppo residenziale, commerciale e ricreativo sono accettabili in quanto conformi alle politiche specifiche e in linea con i limiti di altezza su entrambe le strade.

L’edificio avrà un impatto sulla vista della Cittadella

La Soprintendenza per i Beni culturali si è opposta alla proposta di ampliamento del progetto, osservando che la precedente domanda era stata approvata nonostante le forti riserve sulla massa dell’edificio e sul suo impatto sulle viste dalla Ċittadella.

L’ampliamento aumenterebbe la massa e i volumi dello sviluppo approvato, invadendo ulteriormente l’area di conservazione urbana, inglobando ulteriormente una serie di edifici vernacolari e potenzialmente aggravando l’impatto negativo sulle viste dall’Ċittadella, ha affermato il comitato esprimendo le sue “forti riserve”.

Il Comitato ha affermato che lo sviluppo proposto dovrebbe includere un adeguato terrazzamento lontano dagli edifici vernacolari e dall’area urbana protetta, in una transizione adeguata che non domini visivamente gli edifici.

Nonostante questi avvertimenti e altre obiezioni, tra cui quella del Din l-Art Ħelwa, il responsabile del caso ha raccomandato l’approvazione del progetto.

Il Consiglio ha accettato questa raccomandazione, con il solo voto contrario del rappresentante della ONG Romano Cassar.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE