martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaCronacaCauzione per gli operai edili che hanno ferito un uomo nella rissa...

Cauzione per gli operai edili che hanno ferito un uomo nella rissa di Marsascala

A tutti e tre è stata concessa la libertà provvisoria. Foto d’archivio

Tre operai edili sono stati provvisoriamente rilasciati dopo essere stati accusati di aver ferito un altro uomo in una rissa a Marsascala.

Gli operai – i fratelli albanesi Edison Lamaj, 42 anni, e Saimir Lamaj, 41 anni, e un terzo uomo, Artur Muskaj, 38 anni, anch’egli albanese – sono stati chiamati in giudizio martedì davanti al magistrato Joseph Gatt con l’accusa di aver ferito gravemente un altro uomo albanese.

L’ispettore di polizia Gabriel Kitcher ha raccontato alla corte che l’incidente è avvenuto in Triq is-Sajjieda a Marsascala, la località in cui risiedono i tre uomini e la presunta vittima, la domenica di Pasqua.

La presunta vittima aveva sporto denuncia alla stazione di polizia di Marsascala, raccontando che i tre accusati, insieme a un altro uomo, avevano avuto un alterco fisico con lui.

L’uomo è stato poi portato in ambulanza all’ospedale Mater Dei, dove gli sono state certificate gravi lesioni. Sulla base di un mandato d’arresto, Kitcher ha dichiarato che i fratelli Lamaj sono stati arrestati in serata.

Muskaj, ha aggiunto, si era presentato volontariamente alla stazione di polizia lunedì sera dopo che Kitcher lo aveva chiamato all’inizio della giornata.

Tutti e tre si dichiarano non colpevoli delle accuse.

L’avvocato Wilfrid Buttigieg ha dichiarato che se è vero che gli accusati sono albanesi, i fratelli Lamaj hanno forti legami con Malta, avendo vissuto nel Paese per cinque anni e avendo affittato una residenza con altri due dei loro fratelli per tutto questo tempo.

Inoltre, entrambi sono in possesso di un permesso di soggiorno e hanno un lavoro stabile nel settore edile.

“Il fatto che siano un nucleo familiare di quattro persone che vivono insieme in un Paese straniero indica che sono qui in modo permanente, non come individui che possono vivere da soli senza legami affettivi”, ha detto, assicurando alla corte che gli imputati non temono la fuga.

L’incidente è stato un evento isolato, poiché tutti gli uomini hanno la fedina penale pulita.

Inoltre, l’avvocato Jacob Magri ha dichiarato che ci sono già state delle discussioni con la presunta vittima, che ha espresso la sua disponibilità a perdonare gli accusati per quanto accaduto e che probabilmente non intendeva testimoniare durante il procedimento.

Tuttavia, avendo egli stesso presentato la denuncia alla polizia, la versione dei fatti della vittima era già stata conservata tra le prove della polizia e, se la sua testimonianza avesse avuto delle variazioni rispetto alla sua dichiarazione originale, avrebbe dovuto assumersene la responsabilità.

Parlando a nome di Muskaj, l’avvocato Francesca Zarb ha affermato che le stesse circostanze si applicano all’imputato, che vive a Malta e lavora regolarmente da cinque anni, insieme alla moglie, che è fortemente incinta e dovrebbe partorire a giorni.

L’accusa ha dichiarato di opporsi “come formalità”, poiché si teme ancora una manomissione delle prove nel caso in cui la presunta vittima decida di testimoniare e l’uomo dovrebbe avere garanzie di poter testimoniare con facilità.

Per quanto riguarda il timore di fuga, Kitcher ha chiesto alla corte che, in caso di concessione della cauzione, i suoi documenti siano depositati presso il tribunale per tutta la durata del procedimento.

Dopo aver ascoltato le osservazioni, il magistrato Gatt ha deciso di concedere la libertà su cauzione per tutti e tre gli uomini a fronte di un deposito di 1.000 euro e di una garanzia personale di 3.000 euro.

È stato inoltre ordinato loro di firmare il libretto della cauzione presso la stazione di polizia di Marsascala tre volte alla settimana e di rimanere in casa tra le 21.00 e le 5.30 del mattino. È stato inoltre emesso un ordine di protezione a favore della vittima.

Per il Procuratore generale è intervenuto Federico Barbaro Sant.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Taiwan colpita da numerose scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 6,3

Questa immagine pubblicata dalla Central News Agency (CNA) di Taiwan il 22 aprile 2024 mostra rocce cadute sull'autostrada Suhua a Hualien. Foto: AFPLa capitale...