giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaAttualitàUn nuovo impianto di recupero rifiuti per un'economia circolare

Un nuovo impianto di recupero rifiuti per un’economia circolare

I flussi di rifiuti precedentemente conferiti in discarica saranno ora trattati e riutilizzati grazie all’apertura dell’impianto di recupero multimateriale (MMRF) di WasteServ, del valore di 20 milioni di euro.

L’impianto, finanziato in parte dai Fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020, è stato inaugurato oggi dal Ministro dell’Ambiente, dell’Energia e delle Imprese Miriam Dalli e dal Segretario parlamentare per i Fondi europei Chris Bonett, alla presenza del Commissario europeo per l’Ambiente, Virginijus Sinkevičius.

Situato in Ħal Far, il MMRF è progettato per accettare flussi di rifiuti come legno, materassi, polistirolo, pneumatici e tessuti. Grazie a questa struttura, WasteServ effettuerà un pretrattamento limitato su alcuni materiali per reintrodurli nell’economia circolare e consentirne l’esportazione con un minore impatto ambientale. Inoltre, la struttura servirà come deposito per i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) ricevuti attraverso i siti di pubblica utilità.

Accompagnati dal CEO di WasteServ Richard Bilocca, il Commissario Europeo, il Ministro Dalli e il Segretario Parlamentare Bonett hanno visitato l’impianto prima di intervenire ad una conferenza stampa.

Oggi è un giorno importante per la gestione dei rifiuti a Malta, in quanto continuiamo a stabilire un sistema di gestione dei rifiuti sostenibile che promuove la separazione dei rifiuti e incoraggia il riutilizzo dei materiali. Questo governo è impegnato a lavorare costantemente sui nostri sistemi di gestione dei rifiuti come priorità, con l’obiettivo di raggiungere i nostri obiettivi di garantire un’economia circolare e ridurre i rifiuti in discaricaMiriam Dalli

Il Ministro Dalli ha inoltre spiegato che questo investimento va ad aggiungersi a quello di 500 milioni di euro attualmente in corso presso il complesso ECOHIVE. Il complesso comprenderà nuove strutture per il trattamento dei rifiuti, che miglioreranno ulteriormente le prestazioni del Paese in questo settore.

Il Commissario UE Virginijus Sinkevičius ha dichiarato: “Sono lieto di vedere che i fondi UE vengono utilizzati per aiutare Malta a passare a un’economia circolare completa. Questo impianto restituirà all’economia migliaia di tonnellate di materiale riciclabile di buona qualità. Attendo con ansia la realizzazione di ulteriori progetti incentrati sulla deviazione dei rifiuti dalle discariche”.

Il Segretario parlamentare Bonett ha spiegato che questo investimento di 20 milioni di euro, parzialmente finanziato dai Fondi strutturali e di investimento europei, è una dimostrazione di ciò che si può ottenere quando si combinano innovazione e responsabilità.

“L’MMRF è un investimento nell’ambiente, nella nostra salute e nel nostro futuro. Simboleggia l’impegno di questo governo che, con l’utilizzo del Fondo di coesione dell’Unione europea, investe in progetti che aprono la strada alle generazioni future. Ci impegniamo a continuare a lavorare fianco a fianco affinché, con l’aiuto dei fondi europei, gli obiettivi di questo progetto possano riflettere i nostri sforzi per essere innovativi e fare grandi passi avanti verso un futuro sostenibile”, ha dichiarato il dottor Bonett.

Dopo la conferenza stampa, il commissario ha visitato uno dei centri di riutilizzo. Grazie a queste strutture, situate a Malta e Gozo, circa 10.000 oggetti sono stati sottratti alle discariche e hanno ricevuto una nuova vita dai nuovi proprietari.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donna porta il cadavere dello zio in banca per ottenere un prestito in Brasile

La donna ha cercato di far credere che lo zio stesse firmando i documenti. Screengrab da filmati: X, ex TwitterLa polizia brasiliana ha arrestato...