sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldLe donne afghane lottano contro le regole dei tutori maschi

Le donne afghane lottano contro le regole dei tutori maschi

Un uomo afghano con una donna vestita di burqa e un bambino camminano lungo il fiume Kokcha a Fayzabad. Foto: AFP

Da quando i Talebani sono tornati al potere, alle donne afghane è stato impedito di intraprendere lunghi viaggi, di viaggiare in aereo o di entrare negli edifici governativi, a meno che non siano accompagnate da un uomo.

Secondo l’austera interpretazione della legge islamica da parte del governo talebano, la pratica del “mahram”, da tempo radicata nella societ√† afghana, √® diventata obbligatoria.

Durante una recente visita alla loro ex universit√† a Kabul, a Mariam e a un’amica √® stato impedito di entrare nell’edificio per ritirare una trascrizione.

“All’ingresso, i talebani ci hanno detto che avevamo bisogno di un mahram”, ha raccontato Mariam, il cui nome √® stato cambiato per proteggere la sua identit√† come quella di altre donne intervistate dall’AFP.

“Ma mio fratello era al lavoro, il fratello della mia amica non era abbastanza grande e suo padre era morto”, ha detto.

“Ho visto un ragazzo per strada e ha accettato di aiutarci”, ha detto. “Abbiamo avuto il coraggio di spacciarlo per nostro fratello” per entrare.

Secondo l’Islam, un mahram √® un parente maschio stretto – in genere un marito, un fratello, un padre, un figlio, un nonno o uno zio – con il quale una donna non √® obbligata a indossare l’hijab e che funge da tutore e protettore.

In Afghanistan, regole severe definiscono ci√≤ che le donne sono autorizzate a fare, e i loro sostenitori affermano che garantiscono l’onore sia delle donne che dell’intera famiglia.

Le autorit√† talebane, al potere dal 2021, hanno risposto alle critiche internazionali affermando che le leggi afghane seguono l’Islam e garantiscono i diritti di tutti i cittadini in base alla sharia.

“Purtroppo gli ambienti esterni hanno la loro sensibilit√† e presentano interpretazioni errate basate su invidie e pregiudizi”, ha dichiarato all’AFP il portavoce del governo talebano Zabihullah Mujahid.

“Dovrebbero rispettare e valorizzare le leggi islamiche”.

Tornare a casa

In un Paese dove oltre 40 anni di conflitto hanno lasciato milioni di vedove, per molte donne può essere una sfida trovare un mahram.

“Molte donne non hanno un uomo a casa”, dice Shirin, 25 anni, che sta studiando un master online, dopo essere stata bandita dalle autorit√† dall’universit√†.

“Il marito √® morto o il figlio √® troppo giovane e loro si ritrovano a essere il capofamiglia. Come possono avere un mahram?”.

Viaggiare senza mahram pu√≤ comportare l’arresto, con ispezioni rigorose, in particolare ai posti di blocco nelle citt√† e nelle zone rurali, hanno raccontato diverse donne afghane all’AFP.

L’anno scorso, Shirin ha raccontato che le autorit√† talebane hanno interrotto un picnic perch√© lei e altre donne della sua famiglia si trovavano in un minibus guidato dal cugino – l’unico uomo, e non un mahram.

Uno degli uomini ha afferrato la cugina di Shirin per il colletto e ha detto alle donne, che erano in lacrime, di “tornare a casa”.

Nel dicembre 2021, il governo talebano ha reso obbligatorio per ogni donna, in qualsiasi viaggio superiore ai 72 chilometri, di essere accompagnata da un mahram.

Poi, nel marzo 2022, ha vietato loro di volare da sole sia sui voli nazionali che su quelli internazionali, complicando le partenze di alcune donne a cui era stata offerta una borsa di studio per studiare nelle universit√† all’estero.

Le usanze del mahram sono cadute in disuso in gran parte del mondo musulmano e sono applicate da pochi governi.

Ma poich√© l’Afghanistan √® “governato da un regime ideologico, il Corano e la sharia sono la spina dorsale del suo potere”, ha affermato lo specialista e scrittore di Islam Slimane Zeghidour, e “applica tutte le prescrizioni, anche quelle pi√Ļ rigorose e anacronistiche”.

L’Arabia Saudita, fino a poco tempo fa uno dei Paesi pi√Ļ repressivi al mondo in materia di diritti delle donne, ora permette alle donne di recarsi in pellegrinaggio alla Mecca senza un tutore.

Ma alle donne afghane è ancora vietato.

Spojmay, operatrice dell’agenzia delle Nazioni Unite, ha raccontato all’AFP che sua madre vedova di 80 anni sogna di compiere l’Hajj, uno dei pilastri dell’Islam, prima di morire.

“L’agenzia di viaggi ha appena confermato che non pu√≤ andare all’estero senza un mahram”, ha detto Spojmay, usando anche uno pseudonimo per paura di essere punita.

Nonostante guadagni uno stipendio decente, la stessa 37enne ha avuto problemi ad affittare un appartamento senza un mahram, poich√© suo padre √® morto e i suoi fratelli vivono all’estero.

Sul contratto di affitto, “ho messo la foto di mio padre e per le sue impronte digitali ho usato quelle di mia sorella”, ha raccontato.

Le autorit√† talebane mi avrebbero “picchiato e messo in prigione se mi avessero scoperto”, ha aggiunto.

Umiliante

Mentre le donne sono gi√† escluse dalle scuole secondarie, dalle universit√†, da alcuni lavori, dai parchi e dalle palestre, la politica dei mahram “sta davvero limitando le donne a casa e al chiuso” ed √® “incredibilmente umiliante”, ha dichiarato Sahar Fetrat, di Human Rights Watch.

Khadija, 25 anni, consulente per le donne imprenditrici, ha osservato che a Kabul “la situazione √® diversa dalle province: nella capitale si pu√≤ fare shopping” senza mahram.

Nelle zone rurali pi√Ļ conservatrici, tuttavia, la pratica √® rigorosamente applicata.

Per 18 mesi, Khadija ha fatto visite a domicilio a Kabul con sua sorella per un programma di vaccinazione, e “ha dovuto prendere un mahram”.

A causa delle regole, le organizzazioni caritatevoli e le agenzie delle Nazioni Unite pagano alle loro dipendenti un salario extra per il mahram, a volte fino a 40 dollari al giorno.

Il fratello 32enne di Khadija, Ahmad, √® l’unico mahram per la madre e le quattro sorelle, con molte complicazioni.

“Sono l’unico uomo di casa”, ha detto. “Ma ho anche il mio lavoro, ho anche dei posti dove andare”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE