venerdì, Giugno 14, 2024
HomeBusinessPerché abbiamo adeguato i tassi di interesse

Perché abbiamo adeguato i tassi di interesse

L’inflazione è scesa al 2,6%, dimezzandosi nuovamente. Attualmente è sulla buona strada per raggiungere il 2% nell’ultima parte del prossimo anno. Foto: Shutterstock.com

Due anni fa abbiamo iniziato ad alzare i tassi di interesse perché l’inflazione era troppo alta. Oggi la situazione è migliorata. Sebbene alcuni prezzi stiano ancora aumentando notevolmente, soprattutto nel settore dei servizi, l’inflazione nel complesso è scesa molto. Attualmente è sulla buona strada per raggiungere il 2% l’anno prossimo, che è il livello che ci prefiggiamo nel perseguire la stabilità dei prezzi.

Il calo dell’inflazione consente alla BCE di abbassare i tassi di interesse e giovedì abbiamo tagliato il nostro tasso di riferimento di 0,25 punti percentuali, dal 4% in cui si trovava da nove mesi. Ciò significa che sarà più conveniente per le persone prendere in prestito denaro o per le aziende cercare prestiti per investire.

La nostra decisione segna anche un momento importante nella nostra lotta all’inflazione.

Nel luglio 2022 abbiamo iniziato ad aumentare i tassi di interesse. Questo fa parte di una fase che gli esperti chiamano “inasprimento” della politica monetaria. Utilizzando l’analogia di un’automobile, è paragonabile a un guidatore che preme il pedale del freno. Abbiamo aumentato i tassi al ritmo più veloce di sempre, di 4,5 punti percentuali in poco più di un anno. Abbiamo agito con forza perché l’inflazione era salita troppo, raggiungendo un picco del 10,6% nell’ottobre 2022.

Una delle ragioni dell’impennata dell’inflazione è stata l’invasione ingiustificata dell’Ucraina da parte della Russia, che ha fatto impennare i prezzi dell’energia e dei generi alimentari. Inoltre, per molte aziende è stato più difficile ottenere le attrezzature, i materiali e i pezzi di ricambio di cui avevano bisogno, aggravando i problemi già emersi durante la pandemia.

Ma c’era anche il rischio concreto che la gente potesse credere che l’inflazione elevata fosse la nuova normalità. Ciò significherebbe che le imprese la utilizzerebbero come standard per fissare i prezzi e i lavoratori per negoziare i salari. E, in tal caso, l’inflazione elevata si sarebbe radicata in modo permanente nell’economia.

Dovevamo quindi fare tutto il necessario per eliminare questo pericolo. È nostro dovere nei confronti degli europei mantenere l’inflazione bassa e stabile. Siamo consapevoli dello stress che l’aumento dell’inflazione e i conseguenti aumenti dei tassi di interesse hanno causato ad alcune persone e imprese. Il costo dei prestiti alle imprese e dei mutui è salito vertiginosamente. Tutto è diventato più costoso, ma i redditi – salari e pensioni – non hanno tenuto il passo, almeno inizialmente.

Agendo con decisione, abbiamo fatto in modo che l’inflazione elevata non durasse troppo a lungo. Nel settembre 2023, l’inflazione era scesa al 5,2%, circa la metà del picco raggiunto l’anno precedente. Anche il pericolo che i cittadini si aspettassero un’inflazione elevata era in gran parte passato.

Una delle ragioni dell’impennata dell’inflazione è stata l’invasione ingiustificata dell’Ucraina da parte della Russia – Christine Lagarde

Questo ci ha permesso di entrare nella fase successiva della nostra politica: la “fase di mantenimento”, in cui abbiamo mantenuto i tassi costanti, senza premere più forte il freno né allentare la pressione. Sebbene fossimo fiduciosi che i tassi di interesse stessero facendo scendere l’inflazione, questa era ancora troppo alta per essere confortante. In questo contesto, sarebbe stato controproducente iniziare a tagliare i tassi troppo presto.

Oggi, tuttavia, stiamo assistendo a progressi su molti fronti. L’inflazione è scesa al 2,6%, dimezzandosi nuovamente. Attualmente è sulla buona strada per raggiungere il 2% nell’ultima parte del prossimo anno. E la nostra politica monetaria sta contribuendo fortemente a riportare l’inflazione verso il nostro obiettivo. Con il taglio dei tassi abbiamo quindi deciso di moderare il grado di restrizione della politica monetaria.

Ma c’è ancora molta strada da fare prima che l’inflazione venga eliminata dall’economia. Non sarà un percorso del tutto agevole. Occorrono vigilanza, impegno e perseveranza.

I tassi di interesse dovranno quindi rimanere restrittivi per tutto il tempo necessario a garantire la stabilità dei prezzi in modo duraturo. In altre parole, dobbiamo tenere il piede sul freno ancora per un po’, anche se non lo stiamo premendo con la stessa intensità di prima.

Le nostre future decisioni politiche dipenderanno da tre fattori: se continueremo a vedere l’inflazione tornare tempestivamente al nostro obiettivo, se vedremo le pressioni complessive sui prezzi attenuarsi nell’economia e se riterremo la nostra politica monetaria ancora efficace nel contenere l’inflazione. Questi fattori determineranno quando potremo togliere ulteriormente il piede dal freno.

Abbiamo fatto grandi progressi, ma la nostra lotta all’inflazione non è finita. In quanto custodi dell’euro, ci impegniamo a garantire un’inflazione bassa e stabile a beneficio di tutti gli europei.

Christine Lagarde è presidente della Banca centrale europea.

Questo articolo è stato pubblicato come pezzo di opinione dai media dell’area dell’euro.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE