venerdì, Maggio 31, 2024
HomeMaltaAttualitàIl giudice si astiene dal caso di omicidio, ritenendo che l'assegnazione non...

Il giudice si astiene dal caso di omicidio, ritenendo che l’assegnazione non sia stata fatta correttamente

Un uomo il cui caso di omicidio è rimbalzato tra vari giudici ha vinto una battaglia legale per ottenere l’annullamento dell’ultimo incarico giudiziario nel caso.

La decisione del giudice Edwina Grima di astenersi dal procedimento ha dato ragione ad Aleksandr Stojanovic e al suo team legale, che avevano fatto ricorso alla procedura speciale dell’habeas corpus per contestare la legalità dell’arresto di Stojanovic.

Stojanovic è in attesa di giudizio per l’omicidio dell’egiziano Walid Salah Abdel Motaleb Mohammed, avvenuto nel 2018. Ha trascorso diverse settimane in carcere, senza poter chiedere la libertà provvisoria, poiché il suo caso è stato trasferito da un giudice all’altro.

Gli avvocati dell’imputato avevano presentato una richiesta di libertà su cauzione per conto del 43enne serbo e sono ricorsi a una seconda richiesta circa sei settimane dopo, non avendo ottenuto risposta alla richiesta iniziale.

Hanno anche presentato un’istanza parallela per contestare la legalità del suo arresto.

La Corte penale, presieduta dal giudice Edwina Grima, ha ascoltato come il caso sia passato dal giudice Consuelo Scerri Herrera, che si è astenuta quando suo fratello, l’ex avvocato Jose’ Herrera, si è unito al team di difesa, al giudice Aaron Bugeja, poi al giudice Audrey Demicoli.

Il caso è stato infine riassegnato al giudice Grima, che ha fissato un’udienza senza indugio.

Durante l’udienza, la Corte ha appreso che quando il caso è stato assegnato al giudice Bugeja, l’assegnazione è stata firmata dal Presidente di Malta che ha dichiarato di affidarsi al parere del “ministro”.

La difesa ha sostenuto che, in base alla Costituzione, tale assegnazione era prerogativa esclusiva del Presidente della Corte Suprema, che emetteva la sua raccomandazione che doveva poi essere firmata dal Presidente.

Tuttavia, nel corso degli anni l’amministrazione dei tribunali ha introdotto la pratica errata di includere una comunicazione della raccomandazione del presidente della Corte Suprema al procuratore generale e al ministro della Giustizia.

Questo passo ingiustificato nel processo aveva suscitato dubbi sulla selezione del giudice che avrebbe dovuto presiedere l’imminente processo a Yorgen Fenech.

La procedura è stata rettificata a seguito di una decisione della Corte Costituzionale che ha criticato l’errore amministrativo dei tribunali nel procedimento presentato dagli avvocati del Fenech.

Lo scenario è stato illustrato al giudice Grima durante l’udienza di habeas corpus.

Il giudice ha poi respinto le argomentazioni della difesa, confermando la legalità dell’arresto e fissando l’udienza per la libertà provvisoria.

Tuttavia, ieri, in seguito a un ordine del Presidente della Corte Suprema, il giudice Grima ha emesso un decreto in cui spiega che l’assegnazione dei compiti “non è stata effettuata secondo la legge” e non è valida.

Di conseguenza, il giudice si è astenuto dal prendere ulteriore conoscenza del caso e ha inviato gli atti al cancelliere dei tribunali affinché il caso sia assegnato a un altro giudice.

Gli avvocati dell’AG Anthony Vella ed Etienne Savona sono i procuratori. Gli avvocati Jose’ Herrera, Franco Debono e Francesca Zarb sono i difensori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...