sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaAttualitàUna coppia di canoisti pianifica una sfida di 72 chilometri

Una coppia di canoisti pianifica una sfida di 72 chilometri

Quando Anthony Delia e Derome Agius si sono allenati insieme per la prima volta, hanno finito per ribaltarsi in mare. Ma ora stanno affrontando una sfida di 72 chilometri a favore di un centro di formazione in Etiopia.

Il duo, che lavora presso il Vassallo Group, ha in programma di remare intorno la costa di Malta il mese prossimo. Delia ha raccontato di essere stata ispirata dal lavoro della Fondazione Sigma per l’istruzione dei bambini in Etiopia e di aver voluto partecipare.

Mentre il 51enne aveva una certa esperienza nel kayak, che ha intrapreso come hobby durante la pandemia, Agius aveva poca conoscenza di questo sport quando hanno iniziato ad allenarsi a marzo.

“Durante il nostro primo allenamento siamo finiti entrambi in mare”, ha raccontato Delia, ridendo del ricordo.

A render of the skills centre in Ethiopia that aims to help lift women out of poverty. Photo: Sigma Foundation

La seconda volta sono riusciti a percorrere due chilometri. La settimana scorsa hanno remato per nove ore e hanno percorso quasi 40 km.

“Oltre alla sfida fisica, credo che la mentalità giochi un ruolo fondamentale in questo sport di resistenza”, ha detto il geometra, che è anche fratello dell’ex leader della PN Adrian Delia.

“Ci sono momenti in cui sembra che si stia remando da una vita e si è bloccati nello stesso punto, facendo pochi progressi. Può essere molto faticoso. Ma la mia principale ispirazione per andare avanti è la beneficenza“.

Il duo prevede di tentare la sfida di Paddling for Ethiopia tra l’8 e il 15 luglio, a seconda delle condizioni meteorologiche. Partiranno dal centro Splash and Fun alle 7.30 e circumnavigheranno l’isola in senso antiorario. Sperano di tornare alla base entro l’una di notte del giorno successivo.

Obiettivo della raccolta fondi

I colleghi sperano di raccogliere 5.000 euro che serviranno per la costruzione di una scuola che si concentrerà sulla formazione in informatica, cucina, parrucchiere, cucito e ricamo.

Il centro di sviluppo delle competenze a Bonga, in Etiopia, sarà aperto a uomini e donne di età compresa tra i 20 e i 45 anni, ma con l’obiettivo principale di potenziare le donne, creare opportunità di lavoro e ridurre la povertà nella zona.

“Spero di fare una piccola differenza, sia per le persone per cui stiamo raccogliendo fondi, sia per coloro che potrebbero pensare di fare qualcosa per dare una mano”, ha detto.

La coppia sarà assistita da Alpha Medical durante la sfida.

“Potrebbe anche essere la prima volta che un kayak da diporto viene utilizzato per una tale distanza”, ha aggiunto Delia. “Si tratta di un kayak pesante e più ingombrante, e per tali distanze è ideale utilizzare un kayak più leggero, ma noi siamo determinati a farlo”.

All’inizio di quest’anno, una nuova scuola in Etiopia, finanziata dalla Fondazione Sigma, ha aperto le porte a circa 1.000 bambini.

La scuola è dedicata alla memoria di Rebecca Zammit Lupi, Jonathan Chetcuti e Karl Pace, tutti morti in circostanze tragiche negli ultimi anni.

“Potrei avere poca conoscenza delle onde e del vento e poca esperienza in mare, ma voglio fare la mia parte e dare qualcosa a chi è meno fortunato”, ha detto Delia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE