venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaQuesto è il piano della Mater Dei per ridurre i tempi di...

Questo è il piano della Mater Dei per ridurre i tempi di attesa in emergenza e aumentare i posti letto

Una misura che entrerà in funzione nelle “prossime settimane” è una linea telefonica di telemedicina. Foto: Matteo Mirabelli

Il piano del Mater Dei Hospital prevede un aumento dei posti letto, una riduzione dei tempi di attesa al pronto soccorso e il trasferimento di alcuni servizi.

Alcune misure del piano saranno attuate nelle prossime settimane, mentre altre si concretizzeranno nei prossimi anni, ha promesso il ministro della Salute Jo Etienne Abela, mentre l’ospedale generale continua a sentire la pressione di una domanda eccessiva e di risorse limitate.

Una misura che entrerà in funzione nelle “prossime settimane” è una linea telefonica di telemedicina per cercare di ridurre il numero di pazienti al pronto soccorso. I pazienti possono chiamare il numero – 1400 – prima di recarsi all’ospedale Mater Dei.

Dopo aver ascoltato i sintomi e l’anamnesi del paziente, un medico in linea consiglierà al paziente dove ricevere le cure migliori.

Ciò significa che un certo numero di pazienti sarà dirottato verso centri sanitari locali invece che verso il pronto soccorso della Mater Dei.

“Naturalmente, chiunque abbia ferite gravi dovrebbe recarsi alla Mater Dei, non solo chiamare”, ha detto il ministro.

Il governo organizzerà una campagna di informazione per promuovere il numero verde.

Il governo prevede inoltre di ridurre i tempi di attesa al pronto soccorso affidando i casi meno critici a ospedali privati.

Verranno inoltre applicate le norme che impongono ai cittadini di Paesi terzi di avere un’assicurazione sanitaria privata per il primo anno di permanenza a Malta. Ciò significa che i lavoratori extracomunitari non potranno usufruire dell’assistenza sanitaria gratuita per i primi 12 mesi di residenza.

A lungo termine, l’ala di emergenza della Mater Dei si espanderà sia in altezza che in larghezza. Una volta completato, il pronto soccorso avrà 70 cabine, rispetto alle 30 esistenti.

Abela ha dichiarato che il piano per il pronto soccorso costerà al governo oltre 17 milioni di euro e risponderà alle esigenze di Malta per i prossimi 20 anni.

Aumento dei posti letto

Abela vuole aumentare i posti letto del Mater Dei di 600 unità e aumentare il numero di sale operatorie. Attualmente l’ospedale dispone di circa 1.200 posti letto.

Molti dei 120 dipendenti amministrativi dell’ospedale saranno trasferiti in uffici al di fuori del perimetro del MDH e in uffici nella vicina Swatar. Il trasferimento del personale amministrativo dall’ospedale è previsto nelle “prossime settimane”, ha dichiarato.

Questo trasferimento farà spazio a due nuovi reparti, ha detto Abela.

Anche gli strumenti medici per la disinfezione saranno trasferiti dall’MDH, per far posto a letti e sale operatorie. Lo spazio utilizzato per l’archiviazione delle cartelle cliniche sarà liberato grazie alla digitalizzazione.

Il governo vuole anche ristrutturare e ricostruire il St Luke’s Hospital e trasferire i servizi attualmente forniti al MDH.

Tra questi, gli ambulatori diurni e il reparto odontoiatrico.

Anche la scuola per medici e infermieri si trasferirà all’ospedale St Luke.

Il ministro della Salute prevede anche di aumentare la capacità dei letti dell’Unità di Terapia Intensiva da 20 a 28 letti.

Ciò avverrà “cannibalizzando” le sale conferenze.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE