I siriani trasformano i rifiuti di plastica in tappeti per guadagnarsi da vivere

In una discarica nel nord-ovest della Siria, Mohammed Behlal rovista tra la plastica da vendere a chi la ricicla per trasformarla in tappeti e altri oggetti nell’enclave ribelle impoverita.

Nella Siria controllata dai ribelli, il riciclaggio è raramente un impulso ambientale, ma piuttosto una triste ancora di salvezza per i residenti bisognosi in cerca di lavoro o di oggetti che altrimenti non potrebbero permettersi.

Sfidando il fetore, gli insetti e il rischio di malattie, Behlal, 39 anni, taglia il mucchio di rifiuti con una falce e a mani nude.

Lui e due dei suoi sei figli si guadagnano da vivere setacciando i rifiuti nel villaggio di Hezreh, nella provincia di Idlib, guadagnando dai 7 ai 10 dollari a settimana ciascuno.

“È faticoso… ma cosa possiamo fare, dobbiamo sopportare questo lavoro duro”, ha detto Behlal, sfollato dalla vicina provincia di Aleppo durante la guerra civile siriana.

“Grazie a Dio, almeno abbiamo un lavoro con la spazzatura”, ha aggiunto.

Behlal è stato colpito alla gamba durante i combattimenti e ha avuto difficoltà a trovare un impiego.

Ingobbito per raccogliere pezzi di plastica o di metallo, butta tutto in un sacco per venderlo a un vicino impianto di rottamazione.

Il conflitto in Siria ha ucciso più di 500.000 persone e circa la metà della popolazione del Paese prima della guerra è stata costretta ad abbandonare le proprie case dallo scoppio dei combattimenti nel 2011.

Più di quattro milioni di persone, la maggior parte delle quali dipende dagli aiuti, vivono in aree controllate dai jihadisti e dai gruppi sostenuti dalla Turchia nel nord e nel nord-ovest della Siria.

In un grande sfasciacarrozze accanto a campi agricoli, gli operai smistano i rifiuti di plastica in mucchi a seconda del colore.

Poi la tagliano e la frantumano in piccoli pezzi che vengono lavati e fusi in pellet di plastica.

Filo di plastica

Farhan Sleiman, 29 anni, è tra coloro che gestiscono il materiale portato dalla discarica.

“Compriamo la plastica dai camion che raccolgono la spazzatura e dai bambini”, ha detto Sleiman, originario della provincia di Homs.

Ha espresso il timore del rischio di contrarre “colera o malattie croniche” lavorando con la spazzatura.

Altrove, nella provincia settentrionale di Idlib, gli operai di una fabbrica che produce stuoie e tappeti sfornano fili di plastica dai colori vivaci mentre grandi macchine per tessere fanno  rumore.

Il proprietario della fabbrica Khaled Rashu, 34 anni, dice che la produzione di tappeti è una tradizione di famiglia.

“Abbiamo più di 30 dipendenti” nella fabbrica, ha vantato, come un’impresa significativa in una regione in cui molti sono senza lavoro.

Dalle macchine per tessere escono grandi tappeti con disegni geometrici, alcuni realizzati con un vistoso filo di plastica rosso o viola, che vengono impilati.

Il proprietario del negozio Mohammed al-Qassem, 30 anni, è tra coloro che vendono le stuoie, che secondo lui sono un successo in una zona in cui molte persone sono sfollate e vivono in tende o in abitazioni di fortuna.

Le stuoie in plastica riciclata costano tra i 5 e i 15 dollari, mentre i tappeti tradizionali in stile persiano costano circa 100 dollari.

“In estate, la domanda di stuoie di plastica aumenta” perché trattengono meno il calore, ha detto Qassem dal suo negozio di Maaret Masrin, una città nella provincia di Idlib.

Ma “possono essere utilizzati anche in inverno e sono meno costosi”, ha aggiunto.