venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaGuarda: La donna che ha vissuto nel Teatro Manoel: "Ci siamo divertiti...

Guarda: La donna che ha vissuto nel Teatro Manoel: “Ci siamo divertiti tanto”

Vincenza Micallef, 94 anni, ha vissuto nel Teatro Manoel, dove sua madre era la custode, fino al 1968. Foto: Chris Sant Fournier

Al terzo piano del Teatro Manoel, dietro la galleria, c’è una stanza dove il pubblico assiste allo spettacolo.

Oggi è una biblioteca e uno spazio d’archivio, ma fino a circa 60 anni fa ospitava Vincenza Micallef e la sua famiglia.

All’età di 94 anni, Vincenza è l’ultima persona vivente ad aver abitato nello storico teatro della Valletta.

“Ci siamo divertiti tantissimo. Abbiamo trascorso i momenti più belli mentre vivevamo lì”, ha detto Vincenza, che ora risiede nella casa di cura St Vincent De Paul.

È nata e cresciuta nel teatro, come molti membri della sua famiglia, che è stata custode del teatro per circa 160 anni.

Vincenza e suo nipote, Paul Micallef, hanno raccontato a Times of Malta come la famiglia abbia iniziato a lavorare come custodi residenti all’inizio del XIX secolo. Sono rimasti fino al 1968, alcuni anni dopo che il governo aveva preso possesso della struttura.

La signora ricorda i balli in maschera al teatro, “con costumi sontuosi”, e il periodo in cui il Manoel era utilizzato anche come cinema.

Vincenza Micallef descrive la vita nel Teatro Manoel, dove la sua famiglia viveva come custode. Video: Chris Sant Fournier

“Spesso i sacerdoti della chiesa carmelitana chiedevano a mia madre Maria se poteva portarli di nascosto a vedere un film su Cristo”, racconta Vincenza.

e lei rispondeva: “Certo, ma solo due alla volta, altrimenti la gente lo scoprirà””.

La madre di Vincenza, anch’essa nata e cresciuta lì, è stata l’ultima custode residente del teatro. Aveva preso il posto del marito, Rosario, dopo la sua morte nel 1957. In passato, la famiglia Micallef era parte integrante del teatro, tanto che Rosario e Maria poterono persino organizzare il loro ricevimento di nozze all’interno del teatro.

“Hanno fatto la festa in teatro e il signor (Olaf) Gollcher (un precedente proprietario) l’ha organizzata per lei… È stata una festa enorme, piena di gente. Hanno persino liberato tutti i posti a sedere per avere più gente”, racconta Vincenza.

From left: Vincenza, her mother, a young boy and her sister with their dogs on the roof of the Manoel Theatre. Photo: Micallef familyDa sinistra: Vincenza, sua madre, un ragazzo e sua sorella con i loro cani sul tetto del Teatro Manoel. Foto: Famiglia Micallef

Tutta la famiglia lavorava nel teatro

Si ritiene che sia stata l’unica volta in cui il teatro è stato utilizzato per ospitare un ricevimento di nozze.

L’intera famiglia ha lavorato nel teatro a un certo punto, con mansioni che comprendevano la pulizia, i lavori manuali, la sorveglianza notturna e, per Vincenza, il lavoro al botteghino.

Per quanto riguarda le voci sui fantasmi del teatro, Vincenza si affretta a liquidare le storie come “sciocchezze”.

Dopo essere stato in mani private per decenni, il governo ha acquisito il teatro alla fine degli anni Cinquanta.

“Il governo ne ha preso il controllo e non ha più avuto bisogno di un custode”, ha detto Vincenza.

Alla famiglia fu detto che i loro servizi non erano più necessari e fu chiesto loro di lasciare i locali. Nel decennio successivo, il problema di cosa fare di Vincenza e della sua famiglia divenne un punto di contesa per la direzione del teatro, per il governo e, naturalmente, con grande dolore, per la famiglia.

The Manoel Theatre’s last caretaker, Maria Micallef on the roof of the theatre with her dog. Photo: Micallef familyL’ultima custode del Teatro Manoel, Maria Micallef, sul tetto del teatro con il suo cane. Foto: Famiglia Micallef

eravamo tutti in lacrime, eravamo tutti nati lì”

“Eravamo tutti in lacrime; eravamo tutti nati lì, cresciuti lì e, dopo tutto quel tempo, dovevamo andarcene”, ricorda Vincenza.

Cercando nell’archivio del Teatro Manoel, il suo direttore artistico, Adrian Mamo, ha trovato una serie di documenti che descrivono il trasferimento e la sistemazione della famiglia.

Negli ultimi quattro anni di permanenza al teatro, la direzione del teatro ha rinnovato il contratto di custode di Maria di mese in mese, lasciandola in uno stato di incertezza mentre si avvicinava all’età della pensione.

The Malta News report from 1965 details the story of the family’s plight after they were told to move out of the theatre. Photo: Jeremy GrechIl reportage di Malta News del 1965 racconta in dettaglio la storia della situazione della famiglia dopo che fu detto loro di lasciare il teatro. Foto: Jeremy Grech

L’attore Jeremy Grech, che gestisce le tournée teatrali del teatro, ha scoperto attraverso gli archivi come il governo, in particolare l’ex parlamentare laburista Patrick Holland, sia stato coinvolto direttamente. Egli inviò lettere alla direzione nel tentativo di far trasferire la famiglia a Sliema, dove Maria voleva vivere.

La vicenda fu ripresa dai media, con un titolo del Malta News che dichiarava: “La famiglia Manoel in difficoltà”.

Alla fine, nel 1968, la famiglia – Vincenza, sua sorella Tessie e sua madre Maria – lasciò il Teatro Manoel. Dato che i prezzi degli affitti erano troppo alti a Sliema, finirono a Paola.

Vincenza ha continuato a possedere e gestire una serie di uffici del lotto a Valletta, Sliema e, infine, Paola.

Ma il suo cuore è rimasto al Manoel.

“Pensi che ci viva qualcuno adesso?”, ha chiesto al nipote alla fine della sua intervista al Times of Malta .

Dopo la risposta negativa di lui, è scoppiata in una risata e ha detto: “Non pensavo”.

Vincenza Micallef and her nephew Paul Micallef. Photo: Chris Sant FournierVincenza Micallef e suo nipote Paul Micallef. Foto: Chris Sant Fournier
RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE