sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaCinque ragazze e un ragazzo si coalizzano contro un sedicenne, rapinandolo e...

Cinque ragazze e un ragazzo si coalizzano contro un sedicenne, rapinandolo e ferendolo con un coltello

L’attacco è avvenuto appena fuori dalla Porta della Città. Foto: Shutterstock

Cinque ragazze e un ragazzo si sono coalizzati contro un ragazzo di 16 anni, derubandolo di denaro e ferendolo gravemente con un coltellino in un giardino pubblico di Floriana lo scorso fine settimana.

Il gruppo, di età compresa tra i 14 e i 20 anni, è stato identificato come i presunti aggressori della rapina avvenuta sabato sera intorno alle 19 in un giardino pubblico appena fuori dalla Porta della Città.

La polizia della stazione di Valletta ha trovato la vittima stesa a terra, con ferite visibili al volto e alle mani.

È stato trasportato d’urgenza all’ospedale Mater Dei, dove i medici hanno confermato che aveva riportato tagli ai legamenti delle mani. Le sue ferite sono state classificate come gravi.

La vittima ha poi parlato con la polizia, dicendo di essere stato aggredito da un gruppo di sei persone. È riuscito anche a identificare uno degli aggressori come un 14enne maltese di Żurrieq.

È stato emesso un mandato di arresto nei confronti del primo sospettato.

Grazie ai filmati delle telecamere a circuito chiuso e alle informazioni raccolte in ore di intenso lavoro di polizia, gli investigatori sono riusciti a identificare gli altri cinque sospetti che sono stati rintracciati e arrestati lunedì.

Due di loro sono stati arrestati presso il deposito della polizia. Gli altri sono stati arrestati nelle loro case.

Le fonti hanno detto che la presunta vittima era apparentemente un ex fidanzato di un amico dei co-accusati e che c’erano stati dei litigi verbali prima che la situazione degenerasse in violenza fisica.

Martedì, tutti e sei sono stati chiamati in giudizio congiuntamente.

Tutte e sei sono state accusate di aver ferito gravemente la vittima e di aver violato volontariamente la pace pubblica.

Tre delle ragazze sono state accusate di furto aggravato, mentre la ventenne è stata accusata separatamente di possesso illegale del coltellino e di recidiva.

Il 17enne è stato accusato separatamente anche di danneggiamento intenzionale della proprietà della vittima.

Il quattordicenne, insieme alle sue cinque complici, una diciassettenne di Paola, due sorelle di 14 e 15 anni di Gżira, una quindicenne di La Valletta e la ventenne Aicha Mariah di Paola, si sono dichiarati non colpevoli.

Il tribunale ha emesso un divieto di utilizzo dei nomi dei minori.

Il magistrato Joseph Mifsud ha messo in discussione le accuse nei confronti dei quattordicenni, sottolineando che la legge prevede il requisito di “dolo”.

Intenzione dolosa

L’ispettore dell’accusa Stephen Gulia ha spiegato che le prove raccolte hanno dimostrato che l’elemento dell’intento doloso era effettivamente presente.

In questo caso, la presunta vittima non è stata semplicemente aggredita, ma è stata anche derubata della sua borsa, contenente circa 90 euro in contanti.

Inoltre, nell’aggressione era stato usato un coltellino.

Per quanto riguarda il quattordicenne, pur confermando che aveva collaborato con la polizia, il procuratore ha aggiunto che aveva cancellato del materiale dal suo telefono, coprendo così le tracce del reato.

La quattordicenne avrebbe invece rubato gli oggetti della vittima.

Quattro degli accusati erano studenti, anche se una delle ragazze ha dichiarato di non avere intenzione di sostenere gli esami.

“Perché no?”, ha chiesto il magistrato, sottolineando che lo studio era la chiave per un lavoro migliore e una retribuzione migliore.

“Sei ancora in tempo”, esortò il magistrato.

La ragazza ha semplicemente scrollato la testa.

La 17enne era impiegata in un call center di Mosta, mentre la più grande del gruppo ha detto che stava studiando per diventare tatuatrice.

L’accusa si è opposta alla richiesta di libertà provvisoria perché la vittima doveva ancora testimoniare ed era ancora in ospedale.

Tuttavia, la corte ha accolto la richiesta di libertà provvisoria, affermando che, sebbene i giovani delinquenti meritassero un avvertimento, non dovevano essere tenuti in custodia cautelare, ma piuttosto autorizzati a tornare ai loro studi.

La cauzione è stata concessa a fronte di una garanzia personale di 2.000 euro a testa, con un coprifuoco tra le 22 e le 6 del mattino, firmando il libretto di cauzione una volta alla settimana e con l’ordine tassativo di non avvicinarsi in alcun modo alla vittima.

Il tribunale ha anche emesso un ordine di protezione nei confronti della vittima.

L’avvocato Kenneth Camilleri dell’AG, insieme agli ispettori Stephen Gulia, Shaun Pawney e Daryl Borg, ha svolto l’azione penale. Gli avvocati Franco Debono, Francesca Zarb, Ishmael Psaila, Dustin Camilleri e Alexia Attard hanno assistito a vario titolo gli imputati.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE