domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaAi fratelli di Lilu King è stata negata la libertà su cauzione

Ai fratelli di Lilu King è stata negata la libertà su cauzione

A due fratelli dell’imprenditore di Paceville “Lilu King è stata negata la libertà su cauzione due giorni dopo la loro presenza nei corridoi del tribunale di La Valletta, pochi minuti dopo che un testimone aveva affermato che avevano cercato di influenzare la sua testimonianza.

Mohaned Ali Ahmed Massarati, 31 anni, nato in Libia, titolare di un passaporto olandese e con lo status di rifugiato maltese, è stato riaccompagnato in tribunale insieme al fratello 26enne, anch’egli nato in Libia.

I due sono stati accusati congiuntamente di tentata corruzione di un testimone e di recidiva.

Entrambi si sono dichiarati non colpevoli.

L’ispettore dell’accusa Mallia ha spiegato che gli arresti sono stati provocati dalla deposizione di un testimone durante la sessione pomeridiana di lunedì del processo per riciclaggio di denaro in corso contro Lilu King – Mohamed Ali Ahmed Elmushraty.

Il testimone, il cui nome rimane ignoto sotto ordinanza dell’altro tribunale, aveva dichiarato sotto giuramento che i due fratelli lo avevano avvicinato su un Range Rover e gli avevano detto di cambiare la sua versione.

Avrebbero detto al testimone di confermare che il veicolo era registrato a suo nome e apparteneva a lui.

In seguito a questa dichiarazione, gli ispettori dell’accusa Tonjoe Farrugia e Mark Anthony Mercieca sono usciti dall’aula 9, dove era in corso l’udienza del caso di Elmushraty, e trovandovi i fratelli hanno proceduto prontamente al loro arresto.

Uno dei fratelli avrebbe dovuto testimoniare lunedì, ma la sua testimonianza è stata rimandata in seguito al suo arresto.

Massarati ha dichiarato di essere uno studente che vive all’estero e si reca a Malta per brevi soggiorni, mentre il fratello minore ha detto di essere disoccupato.

La richiesta di cauzione è stata respinta a causa della natura delle accuse.

La manomissione delle prove è un reato molto grave e il testimone aveva confidato alla polizia di temere gli accusati.

Inoltre, entrambi gli accusati avevano la fedina penale sporca, uno di loro era uscito di prigione solo un paio di mesi fa.

Anche se oggi in tribunale il fratello maggiore ha detto di avere una residenza fissa a St Julian’s, in precedenza aveva detto alla polizia di essere a Malta per un breve soggiorno e non aveva mai menzionato un indirizzo fisso.

Per quanto riguarda Aldabah, in precedenza alloggiava con Elmushraty nel suo appartamento di Portomaso, dormendo sul suo divano e, dopo l’arresto di Lilu King, ha affermato di alloggiare con un’altra persona di cui non ha saputo fornire il nome.

L’avvocato della difesa Charles Mercieca ha ribattuto che non si tratta di un “reato grave”.

Il fratello del co-accusato stava affrontando accuse separate in un caso che era stato molto pubblicizzato “in tutta Malta”.

“Lui [Elmushraty] sta contestando le accuse… Ora la polizia ha deciso di arrestarli [i suoi fratelli] perché un testimone ha detto che hanno parlato con lui”.

Il testimone ha detto che gli avevano detto di dichiarare che il veicolo, con targa “Lilu King”, era registrato a suo nome, come effettivamente era, anche nei registri di Transport Malta.

“Oppure era solo una scusa per arrestarli”, ha sostenuto Mercieca, le cui argomentazioni sono state fortemente contrastate dall’accusa.

La difesa ha anche sottolineato che la testimonianza del testimone è stata conservata, registrata e trascritta, mettendo in dubbio che possa essere stata manomessa.

Dopo aver ascoltato le argomentazioni, la corte, presieduta dal magistrato Rachel Montebello, ha respinto la richiesta affermando di non essere convinta che l’imputato avesse forti legami con la società.

Inoltre, la corte non era convinta che non esistessero i timori previsti dalla legge contro la concessione della libertà provvisoria, compreso quello della manomissione.

Anche l’ispettore Tonjoe Farrugia ha esercitato l’azione penale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...