Tencent: utile netto cala nel 2022

I profitti del gigante cinese del gioco d’azzardo Tencent sono diminuiti drasticamente lo scorso anno, secondo un rapporto sui guadagni pubblicato nella giornata di ieri, mentre il settore tecnologico del Paese affronta un giro di vite del governo e un’economia traballante.

L’utile netto annuale nel 2022 √® sceso del 16% rispetto all’anno precedente per il gruppo, che possiede la popolare app di messaggistica cinese WeChat.

Titani del settore tecnologico come Tencent e Alibaba hanno affrontato una crescente pressione da parte delle autorità cinesi dal 2020, dopo anni di crescita vertiginosa.

Molti sono stati indagati per presunti comportamenti anticoncorrenziali e problemi di sicurezza dei dati, smorzando l’entusiasmo degli investitori.

Il rapporto di ieri ha mostrato anche un calo del fatturato totale annuale di Tencent, che si √® attestato a 554,6 miliardi di yuan (75 miliardi di euro), in calo dell’uno per cento rispetto all’anno precedente.

Il gruppo ha registrato un calo dei ricavi trimestrali nel secondo trimestre dello scorso anno, il primo dalla sua IPO del 2004.

Tuttavia, il fondatore e amministratore delegato Pony Ma ha espresso un certo ottimismo nella relazione sui guadagni di ieri.

Le modifiche apportate l’anno scorso ci permetteranno di beneficiare e contribuire alla ripresa della crescita economica cinese, che l’attivit√† dei nostri utenti suggerisce essere in corsoPony Ma

L’azienda di Shenzhen ha mostrato un miglioramento nel periodo di tre mesi conclusosi il 31 dicembre, con un fatturato di 145,0 miliardi di yuan (19,6 miliardi di euro), in crescita del 3% rispetto al trimestre precedente.

Si tratta dei primi risultati trimestrali registrati da Tencent dopo l’improvvisa revoca della politica zero-COVID da parte del governo a dicembre, che ha avuto pesanti ripercussioni sull’economia nazionale.

Tencent, leader mondiale nel settore dei videogiochi, ha cercato di diversificare le proprie attivit√† e di garantire la propria sopravvivenza di fronte a quelle che ha definito “sfide di transizione del settore”.

Pechino si √® mossa contro il settore dei giochi nel 2021, nell’ambito di un vasto giro di vite sulle grandi tecnologie, che prevedeva anche un rigido limite al tempo che i bambini potevano trascorrere giocando online.

Ma i recenti segnali delle autorit√† suggeriscono che le nubi della tempesta potrebbero allontanarsi. A novembre l’azienda ha ricevuto l’autorizzazione formale a pubblicare nuovi giochi dopo una pausa di 18 mesi.

Tuttavia, la posizione ufficiale nei confronti degli imprenditori in Cina rimane molto meno incoraggiante rispetto al periodo di crescita sfrenata da cui è emersa Tencent.

Il nome di Ma era clamorosamente assente dall’elenco dei delegati selezionati per partecipare alla sessione parlamentare annuale della Cina all’inizio del mese, il che suggerisce che le voci di spicco del settore tecnologico stanno perdendo influenza a Pechino.

Di recente Tencent ha intensificato i suoi sforzi di globalizzazione, effettuando una serie di notevoli acquisizioni e investimenti nel settore dei giochi internazionali, come l’acquisto dello studio britannico Sumo lo scorso anno.