venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaAttualità7.030 euro: il costo medio di un decesso in un cantiere edile...

7.030 euro: il costo medio di un decesso in un cantiere edile a Malta

Secondo un nuovo rapporto, tra il 2010 e il 2022 l’ammenda media per un incidente sul lavoro in edilizia è stata di soli 7.030 euro.

In totale, 49 lavoratori edili sono morti sul posto durante questo periodo, ma solo cinque di questi casi hanno portato a decisioni giudiziarie. Le multe in questi cinque casi variavano da 11.650 euro a soli 1.000 euro.

Negli ultimi 23 anni, nessun architetto o ingegnere civile ha subito la sospensione o la revoca del mandato in relazione a decessi in edilizia.

E mentre il numero di moduli di notifica per l’edilizia presentati all’Autorità per la salute e la sicurezza sul lavoro è decuplicato dal 2011, il numero di funzionari dell’OHSA incaricati di valutare tali moduli e di ispezionare i luoghi di lavoro è rimasto più o meno lo stesso e attualmente è di appena 13 unità.

I risultati emergono da un rapporto pubblicato dalla Fondazione Daphne Caruana Caruana Galizia per la Public Interest Litigation Network, una rete di avvocati che offre assistenza alle vittime di violazioni dei diritti umani o di altri casi di interesse pubblico.

La ricerca, intitolata “Victims of Malta’s Construction Boom” (Vittime del boom edilizio di Malta), è stata sollecitata da un’ondata di morti nell’edilizia nel 2022 che ha mostrato “una chiara tendenza alla mancanza di responsabilità”, si legge nel rapporto.

Il rapporto evidenzia le carenze nei sistemi locali di registrazione, un sistema giudiziario lento che infligge sanzioni deboli e risorse umane insufficienti per far fronte alla crescita del settore edile maltese come problemi chiave che devono essere affrontati.

Più permessi, più morti

I redattori del rapporto hanno notato una chiara correlazione tra il boom edilizio di Malta, i crolli di muri e le morti in edilizia: con l’aumento delle approvazioni dei permessi di pianificazione, sono aumentate anche le tragedie nei cantieri.

Mentre 10 lavoratori edili sono morti nei quattro anni tra il 2010 e il 2013 e altri 10 tra il 2014 e il 2017, tra il 2018 e il 2022 si sono verificati 29 decessi di questo tipo, secondo il rapporto.

Le cadute dall’alto sono state di gran lunga la causa di morte più probabile: dei 49 decessi registrati tra il 2010 e il 2022, 25 sono avvenuti a causa di tali cadute.

Nessuna statistica

Il rapporto evidenzia le carenze delle autorità nel documentare gli infortuni sul lavoro: l’OHSA ha iniziato a compilare i dati sugli infortuni solo nel 2017 e non li classifica per settore, rendendo impossibile quantificare il numero di infortuni di cui è responsabile il settore edile.

L’autorità non è stata inoltre in grado di fornire informazioni sul numero di ispezioni dei cantieri edili effettuate ogni anno, né di fornire una ripartizione del numero di multe emesse ogni anno per settore.

La polizia si è dimostrata ancora meno disponibile, dicendo agli autori del rapporto che non dispone di un registro elettronico del numero di persone perseguite per morti o lesioni causate nei cantieri, e che tali informazioni sono conservate in singoli fascicoli manuali tenuti da diversi ufficiali dell’accusa.

La polizia non è stata nemmeno in grado di fornire agli autori del rapporto i dettagli sui luoghi in cui si sono verificati gli incidenti mortali nei cantieri, i nomi delle persone perseguite in relazione ad essi o i numeri di PA dei cantieri in cui si sono verificati.

“Ciò significa che, a parte alcune informazioni disponibili al pubblico attraverso sporadici resoconti dei media, non viene fornita alcuna informazione ai cittadini sui responsabili di gravi lesioni e incidenti mortali nei cantieri e sulle azioni intraprese nei loro confronti. Questo rende impossibile per l’opinione pubblica chiedere conto ai responsabili delle carenze che si sono rivelate più volte fatali”, si legge nel rapporto.

Gli unici dati disponibili sugli infortuni nei cantieri sono quelli dell’Ufficio nazionale di statistica, che raccoglie le cifre delle richieste di indennità per infortuni. Tuttavia, dato che molti lavoratori edili sono privi di documenti, è improbabile che questi dati rappresentino un quadro completo degli infortuni nei cantieri.

Giustizia in difficoltà

Anche il sistema giudiziario di Malta non è all’altezza della situazione, come emerge dalle ricerche condotte dagli autori del rapporto.

Solo cinque dei 49 casi di incidenti mortali nei cantieri edili sono stati conclusi dai tribunali, mentre altri 10 sono stati archiviati perché il tribunale ha stabilito che nessuno poteva essere perseguito. I restanti 34 casi (69%) rimangono in sospeso, con un numero di casi irrisolti che si accumula di anno in anno.

Dal 2015, nessun caso di incidente mortale in un cantiere ha portato a una decisione del tribunale. Nei cinque casi in cui è stata presa una decisione, le sanzioni sono state misere.

La multa più alta emessa è stata di 11.650 euro in una sentenza del 2013, mentre la più bassa è stata comminata in un caso in cui il tribunale ha ordinato una multa di 1.000 euro e la sospensione della pena detentiva per aver causato un decesso in un cantiere. La multa media è stata di 7.030 euro.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE