Connect with us

Economia

Opinione: Malta per i maltesi

Published

on

Tutti chiedono a gran voce un nuovo modello economico per Malta. Dal ministro delle Finanze, uno degli autori sotto Joseph Muscat dell’attuale modello catastrofico che ha distrutto quasi tutto ciò che ci rendeva maltesi, al leader dell’opposizione e agli esperti.

Anche le persone normali, che costituiscono la popolazione votante, stanno iniziando a svegliarsi alla realtà che non possiamo continuare come stiamo facendo ora.

Avere una popolazione di 200.000 persone più i turisti in visita ogni mese significherebbe che, in ogni giorno dell’anno, ci sarebbe un milione di persone che condividono la nostra acqua, le strade, l’aria, la campagna, le spiagge, i lungomari, i ristoranti, i musei, il patrimonio edilizio, le fogne, la raccolta dei rifiuti, i parcheggi e così via.

Si consideri che questo modello, se lasciato continuare, significherebbe che, nel 2040, ci saranno sette stranieri per ogni tre maltesi che vivono qui. Non c’è da stupirsi che i giovani vogliano andarsene.

Se si considera che la maggior parte del 70% delle persone che vivono a Malta sarebbero lavoratori stranieri a basso salario provenienti da Paesi con altre lingue, religioni e background razziali, per lo più uomini che inviano a casa le rimesse dei loro magri stipendi, si può solo immaginare la confusione che si creerebbe nelle nostre infrastrutture, nella cultura, nell’istruzione e nel sistema sanitario. Questo soffocherebbe noi maltesi e ucciderebbe la nostra lingua, la nostra identità e le nostre tradizioni.

È urgente un nuovo modello, che dovrebbe chiamarsi “Malta per i maltesi“.

Advertisement

Sì, dovremmo alzarci e lottare per la nostra identità, il nostro ambiente e la nostra democrazia, come abbiamo fatto negli ultimi 15 anni, da quando è stato introdotto il modello odierno basato sulla pianificazione fiscale, sul favoritismo degli investitori stranieri, punendo gli onesti imprenditori maltesi, e sulla manodopera a basso costo importata.

Un modello che è stato dirottato da pochi uomini d’affari che finanziano e corrompono i politici per permettere la distruzione delle nostre città e dei nostri villaggi, la nostra ODZ sempre più ridotta e guidata da una legislazione che mira a minare tutti i principi di equità ed è discriminatoria nei confronti dei veri maltesi.

Clyde Caruana ha riconosciuto i propri errori commessi quando era responsabile del mercato del lavoro prima di diventare ministro delle Finanze. Sa che il disordine che abbiamo oggi è stato causato dall’avidità di pochi oligarchi che hanno corrotto la loro strada verso una grande ricchezza e dai politici deboli che li hanno serviti e che hanno dato posti di lavoro e piccoli regali alle famiglie e agli amici dei loro vicini in cambio di voti. Chi ha il coraggio di cambiare?

Abbiamo bisogno di disciplina e di un pugno di ferro sulle costruzioni illegali– Giovanni Vassallo

Non vedo in giro nessuno con queste intenzioni, anche se alcuni politici della nuova generazione di giovani del PN sembrano esprimere alcune di queste idee. Chissà quando l’establishment del PN li stroncherà? Speriamo di no e che riescano a convincere un numero sufficiente di elettori scontenti che hanno una visione per restituire Malta ai maltesi. Questa è la nostra realtà attuale e la nostra unica speranza di sopravvivenza.

Come sarà il nuovo modello?

Innanzitutto, dovrebbe essere un piano a lungo termine per cambiare il sistema in un periodo di 10 o 15 anni. Dovrebbe essere rigoroso e controllato con il pugno di ferro della disciplina. Dovrebbe mirare a riportare il Paese a una dimensione demografica sostenibile e ad aumentare il livello dei guadagni dal basso verso l’alto, invece di basarsi su un’economia di tipo trickle-down. Dovrebbe avere un numerus clausus per tutte le attività che coinvolgono le persone e dovrebbe essere discriminatorio a favore dei veri maltesi ed escludere gli acquirenti di passaporti.

Questo nuovo modello avrà bisogno di politici coraggiosi con un chiaro mandato da parte dell’attuale popolazione votante. Dico attuale perché, ad oggi, i maltesi hanno ancora la maggioranza dei diritti di voto. Tra 10 o 15 anni, se aspettiamo a cambiare, i

Maltesi avranno anche la minoranza dei voti.

Ne abbiamo tanti esempi già oggi nei ristoranti, nel contingente maltese dei Giochi dei Piccoli Stati d’Europa – dove non abbiamo dato una possibilità ai veri cittadini maltesi ma abbiamo importato gente appositamente dall’estero solo per vincere le medaglie d’oro, nei taxi, negli autisti di motociclette per la consegna di cibo, negli infermieri dell’ospedale Mater Dei e nelle case di riposo, dove la popolazione attiva è quasi del tutto priva di maltesi.

Advertisement

Abbiamo bisogno di disciplina e di un pugno di ferro sulle costruzioni illegali. Tutte le violazioni dei regolamenti che risalgono a 10 anni fa devono essere corrette non con piccole multe irrilevanti, ma con lo sgombero degli abusivi e l’abbattimento e la distruzione di pavimenti e piscine illegali o la rimozione degli ampliamenti illegali o dei siti abusivi e anche dove c’è una concessione legale, approvando leggi per porre fine a queste concessioni.

Dobbiamo riportare la natura, le città e i villaggi a uno stile di vita maltese.

Dobbiamo essere in grado di insegnare ai nostri figli in maltese, di essere serviti nei ristoranti in maltese e di far vivere un’esperienza maltese a un numero di turisti ridotto ma meglio retribuito.

John Vassallo è un ex ambasciatore presso l’UE.