La Norvegia estenderà le quote per le donne nei consigli di amministrazione delle società

L’anno scorso il Parlamento europeo ha adottato nuovi regolamenti che impongono alle grandi aziende dell’UE di riservare alle donne almeno il 40% delle posizioni nei consigli di amministrazione non esecutivi o il 33% di tutte le posizioni nei consigli di amministrazione a partire dal luglio 2026.

Il governo norvegese ha dichiarato oggi di voler aumentare l’uguaglianza di genere nel mondo degli affari estendendo le quote per il numero di donne nei consigli di amministrazione a 20.000 grandi e medie imprese entro il 2028.

Pioniere in questo campo, il Paese scandinavo richiede dal 2004 che i consigli di amministrazione delle aziende statali siano composti da almeno il 40% di donne, pena la chiusura. Dal 2008 la stessa regola si applica alle maggiori società quotate in borsa. Allo stesso modo, almeno il 40% dei consiglieri di amministrazione deve essere composto da uomini.

Il governo di centro-sinistra, sostenuto dal principale sindacato dei datori di lavoro NHO e dal sindacato dei lavoratori LO, oggi ha dichiarato di voler introdurre norme simili per le grandi e medie imprese, progressivamente nel corso degli anni, in base alle vendite e al numero di dipendenti.

“La Norvegia è il primo Paese al mondo a compiere questo passo”, ha dichiarato il ministro del Commercio e dell’Industria Jan Christian Vestre, svelando i dettagli dei piani già annunciati in linea di principio a dicembre.

L’uguaglianza di genere e la diversità possono contribuire a “più innovazione, un ambiente professionale migliore, decisioni più intelligenti e più valore aggiunto”.– Il ministro norvegese del Commercio e dell’Industria Jan Christian Vestre

Secondo i criteri delineati per il 2024 – che riguardano le aziende con un fatturato annuo di almeno 100 milioni di corone o 8,6 milioni di euro – l’anno prossimo saranno interessate circa 8.200 aziende.

Le vendite e il numero di dipendenti saranno gradualmente abbassati fino al 2028, quando saranno interessate circa 20.000 aziende.

Attualmente in Norvegia le donne ricoprono solo il 20% circa delle posizioni nei consigli di amministrazione, e la progressione è considerata lenta se si considera che circa 20 anni fa la percentuale era del 15%.

“Nel 2023 avremo ancora un divario troppo grande nei consigli di amministrazione norvegesi”, ha dichiarato Vestre.

L’uguaglianza di genere e la diversità possono contribuire a “più innovazione, un ambiente professionale migliore, decisioni più intelligenti e più valore aggiunto”, ha sottolineato Vestre.

Il governo di minoranza di centro-sinistra avrà bisogno del sostegno di altri partiti in parlamento per far adottare la sua proposta, che è quindi soggetta a modifiche.

L’anno scorso il Parlamento europeo ha adottato nuove norme che impongono alle grandi aziende dell’UE – di cui la Norvegia non fa parte – di riservare al genere sottorappresentato almeno il 40% delle posizioni nei consigli di amministrazione non esecutivi o il 33% di tutte le posizioni nei consigli di amministrazione a partire dal luglio 2026.