giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaIl consiglio comunale di Żebbuġ si oppone alla casa "mostro" per anziani

Il consiglio comunale di Żebbuġ si oppone alla casa “mostro” per anziani

Il consiglio comunale di Żebbuġ si è unito ai residenti e alle ONG che si oppongono al progetto di una casa di riposo per anziani di sette piani e 260 posti letto che sovrasterebbe le file di case a schiera ai margini della città.

La struttura proposta si trova a soli 35 metri da un mulino a vento di Grado 1, risalente all’epoca dei Cavalieri.

Gli oppositori sostengono che rovinerebbe lo skyline della località e avrebbe un impatto negativo sull’area residenziale circostante.

Le aree residenziali locali dovrebbero essere protette e non trasformate in un centro commerciale– Gli oppositori

Lo sviluppatore è Hermann Mallia, per conto della Fulani Properties Ltd. Il progetto prevede la costruzione di 98 camere da letto con 260 posti letto, una piscina terapeutica, una lavanderia, una cappella, una sala polivalente, un’area commerciale, un parrucchiere, una farmacia, un ambulatorio medico e quattro piani di parcheggi sotterranei.

La proposta di sviluppo si trova in Triq il-Mitħna e Triq Giovanni Pullicino, che costeggia l’area di sviluppo e si affaccia su una zona di sviluppo esterna.

I residenti che si oppongono ai piani hanno sottolineato che lo sviluppo “mostruoso” sarebbe in violazione del piano locale che stabilisce che tali case per anziani dovrebbero essere di “piccola scala e non creare impatti negativi sull’amenità residenziale dell’area”.

La casa non è di “piccola scala

Le autorità sostengono che la casa di riposo non può essere definita di piccole dimensioni, in quanto sarebbe composta da sette piani fuori terra e quattro interrati.

Il Consiglio ha richiesto una valutazione dell’impatto sul traffico, dato che il progetto intensificherebbe sicuramente il traffico in una tranquilla zona residenziale. Ha inoltre richiesto una vista a lunga distanza per vedere l’impatto sullo skyline.

Gli oppositori sostengono che la casa avrebbe un impatto negativo sulla loro qualità di vita poiché genererebbe inquinamento acustico e atmosferico.

“Le aree residenziali locali dovrebbero essere protette e non trasformate in un centro commerciale”, hanno dichiarato.

Hanno inoltre affermato che la casa, se ottenesse il permesso, raggiungerebbe un’altezza di 24 metri, 6,5 metri in più rispetto al massimo consentito in un’area prevalentemente composta da case a schiera a due piani.

Una parte dell’edificio proposto creerebbe un muro divisorio vuoto di 21 metri che farebbe da sfondo al mulino a vento protetto.

Completamente fuori contesto

Anche Din l-Art Ħelwa si è opposta alla richiesta, dichiarandosi “seriamente preoccupata” per il suo impatto sul paesaggio urbano.

“L’edificio di sette piani non si adatta al carattere e alla distinzione di questo paesaggio stradale e cambierà la natura, la scala e il carattere di un intero paesaggio stradale.

È un luogo completamente inadatto per l’applicazione della politica di adeguamento dell’altezza… e risulterà in un’altezza inappropriata dell’edificio che è completamente fuori contesto con l’ambiente circostante”.

Il Moviment Graffitti ha sostenuto che, con 180 gradi di vista libera sul terreno ODZ, l’altezza dell’edificio lo renderebbe visibile a chilometri di distanza.

“Un edificio così alto e illegale non solo rovinerà il carattere dell’area, ma creerà anche un preoccupante precedente per lo sviluppo futuro”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE