giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaSuo figlio Jean Paul è morto: ora la madre vuole lottare...

Suo figlio Jean Paul è morto: ora la madre vuole lottare per la giustizia

Nel momento in cui suo figlio è rimasto ucciso nel crollo di un edificio, ISABELLE BONNICI è passata dall’essere una persona privata a diventare una pubblica sostenitrice della giustizia. Nella sua prima intervista alla telecamera, racconta a Mark Laurence Zammit perché persiste nella sua causa.

Sei mesi dopo quel tragico giorno di dicembre, la camera da letto di Jean Paul Sofia giace immobile e stranamente silenziosa. Dopo che lui è uscito per andare al lavoro quella mattina, sua madre gli ha rifatto il letto come faceva di solito. Da allora la stanza è rimasta intatta.

Raggi di luce si infiltrano attraverso le persiane di una finestra sopra quella che era la scrivania di Jean Paul, proiettando ombre scure sull’aura malinconica che grava sulla stanza.

Sulla scrivania, un paio di cuffie sono appese a un angolo del monitor del computer e un rosario all’altro angolo. Sul davanzale della finestra sono appoggiate foto di lui e dei suoi genitori e sulla scrivania e sulle mensole è appoggiato un mazzo di carte Uno. Cuscini a forma di emoji sorridenti sono appoggiati su un sacco a pelo sul pavimento.

“A volte penso che sia solo in vacanza e che alla fine tornerà nella sua stanza”, racconta Isabelle.

“Per le prime settimane ero molto distaccata dalla realtà e negavo quello che era successo”.

Alla fine la realtà l’ha colpita duramente e la sensazione di separazione è diventata sempre più profonda e forte.

Isabelle non entra più nella stanza di suo figlio. Dice che è troppo da sopportare e, pur lasciando la porta aperta, si volta dall’altra parte ogni volta che passa.

Inoltre, non ha mai guardato il filmato emerso il giorno della tragedia, che mostra il momento in cui l’edificio è crollato.

“Non ho ancora il coraggio di guardarlo”.

“Qualunque cosa accada, tu sarai sempre mia madre”

Un’altra cosa che non ha ancora avuto il coraggio di aprire è l’ultimo biglietto per la festa della mamma che il figlio le ha regalato l’anno scorso. All’interno del biglietto, Jean Paul ha scritto a mano un messaggio in cui prometteva alla madre che le sarebbe sempre stato vicino.

Grazie di tutto mamma. So che discutiamo spesso e che ho sempre ragione [simbolo della faccina sorridente]. Ma sai che ti voglio bene, anche se non te lo dimostro sempre”, si legge nel messaggio all’interno del biglietto.

Apprezzo il fatto che ti preoccupi per me perché, qualunque cosa accada, tu sarai sempre mia madre e nessuno potrà prendere il tuo posto. Se mai avessi bisogno di qualcosa non esitare a chiedermi aiuto, perché come io ho sempre trovato te ad aiutarmi, tu troverai sempre me. Ti chiedo scusa per tutte le volte che ti ho ferito con le mie parole. Ti voglio tanto bene mamma. Il tuo sole, Jean Paul”.

Jean Paul’s handwritten message to his mother in the last card he gifted her on Mother’s Day. Photo: Karl Andrew Micallef." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/11b3fe73ea7f25b15b892068fdf9c23db3d77dde-1687004676-50908de6-1920x1280.jpg" alt="Jean Paul’s handwritten message to his mother in the last card he gifted her on Mother’s Day. Photo: Karl Andrew Micallef." width="630" height="354"> Il messaggio scritto a mano da Jean Paul alla madre nell’ultimo biglietto che le ha regalato per la festa della mamma. Foto: Karl Andrew Micallef.

Isabelle ha visto suo figlio per l’ultima volta prima che lui uscisse per andare al lavoro la mattina dell’incidente.

“Era un ragazzo così dolce e gentile. Mi voleva un bene dell’anima e si preoccupava anche delle cose più piccole. Anche se gli dicevo che avevo mal di testa, veniva a controllarmi per vedere se mi sentivo meglio“, ha detto Isabelle.

“Era un appassionato amante degli animali. Un giorno è tornato a casa dal lavoro felice raccontandomi di aver salvato un topo che era rimasto intrappolato in un cantiere. Ecco quanto era gentile.

“Ed era anche un po’ testardo“.

“Spero che sia morto sul colpo”

Isabelle ha raccontato di aver temuto a lungo che Jean Paul si ferisse gravemente sul lavoro. Poco dopo aver terminato la scuola, aveva detto ai genitori che avrebbe iniziato a lavorare nell’edilizia e loro non erano molto d’accordo.

“Ogni giorno gli dicevo di trovarsi un altro lavoro, perché mi sentivo sempre molto preoccupata che si facesse male. Non fino a questo punto, naturalmente.

Jean Paul was found dead and buried under the rubble 15 hours after the building collapsed on him. Photo: Jonathan Borg." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/84d4c979331daff0ac69fb53278820869c6e2bc5-1687004688-17ab63eb-1920x1280.jpg" alt="Jean Paul was found dead and buried under the rubble 15 hours after the building collapsed on him. Photo: Jonathan Borg." width="630" height="420"> Jean Paul è stato trovato morto e sepolto sotto le macerie 15 ore dopo che l’edificio gli è crollato addosso. Foto: Jonathan Borg.

“Poi, circa tre mesi prima del crollo, ci disse che aveva trovato un nuovo lavoro nel settore della climatizzazione. Eravamo così sollevati. Gli avevamo anche promesso che lo avremmo aiutato a continuare gli studi e a comprare un furgone per poter poi avviare una propria attività di condizionamento”.

“Ma quel giorno, il suo capo al nuovo lavoro aveva bisogno che andasse a consegnare alcuni attrezzi in quel cantiere. E così è morto in un cantiere, nonostante avesse smesso di lavorare nell’edilizia”.

False speranze strazianti

Per un breve periodo di tempo dopo il crollo, Isabelle ha pensato che suo figlio fosse sopravvissuto.

Un agente di polizia che si trovava nel cantiere di Corradino le disse di aver visto Jean Paul estratto dalle macerie e portato in ospedale vivo.

Isabelle era euforica. Ma quando si recò in ospedale, il personale le disse che nessuno con il suo nome era stato ricoverato.

Jean Paul Sofia was just 20 when he was killed." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/c464a1a5b3ccabcbe4f8a4cd4008800c02a945a2-1687004583-6430f094-1920x1280.jpg" alt="Jean Paul Sofia was just 20 when he was killed." width="630" height="638"> Jean Paul Sofia aveva solo 20 anni quando fu ucciso.

“Sono tornata sul luogo del crollo e mi hanno detto che era ancora sotto le macerie“, ha ricordato.

“Con il passare delle ore durante le ricerche le mie speranze si stavano già riducendo, ma in qualche modo desideravo ancora una sorta di miracolo. La speranza è l’ultima cosa a morire, credo”.

Jean Paul fu ritrovato, morto, 15 ore dopo.

“Spero che sia morto sul colpo”

Non è ancora chiaro se Jean Paul sia rimasto vivo per qualche tempo sotto le macerie, ma sua madre spera che sia morto sul colpo.

“Spero che sia morto sul colpo e che non abbia dovuto sopportare il dolore. Ma soprattutto spero che non abbia avuto il tempo di pensare a quello che è successo, perché non voglio che abbia pensato che avevo ragione. Non voglio che abbia trascorso i suoi ultimi momenti sentendosi in colpa“, ha detto.

“A volte penso a come sarebbe potuto morire, e a quanto lungo e doloroso sarebbe potuto essere… è un destino troppo crudele”.

Un altro Jean Paul Sofia che è morto

Isabelle rivela di aver perso un altro figlio due anni prima della nascita di Jean Paul. Il suo primo figlio, che aveva chiamato Jean Paul Sofia, è morto cinque giorni dopo la nascita perché era nato prematuro.

“Avevamo già perso un figlio, quindi potete immaginare quanto siamo stati felici quando Jean Paul è nato due anni dopo”, ha detto.

“Volevo davvero diventare nonna un giorno. Amo molto i bambini. Ma credo che ora non sarà più così, perché non ho più figli. Sono ancora entrambi nel mio cuore, ma non posso sentirli chiamarmi ‘mamma‘”.

Jean Paul in his casket stands next to a portrait of his brother, 20-year-old Jean Paul, who died in December. Photo: Karl Andrew Micallef." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/77f49fb7b713c51d6a1d1af0969c2070281c2661-1687004757-8ffe4d96-1920x1280.jpg" alt="Picture of five-day-old Jean Paul in his casket stands next to a portrait of his brother, 20-year-old Jean Paul, who died in December. Photo: Karl Andrew Micallef." width="630" height="354"> L’immagine di Jean Paul, di cinque giorni, nella bara, è accanto al ritratto del fratello Jean Paul, di 20 anni, morto a dicembre. Foto: Karl Andrew Micallef.

Nella cucina di Isabelle si trovano ora due cornici una accanto all’altra. Una è il ritratto di Jean Paul, 20 anni, e l’altra è la foto dell’altro figlio, Jean Paul, di cinque giorni, che giace serenamente in una bara aperta con due rose rosse poste al suo fianco.

“Non lo faccio per me stessa. Non ho figli per cui lottare. Sono una persona molto riservata e non mi piacciono le luci della ribalta. Preferirei stare a casa, ma lo faccio perché devo continuare a lottare fino all’ultimo respiro“, ha detto.

“Se non combattessi, farei un torto a mio figlio e ai vostri figli”.

Perché non ha partecipato al funerale del figlio

Isabelle ha anche affrontato alcune critiche online sulla sua assenza al funerale di Jean Paul. Ha detto di essere andata a molti funerali nella sua vita, ma di non essersi presentata ai funerali di entrambi i suoi figli e di sua madre.

Sofia's bedroom lies untouched since his mother tidied it, hours before he was killed. Photo: Karl Andrew Micallef" src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/ee73d79215df53a5fe90761e68432798f9e25b87-1687004662-a23fefad-1920x1280.jpg" alt="Sofia's bedroom lies untouched since his mother tidied it, hours before he was killed. Photo: Karl Andrew Micallef" width="630" height="354"> La camera da letto di Sofia giace intatta da quando la madre l’ha riordinata, poche ore prima che venisse ucciso. Foto: Karl Andrew Micallef

“E non me ne pento. Il funerale non è l’ultimo saluto a mio figlio. Gli ho dato l’ultimo saluto la mattina del giorno in cui è morto, quando gli ho dato la mia benedizione prima che uscisse di casa e quando l’ho chiamato poco dopo.

“È così che voglio ricordarlo ed è così che volevo chiudere la vicenda”.

Una lotta senza quartiere per la giustizia

Mentre l’inchiesta giudiziaria è in corso, Isabelle spera che chiunque sia ritenuto responsabile del crollo dell’edificio sia assicurato alla giustizia. Ma continua a insistere sul fatto che le indagini devono andare oltre l’incidente perché tutta la verità e la giustizia prevalgano.

L’inchiesta giudiziaria esaminerà i motivi del crollo dell’edificio, ma è necessaria un’inchiesta pubblica per esaminare i processi e le decisioni politiche che hanno portato il governo a concedere terreni pubblici a costruttori che hanno eretto un edificio che è crollato “come un mazzo di carte”, ha detto.

Isabelle went from being a private person to a public advocate. Photo: Karl Andrew Micallef.
Isabelle è passata dall’essere una persona privata a un avvocato pubblico. Foto: Karl Andrew Micallef.

“Dobbiamo sapere cosa è andato storto fin dall’inizio. Come è stato concesso quel terreno a quegli sviluppatori? È stata fatta una due diligence su di loro? I funzionari pubblici hanno fatto tutto ciò che ci si aspettava da loro per garantire che gli sviluppatori fossero abbastanza competenti, responsabili e degni di fiducia da affidare loro del terreno pubblico? Quali fondi sono stati concessi, se ne sono stati concessi?”, ha detto.

“L’inchiesta giudiziaria non risponderà a queste domande ed è per questo che abbiamo bisogno di un’inchiesta pubblica, perché se i politici e le persone al potere non hanno fatto bene il loro lavoro, allora anche loro dovrebbero essere ritenuti responsabili, proprio come tutti gli altri”.

Il Paese può imparare veramente dai propri errori solo se sa quali sono stati gli errori commessi fin dall’inizio, ha detto.

Isabelle Bonnici can hardly look at her son’s empty bedroom. Photo: Karl Andrew Micallef.
Isabelle Bonnici non riesce a guardare la camera da letto vuota di suo figlio. Foto: Karl Andrew Micallef.

Times of Malta ha rivelato a dicembre come il terreno governativo su cui si stava costruendo la fabbrica privata fosse affittato a un presunto trafficante di esseri umani.

Il suo socio in affari, ha dovuto affrontare le proprie accuse di illeciti penali in relazione a due “sicari” presumibilmente assoldati per aggredire il suocero della sua ex moglie.

Isabelle sospetta che decisioni politiche non etiche possano aver portato alla cessione del terreno a costruttori irresponsabili, e per questo vuole che anche i politici siano indagati.

Ma il governo si è finora rifiutato di ordinare un’inchiesta pubblica e, nonostante si sia presentata fuori dal Parlamento, Isabelle non ha ancora vinto la battaglia per un’inchiesta pubblica.

“Tutto ciò che voglio è che il primo ministro e i ministri che sono contrari all’inchiesta pubblica mi guardino negli occhi e mi dicano: chi stanno proteggendo esattamente? I deboli o i potenti e i ricchi?”.

Isabelle si rende conto di essere passata dall’essere una persona molto riservata a diventare una figura pubblica che si occupa di alcune delle persone più potenti del Paese, ma è determinata a combattere e non esclude di portare lei stessa le persone in tribunale.

“Non ho nulla da perdere. È questo l’effetto dell’amore di una madre. Ti dà il coraggio di un leone e questo non si fermerà qui. Mi batterò fino all’ultimo respiro perché nessuna madre debba passare quello che sto passando io e perché nessuno dei vostri figli debba più morire sul posto di lavoro”.

“Anche se cambiassimo la legge e salvassimo la vita di un solo lavoratore, potrei almeno dire che mio figlio non è morto invano“.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...