Materassi e pneumatici tra i materiali riciclabili grazie al nuovo impianto

Materassi e pneumatici non saranno più gettati in discarica, ma inizieranno a essere riciclati in un impianto di recupero multimateriale di Ħal Far, inaugurato oggi.

Nelle scorse settimane, l’impianto di recupero multimateriale (MMRF) ha iniziato a trattare polistirolo, pneumatici, tessuti, legno e materassi prima di esportarli per il riciclaggio.

L’impianto, cofinanziato dall’UE con 20 milioni di euro, tratterà 15.000 tonnellate all’anno, operando dal lunedì al venerdì per 10 ore al giorno, ha dichiarato Daniel Tabone, responsabile dell’economia circolare di WasteServe.

“Ma l’impianto può funzionare 24 ore al giorno se c’è richiesta”, ha detto Tabone.

Ma Malta deve ancora fare di più per raggiungere gli obiettivi di riciclaggio dell’UE.

L’inaugurazione dell’impianto arriva dopo che, a gennaio, WasteServe ha concesso alle imprese che smaltiscono i loro rifiuti direttamente presso le sue strutture.

Car tyres are among the materials being treated at the facility. Photo: Jonathan Borg
I pneumatici per auto sono tra i materiali trattati nell’impianto. Foto: Jonathan Borg

Le tariffe per lo smaltimento dei rifiuti misti sono aumentate, poiché la politica mira a incentivare la separazione nel settore commerciale.

I rifiuti separati sono stati stoccati presso l’impianto di Ħal-Far e ora vengono trattati.

La nuova tassa di ingresso non è destinata a WastServ per generare un “profitto”, ma alle aziende per separare e smaltire i loro rifiuti di conseguenza, aveva detto WasteServe quando ha annunciato la politica in ottobre.

Il commissario europeo per l’ambiente Virginijus Sinkevičius, che ha partecipato all’inaugurazione, ha descritto il nuovo impianto come “un enorme passo nella giusta direzione”.

Il progetto ha utilizzato 11,4 milioni di euro di fondi di coesione dell’UE, più della metà del prezzo dell’impianto. Ma Malta ha ancora bisogno di fare i conti con i suoi problemi.

Secondo un rapporto di allerta della Commissione europea, Malta rischia di non raggiungere gli obiettivi di riciclaggio, ha dichiarato Sinkevičius.

Environment minister Miriam Dalli was flanked by EU Commissioner Virginijus Sinkevičius and EU funds parliamentary secretary Chris Bonnet. Photo: Jonathan Borg
Il ministro dell’Ambiente Miriam Dalli è affiancata dal commissario europeo Virginijus Sinkevičius e dal segretario parlamentare per i fondi europei Chris Bonnet. Foto: Jonathan Borg

Malta è tra i 13 Stati membri ancora lontani dall’obiettivo di un massimo del 10% di smaltimento in discarica dei rifiuti urbani da raggiungere entro il 2035, si legge nel rapporto.

Inoltre, Malta è tra i 18 Stati membri che rischiano di non raggiungere l’obiettivo di preparare il 55% dei rifiuti urbani per il riutilizzo e il riciclaggio.

L’impianto “dovrebbe apportare un cambiamento molto necessario alla situazione del riciclaggio qui a Malta”, ha dichiarato Sinkevičius.

Il Ministro dell’Ambiente Miriam Dalli ha dichiarato che il governo sta dando priorità alla gestione dei rifiuti.

“Questo governo si impegna a lavorare costantemente sui nostri sistemi di gestione dei rifiuti come priorità, con l’obiettivo di raggiungere i nostri obiettivi per garantire un’economia circolare e ridurre i rifiuti in discarica“, ha dichiarato Dalli.

Il complesso ECOHIVE, del valore di 500 milioni di euro, comprenderà un impianto di termovalorizzazione e migliorerà ulteriormente le prestazioni della contea in materia di gestione dei rifiuti.