martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaConcorrente di Love Island Malta il cui padre è stato incarcerato per...

Concorrente di Love Island Malta il cui padre è stato incarcerato per aver picchiato una donna: “Non sono mio padre”

Times of Malta ha incontrato la 18enne Kyonne Gravina. Foto: Chris Sant Fournier

Kyonne Gravina, uno dei nuovi concorrenti di Love Island Malta, ha lanciato un appello affinché le persone lo conoscano per quello che è e non lo giudichino per i crimini commessi in passato dal padre.

Mercoledì il team di produzione di Love Island Malta ha pubblicato un video di presentazione di Gravina come uno dei concorrenti della seconda stagione del reality show.

Kyonne, 18 anni, è il figlio di Keith Gravina, incarcerato l’anno scorso per aver picchiato una donna. È morto suicida ad aprile, cinque mesi dopo essersi gravemente ferito nella sua cella.

“Vorrei che la gente capisse che io non sono lui. So che quello che ha fatto è sbagliato e spero di poter usare la mia esperienza a Love Island per mostrare alla gente che sono diverso”, ha detto Kyonne a Times of Malta.

“Non potevo controllare quello che faceva mio padre. È stato lui a fare quelle cose, non io. Io sono Kyonne, lui è Keith: siamo due persone diverse. Posso assomigliare un po’ a lui, ma non ho fatto le cose che ha fatto lui”.

Times of Malta ha incontrato Kyonne per una breve intervista dopo la morte del padre, durante la quale ha rivelato di aver fatto domanda per partecipare a Love Island Malta.

Dalla villa in cui alloggerà per le prossime settimane, Kyonne non potrà vedere ciò che la gente dice di lui sui social media, ma si aspetta alcuni commenti di odio sulla sua decisione di partecipare a Love Island e sul passato della sua famiglia.

“Cercherò, per quanto possibile, di non farmi condizionare. Dopo tutto, non posso controllare ciò che la gente pensa e dice. Non credo che abbiano motivo di odiarmi, ma dipende da loro, non posso fermarli”.

Padre colpevole di aver picchiato una donna

Il padre Keith è stato condannato a quattro anni di carcere lo scorso novembre, dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver picchiato una donna nella sua casa nel 2018. La donna aveva raccontato in tribunale che Gravina l’aveva presa a pugni, le aveva tolto i vestiti e aveva “cercato di ucciderla” con una prolunga.

Cuoco e ristoratore, Gravina è stato accusato separatamente di aver aggredito un’altra donna lo scorso ottobre, ferendola gravemente colpendola con un’asta di metallo e trattenendola contro la sua volontà, oltre che di possesso e acquisto illegale di cocaina.

La polizia aveva raccontato in tribunale che, dopo aver ricevuto segnalazioni di urla provenienti dal locale di Gravina, aveva trovato la donna seminuda sul pavimento, coperta di sangue.

Pochi giorni dopo essere stato condannato per il primo reato – e mentre il processo per il secondo presunto reato era ancora in corso – Gravina si è gravemente ferito nella sua cella e ha rischiato di morire.

Gravina, 42 anni, è sopravvissuto all’incidente ma è morto il mese scorso, dopo aver trascorso cinque mesi in ospedale.

“Capisco che la gente sia arrabbiata”

Kyonne ha raccontato di essere sconvolto dalle accuse che riguardano suo padre. Da un lato lo amava come padre, dall’altro non riusciva ad accettare o giustificare le sue azioni.

“Capisco che la gente sia arrabbiata. Ha fatto cose brutte, non solo a quella donna ma anche a mia madre, e io stesso ho visto cose orribili”.

“Non era giusto e discutevo con lui [sul suo comportamento]”, ha detto.

“A volte andavo ad aiutarlo alla tavola calda e cercavo di farlo ragionare. Ho continuato ad aiutarlo come potevo, sperando che un giorno avrei avuto un buon padre, come tutti gli altri”.

“Ho continuato a desiderare una figura paterna perché non ne ho mai avuta una, e ho continuato a provarci fino alla fine”.

“Ora spero che la gente capisca che non sono come lui, ma che sono cresciuto in modo diverso, più forte, grazie a quel duro passato”.

Rattristato ma non scioccato

Kyonne ha raccontato di essersi molto dispiaciuto quando ha saputo che suo padre si fosse fatto del male in prigione lo scorso novembre, ma ha ammesso di non esserne rimasto scioccato.

“Aveva già tentato qualcosa di simile in passato e quando ho saputo che era stato incarcerato per quattro anni ho sospettato che non sarebbe stato in grado di resistere così a lungo”, ha raccontato.

“Sapevo che non c’erano molte speranze che sopravvivesse dal momento in cui l’ho visto in ospedale dopo l’episodio di autolesionismo. Ero molto arrabbiato con lui, ma non era nemmeno bello vederlo in quello stato”.

Kyonne ora spera di andare avanti verso una vita serena.

“Tutto ciò che voglio nella vita è avere successo, avere una famiglia e vedere mia madre felice. È la cosa più importante”.

La seconda stagione del reality show, molto seguito e spesso controverso, inizia domenica su TVM e andrà in onda quasi ogni giorno a maggio e giugno.

Lo show è un’iterazione locale del reality britannico che segue i concorrenti “single e pronti ad accoppiarsi”, meglio conosciuti come “isolani”, mentre competono per il premio in denaro mettendosi insieme e sopravvivendo alle eliminazioni del voto pubblico.

Se vi sentite depressi e avete bisogno di sostegno o di indicazioni su come aiutare qualcuno che ha tendenze suicide, chiamate il numero 1579. Potete anche chiamare la linea telefonica di Richmond Malta al numero 1770. Si può anche digitare OLLI.chat sul proprio browser desktop, mobile o tablet per chattare con un professionista. Se siete stati colpiti da un suicidio, potete chiamare il Victim Support Malta al numero 2122 8333 oppure info@victimsupport.org.mt.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...