venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltail 25% dei datori di lavoro irregolari del TCN opera nel settore...

il 25% dei datori di lavoro irregolari del TCN opera nel settore dell’ospitalità

In passato i corrieri che consegnano cibo a domicilio sono stati vittime di condizioni di lavoro irregolari. Foto del file: Matteo Mirabelli

Secondo i dati del governo, un quarto delle imprese che lo scorso anno hanno assunto irregolarmente lavoratori extracomunitari proveniva dal settore dell’ospitalità.

Dei 1.695 datori di lavoro che hanno assunto irregolarmente lavoratori extracomunitari – noti come cittadini di Paesi terzi (TCN) – 436 erano attivi nei servizi di alloggio e ristorazione, secondo i dati del ministero degli Affari interni.

Questi rappresentano il 26% del totale e il settore è di gran lunga il più rappresentato tra i 20 elencati.

Il settore più rappresentato è quello del commercio all’ingrosso e al dettaglio, compresa la riparazione di veicoli e motocicli (267 datori di lavoro), seguito dall’amministrazione (179) e dall’edilizia (168).

Times of Malta ha richiesto la ripartizione dopo che il Ministro degli Affari Interni Byron Camilleri ha rivelato il numero di datori di lavoro che hanno impiegato lavoratori extracomunitari in modo irregolare lo scorso anno, in risposta a un’interrogazione parlamentare della deputata nazionalista Graziella Attard Previ.

I dati presentati in Parlamento mostrano che il numero di datori di lavoro irregolari è aumentato di anno in anno dal 2021 al 2023, anche se a un ritmo più lento: se nel 2021 erano stati scoperti 1.060 datori di lavoro, l’anno successivo il numero era salito del 36% a 1.446.

L’anno successivo, il numero è aumentato di meno della metà del tasso precedente, salendo del 17% a 1.695 datori di lavoro.

Rispondendo alle domande, un portavoce del Ministero degli Affari Interni ha dichiarato che quasi nove imprese su dieci (88%) sorprese a impiegare cittadini di Paesi terzi in modo irregolare hanno regolarizzato la loro posizione, mentre le altre sono state multate o rinviate in tribunale.

“Il restante 12% ha ricevuto una multa… o è stato deferito alle Corti di giustizia”, ha dichiarato il portavoce, sottolineando che più di un quarto dei datori di lavoro trasgressori (29%) è stato deferito al tribunale.

I datori di lavoro sono stati deferiti ai tribunali se i loro lavoratori non avevano un libretto di lavoro e un permesso di lavoro o se avevano un permesso con un altro datore di lavoro, ha spiegato.

Le aziende i cui lavoratori non avevano un libretto di lavoro ma un permesso valido con lo stesso datore di lavoro sono state invece multate.

La portavoce ha aggiunto che l’agenzia per l’impiego del Paese, Jobsplus, intraprende “meccanismi di monitoraggio regolari, tra cui ispezioni fisiche e controlli amministrativi per garantire che i datori di lavoro rispettino le norme del mercato del lavoro locale”.

Non ha risposto alle domande su quali azioni siano state eventualmente intraprese nei confronti dei lavoratori che risultano essere stati assunti in modo irregolare e se qualcuno sia stato espulso dal Paese.

I lavoratori dell’ospitalità, in particolare i corrieri del cibo, sono stati collegati all’occupazione irregolare e alle condizioni di lavoro in passato, con uno studio del Dipartimento per le Relazioni Industriali e l’Occupazione (DIER) che ha rilevato che tali lavoratori erano.

Lo studio ha anche rilevato che i datori di lavoro hanno detratto denaro dal primo stipendio dei lavoratori per pagare le uniformi e le attrezzature di lavoro.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE