I residenti di Gudja protestano contro il piano di parcheggi residenziali

I non residenti potranno parcheggiare in alcune strade solo tra le 7.00 e le 20.00. Foto: Mark Anthony Sammut

I residenti di Gudja si sono schierati contro un nuovo piano di parcheggi residenziali destinato ad alleviare i loro problemi di parcheggio, affermando che ne creerĂ  solo di nuovi.

PoichĂ© Gudja è convenientemente vicina all’aeroporto, da anni i residenti si lamentano del fatto che i viaggiatori parcheggiano i loro veicoli in cittĂ  per giorni mentre sono all’estero.

Da questo mese, quindi, ai non residenti di Gudja è vietato parcheggiare in 14 strade della cittĂ  al di fuori dell’orario 7.00-20.00. Altrimenti, il parcheggio in quelle strade è riservato ai residenti.

L’amministrazione comunale ha fornito ai residenti una tessera di permesso da apporre sulla propria auto. I veicoli non autorizzati saranno rimossi.

Tuttavia, il consiglio locale ha ricevuto una reazione da parte dei residenti insoddisfatti, che affermano che il sistema non era la soluzione giusta e che loro e le imprese saranno duramente colpiti.

Non possiamo permetterci di chiudere la nostra cittĂ  in questo modo

Il Consiglio ha informato i residenti che includerĂ  i loro familiari nel programma, ma i dettagli non sono ancora chiari.

“Non vivo in una delle 14 strade, ma ora starò peggio perchĂ© i non residenti cercheranno parcheggi nella mia strada per evitare il coprifuoco”, ha dichiarato una residente al Times of Malta.

Ha detto che i suoi genitori anziani ora faticheranno a trovare un posto per parcheggiare nella sua strada e che se parcheggiassero in una delle 14 strade designate, dovrebbero andarsene entro le 20:00.

“Questo programma è un flop. Ci sta rendendo prigionieri nella nostra cittĂ ”, ha detto.

Gudja celebra tre feste in estate, quindi la situazione non potrĂ  che peggiorare, ha detto.

Il regime avrĂ  ripercussioni anche sulle attivitĂ  commerciali, ha aggiunto: con la competizione calcistica europea UEFA alle porte, i bar potrebbero registrare un calo di clienti a causa del coprifuoco delle 20:00.

Un altro residente ha detto che ora sarebbe difficile invitare gli amici per la festa o per Natale: “Non possiamo permetterci di chiudere la nostra cittĂ  in questo modo”.

Un anziano residente ha detto che il Consiglio ha preso una decisione “affrettata”, che ha portato a questa situazione “ridicola”.

Ha suggerito che sarebbe stato meglio vietare il parcheggio ai non residenti per oltre 24 ore.

Il deputato del PN e residente di Gudja, Mark Anthony Sammut, ha dichiarato su Facebook che il piano impedirĂ  alla sua famiglia di ospitare amici o parenti la sera, a meno che non prendano un taxi o parcheggino dall’altra parte della cittĂ .

“Non posso ospitare amici, non posso avere i miei suoceri in visita, non posso avere un elettore che viene a incontrarmi la sera”, ha dichiarato l’ex consigliere comunale a Times of Malta.

Si è anche lamentato del processo burocratico per la richiesta di un pass rinnovabile, aggiungendo che i funzionari della LESA hanno accesso ai dati di ogni proprietario di veicolo.

“Mia moglie deve rinnovare il pass ogni anno perchĂ© l’indirizzo sul libretto del suo veicolo riporta l’indirizzo dei suoi genitori, che è quello in cui viveva quando ha comprato l’auto 10 anni fa. Da quando l’indirizzo sul libretto di circolazione è un’indicazione di dove si vive?”.

Nel 2018, il consiglio aveva approvato all’unanimitĂ  una legge che vietava il parcheggio oltre le 24 ore per i non residenti, ma Sammut e il consigliere del PN Stefan Caruana hanno detto che i consiglieri laburisti hanno poi cambiato idea.

Letter residents received to apply for parking permits for their familiesLettera ricevuta dai residenti per richiedere i permessi di parcheggio per le loro famiglie

In seguito alle lamentele dei residenti, l’amministrazione comunale ha inviato una lettera ai residenti delle 14 strade per informarli che i loro familiari possono richiedere i permessi di parcheggio. Tuttavia, i dettagli sono stati vaghi su chi sarĂ  applicabile.

Ai residenti è stato chiesto di portare al Comune una copia della carta d’identitĂ  e del libretto di circolazione dei loro familiari.

“Come funzionerĂ ? Chi può fare domanda? Possono fare domanda i cugini, ma non i cugini di secondo grado”, ha chiesto Sammut, criticando la mancanza di consultazione da parte del Comune.

Le domande sono state inviate al sindaco di PL Marija Sara Vella GafĂ .