domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaGli assistenti sociali criticano il ministro della Famiglia Michael Falzon per il...

Gli assistenti sociali criticano il ministro della Famiglia Michael Falzon per il suo discorso in parlamento

Martedì scorso il ministro della Famiglia ha lanciato una serie di frecciate all’Associazione maltese degli assistenti sociali e alla Facoltà per il benessere sociale dell’Università.

L’associazione degli assistenti sociali ha dichiarato di essere “inorridita” da un discorso parlamentare di Michael Falzon sulla professione di assistente sociale e sull’assunzione di persone non qualificate per svolgere il loro lavoro.

In un discorso infuocato tenuto ieri in Parlamento, il ministro della Famiglia è sembrato prendere di mira l’Associazione maltese degli assistenti sociali e la Facoltà di benessere sociale dell’Università.

Durante il suo discorso di 30 minuti, Falzon ha accusato “coloro che dovrebbero incoraggiare gli studenti a intraprendere la professione di assistente sociale” di trasformare la questione in una questione di parte.

Ha avvertito gli assistenti sociali di non permettere a nessuno di usarli per motivi di parte, affermando che non si riferiva solo all’opposizione, ma anche a “coloro che dovrebbero essere in prima linea nell’incoraggiare un maggior numero di assistenti sociali”.

Senza fare nomi, ha affermato che ci sono “parti interessate” che mentono sulla questione e distorcono i fatti e ha criticato il “tono” usato da critici senza nome.

Durante il suo discorso, Falzon ha anche accusato i rappresentanti dell’università nel consiglio che rilascia i mandati per gli assistenti sociali di “fare da palo”, sostenendo che non è vero che il preside della facoltà vuole incoraggiare più persone a intraprendere il corso di lavoro sociale.

Alcuni stavano sfruttando la loro posizione per essere un “Messia, o la soluzione per tutti“, ha detto.

Ha anche accusato gli assistenti sociali locali di fare pressioni sulle associazioni internazionali per criticare il governo: gli assistenti sociali si erano recati all’estero per incontrare la Federazione Internazionale degli Assistenti Sociali (IFSW) e “casualmente” l’IFSW aveva scritto a Malta ribadendo le richieste dell’opposizione, ha detto.

A maggio, membri dell’esecutivo del MASW hanno partecipato a una conferenza dell’IFSW.

Preoccupazioni per i lavoratori sotto qualificati

Gli attacchi del ministro arrivano dopo che gli assistenti sociali, la facoltà universitaria e l’IFSW hanno segnalato preoccupazioni sul modo in cui il governo sta assegnando loro compiti delicati come la revisione dei casi e la valutazione dei rischi dei bambini vulnerabili.

Gli assistenti sociali hanno dichiarato al Times of Malta che questi individui – assunti dallo Stato come “professionisti dell’assistenza sociale” – a volte si riferiscono a se stessi come assistenti sociali con altri professionisti e con le persone che usufruiscono dei loro servizi.

I cosiddetti professionisti dell’assistenza sociale hanno bisogno di una laurea in materie umanistiche per essere qualificati per il lavoro. Ma il problema è che non hanno seguito la formazione necessaria, non sono regolamentati dal consiglio per la professione di assistente sociale, non sono obbligati a rispettare il codice etico degli assistenti sociali e non sono vincolati dal Social Work Profession Act.

L’IFSW (Europa) ha espresso al primo ministro la sua “profonda preoccupazione” per lo stato della professione a Malta e per l’assunzione di persone non qualificate per svolgere il lavoro sociale.

La Facoltà per il benessere sociale ha condiviso la preoccupazione della federazione e ha suggerito una revisione degli stipendi e dei requisiti accademici per aumentare l’offerta di assistenti sociali qualificati.

Il governo ha sostenuto di essere ricorso all’assunzione di questi “professionisti dell’assistenza sociale” perché a Malta, come nel resto d’Europa, c’è carenza di assistenti sociali.

‘Non siamo di parte’

In una dichiarazione rilasciata oggi, l’Associazione maltese degli assistenti sociali si è detta sconcertata dal discorso del ministro in Parlamento.

“Mentre il Ministro ha espresso rispetto e apprezzamento per la professione, la realtà purtroppo sta dimostrando il contrario e questo sta causando un possibile danno irreversibile alla professione da parte delle stesse persone a cui è affidata la promozione e il mantenimento degli standard”.

L’associazione ha affermato che, sebbene il ministro abbia discusso la questione con il MASW negli ultimi due anni, agli assistenti sociali non è stata fornita una soluzione in merito alle persone non qualificate che svolgono ruoli di assistenza sociale.

“Perché dovrebbero volerci più di due anni per risolvere la questione se il lavoro sociale è considerato con l’apprezzamento di cui si parla? È quindi estremamente preoccupante per l’associazione ascoltare discorsi come quello pronunciato ieri in parlamento, che dimostrano l’oblio e la negazione del problema, in diretta contraddizione con la realtà della situazione”, ha dichiarato il MASW.

L’associazione ha ribadito di non essere un’entità di parte e che i suoi membri hanno opinioni politiche diverse.

Nonostante i quattro principali stakeholder di Malta (MASW, Malta Social Work Profession Board, Faculty for Social Wellbeing e Malta Federation of Professional Associations) e l’IFSW abbiano portato il problema all’attenzione del ministro, il governo continua a negare.

“Il messaggio tra le parti interessate è ovviamente quasi una replica, poiché lo stesso messaggio è stato continuamente ripetuto.

“Non si tratta di essere territoriali, come è stato suggerito, ma di mantenere gli standard che possono essere forniti solo da assistenti sociali professionisti qualificati e di proteggere gli utenti vulnerabili dei servizi che meritano il diritto di ricevere un servizio da persone adeguatamente qualificate e legalmente responsabili del loro ruolo. Qualcosa di meno non va bene”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...