sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaGli assassini di Caruana Galizia protestano per il trattamento "inumano e discriminatorio"

Gli assassini di Caruana Galizia protestano per il trattamento “inumano e discriminatorio”

Due uomini che stanno scontando la pena per l’omicidio di Daphne Caruana Galizia hanno presentato una protesta giudiziaria sostenendo di subire un trattamento “inumano e discriminatorio” nelle carceri.

Alfred e George Degiorgio hanno affermato, tra l’altro, che vengono loro negati i privilegi concessi agli altri detenuti.

Alfred Degiorgio ha detto che gli è stato negato il permesso di visitare il fratello, costretto a casa per motivi di salute, anche se agli altri detenuti sono stati concessi permessi per visitare parenti malati o partecipare a eventi familiari in regime di permesso almeno due volte l’anno. Le autorità carcerarie non hanno fornito alcuna spiegazione.

“È chiaro che il motivo del rifiuto non viene reso noto perché è ingiusto”, hanno affermato i fratelli, che attualmente stanno scontando una pena di 40 anni di carcere all’inizio del processo per il loro coinvolgimento come sicari nell’omicidio dell’autobomba di Caruana Galizia.

Lo scorso febbraio l’opinione pubblica si è indignata quando a George Degiorgio è stato concesso di uscire di prigione per partecipare a una festa di battesimo in famiglia. Il Times of Malta ha pubblicato una foto della festa che lo ritrae sorridente e in posa con i parenti. Ad aprile Alfred Degiorgio. Aveva chiesto il permesso di trascorrere due ore alla festa di compleanno della figlia in un residence in una città del sud di Malta.

Nella loro protesta giudiziaria, i fratelli hanno osservato che in una recente relazione, il principale psicologo forense ha descritto gli sforzi compiuti dalle autorità dell’istituto correzionale di Corradino per avvicinare i detenuti ai loro parenti.

È quindi ironico che, pur parlando di tali sforzi, nel loro caso le decisioni vadano effettivamente contro questi presunti sforzi.

Richiesta di essere spostati dalla Divisione 5

I Degiorgio hanno anche protestato per il fatto di essere detenuti nella Divisione 5, dove sono stati negati loro alcuni privilegi disponibili ai detenuti di altre divisioni, come il diritto di lavorare e di visitare la biblioteca.

Tutto ciò equivaleva a un trattamento inumano e discriminatorio, privo di basi legali e morali, sostenevano i fratelli.

Hanno chiesto al direttore dell’Agenzia per i servizi correzionali e alla Commissione per i visitatori del carcere di prendere in considerazione la richiesta di Alfred di visitare il fratello e che le autorità carcerarie smettessero di negare loro i permessi di detenzione. Hanno anche chiesto di essere spostati dalla Divisione 5 o almeno di avere gli stessi privilegi degli altri detenuti.

Gli avvocati Leslie Cuschieri e Noel Bianco hanno firmato la protesta.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE