giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaIl Consiglio di pianificazione respinge i piani per le tettoie dello storico...

Il Consiglio di pianificazione respinge i piani per le tettoie dello storico “Is-Suq tal-Belt”

La richiesta di Arkadia Marketing Ltd per l’installazione di tettoie davanti all’edificio di Grado 1 Is-Suq tal-Belt è stata respinta giovedì dal Consiglio di pianificazione con voto unanime.

La richiesta mirava a rimuovere le tettoie esistenti, che sono soggette a un’ordinanza non ancora decisa, e a sostituirle con tettoie libere e retrattili.

Nonostante l’avviso di esecuzione pendente, Arkadia ha sostenuto che le pensiline esistenti sono coperte da un ordine di notifica di sviluppo depositato nel 2018.

Ad aprile, il funzionario della direzione della pianificazione ha raccomandato la richiesta, affermando che le tettoie proposte non si riferiscono alla facciata dell’edificio in questione e che le politiche di pianificazione non consentono tali tettoie in un’area urbana protetta, ma solo tende da sole e ombrelloni indipendenti.

Is-Suq tal-Belt è ospitato in una struttura originariamente costruita tra il 1859 e il 1861 sul sito delle vecchie prigioni. L’edificio fu progettato dal sovrintendente ai lavori pubblici Hector Zimelli e completato sotto la direzione di Emanuele Luigi Galizia. Si ritiene che sia il primo edificio di Malta costruito prevalentemente in ferro.

Nel corso di una presentazione, l’architetto del progetto, Philip Micallef, ha illustrato come quella che oggi è conosciuta come la sezione di ristorazione all’aperto dell’edificio fosse un tempo una parte integrata e coperta, distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale.

Ora trasformato in un moderno centro di ristorazione, Micallef ha detto che Arkadia aveva cercato di installare una copertura minima ma efficace per la zona pranzo all’aperto; tuttavia, quando nel 2019 le tettoie precedentemente installate sono state sostituite da quelle attuali a causa del deterioramento, è stato emesso un avviso di esecuzione.

In uno sforzo di trasparenza, ha proseguito, i richiedenti hanno richiesto un permesso di sviluppo completo e si sono consultati ampiamente con le parti interessate per creare una copertura esterna per l’area che fosse esteticamente gradevole.

“Volevamo creare qualcosa che non fosse kitsch e che fosse complementare all’edificio esistente”, ha detto.

Il progetto finale è un traliccio che segue la disposizione a griglia dell’edificio, con un tetto leggero e retrattile che può essere aperto a seconda delle condizioni atmosferiche.

Per quanto riguarda le ragioni del rifiuto della direzione, Micallef ha affermato che, pur considerando che l’edificio si trova all’interno di un’area di conservazione urbana, lo sviluppo proposto è all’interno dei confini di un edificio in costruzione che meritava più di “un esercizio da manuale di recepimento diretto della politica“.

Le politiche, ha proseguito Micallef, hanno anche un certo grado di interpretazione quando si tratta di lavori destinati a migliorare un edificio pubblico e in questo caso, in un’area destinata ai turisti, si tratta di fornire ai clienti un’esperienza migliore.

Ha aggiunto di ritenere che, in questo caso, consentire l’uso di ombrelloni anziché delle pensiline proposte “non favorisce un design di qualità” e porterebbe problemi come piccioni e sporcizia.

Alla fine, tutti i membri del consiglio hanno votato in accordo con la raccomandazione del responsabile del caso e hanno respinto la richiesta.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Saqqajja

Un motociclista è rimasto gravemente ferito mercoledì in un incidente a Saqqajja. La polizia ha dichiarato che l'incidente, avvenuto alle 15.15 di mercoledì al largo...