I frati francescani de La Valletta richiamano i negozi e i bar per l’eccessiva sporcizia e il rumore

I frati francescani sono diventati l’ultima voce a lamentarsi della manutenzione di La Valletta, affermando che i negozi e i bar vicini alla chiesa di Ta’ Gieżu stanno lasciando la zona in disordine.

“Questo è il livello di rispetto che si ha a La Valletta”, hanno scritto i frati su Facebook. “I negozi puliscono all’interno e la sporcizia scorre all’esterno davanti a noi”

Il post era accompagnato da una serie di foto che mostravano residui neri sui gradini davanti alla chiesa.

I frati hanno detto che la sporcizia rendeva impossibile mantenere la chiesa pulita.

Le loro lamentele sulla sporcizia si aggiungono ai problemi di lunga data che l’ordine ecclesiastico ha con i rumori forti nella zona.

L’area di Triq San Ġwann che la chiesa occupa è diventata negli ultimi anni una zona fiorente di bar, caffè e ristoranti.

Se da un lato i locali all’aperto contribuiscono alla vivacità della capitale, dall’altro sono diventati un problema per i residenti, che sostengono che la musica viene spesso suonata a volume eccessivo.

I frati hanno detto che la musica è spesso così alta che devono chiamare la polizia per intervenire, perché interrompe la Messa.

“Il rispetto dovrebbe essere mostrato tutto l’anno e non solo nei giorni di festa“, hanno detto dall’ordine.

I residenti della Valletta hanno lottato per mantenere la pace e la tranquillità fuori dalle loro case, soprattutto durante la notte. La nuova legislazione promulgata l’anno scorso consente di suonare musica all’aperto nella capitale fino all’una di notte, e le preoccupazioni che il sito patrimonio mondiale dell‘UNESCO venga trasformato in un centro di intrattenimento sono rimaste inascoltate.

Qualche giorno fa, i residenti hanno preso in mano la situazione rovesciando un secchio d’acqua sulle persone che stavano godendo di uno spettacolo dal vivo, seguendo il consiglio del vicesindaco della città, che ha affermato che la polizia non sta facendo un buon lavoro nel far rispettare la legge.