venerdì, Giugno 14, 2024
HomeBusinessChiarimenti sulle norme fiscali svedesi per i casinò

Chiarimenti sulle norme fiscali svedesi per i casinò

L’aumento proposto dell’imposta sul gioco d’azzardo dal 18% al 22% mira a generare ulteriori entrate statali e a migliorare la regolamentazione del mercato.

Nel 2019 la Svezia ha introdotto un’imposta sul gioco d’azzardo del 18% sui profitti delle società di gioco autorizzate, nell’ambito di una più ampia riforma del mercato del gioco d’azzardo. Il governo propone ora di aumentare questa imposta al 22% a partire dal 1° luglio 2024. Questo adeguamento mira a rafforzare i finanziamenti statali senza impattare in modo significativo sull’industria del gioco.

Licenze e tassazione

Secondo la legge attuale (2018:1138), le società di gioco d’azzardo devono essere autorizzate dall’Autorità svedese per il gioco d’azzardo (Spelinspektionen) e pagare un’imposta del 18% sui loro ricavi netti da gioco, definiti come la differenza tra le scommesse piazzate e i pagamenti effettuati. I giochi di pubblica utilità, come le lotterie e il bingo, rimangono esenti da imposte.

Il mercato svedese del gioco d’azzardo comprende tre settori:

  • Settore competitivo: principalmente gioco d’azzardo e scommesse online.
  • Settore di pubblica utilità: principalmente lotterie e bingo.
  • Settore controllato dallo Stato: principalmente casinò e macchine da gioco.

Proposta di aumento delle tasse

Il governo ritiene che il mercato si sia stabilizzato dopo la riforma del 2019, con un alto tasso di canalizzazione (la percentuale di giocatori che utilizzano operatori autorizzati). Propone di aumentare l’aliquota fiscale al 22% per incrementare le entrate statali, prevedendo un aumento annuale di 540 milioni di corone svedesi. L’obiettivo è anche quello di aumentare il tasso di canalizzazione ad almeno il 90%.

Critiche all’industria

L’Associazione svedese per il gioco d’azzardo online (BOS) si oppone fermamente alla proposta, sostenendo che il tasso di canalizzazione effettivo è solo del 77% e l’aumento delle tasse potrebbe ridurlo ulteriormente. La BOS e le principali società di gioco come Kindred, Betsson, LeoVegas e 888 hanno espresso preoccupazione per l’impatto negativo sul mercato. Altre parti interessate, come gli editori di giornali e le leghe sportive professionistiche, temono effetti negativi sui ricavi dei media e sugli accordi di sponsorizzazione.

Aspetti fiscali pratici

L’imposta sul gioco d’azzardo viene dichiarata mensilmente, con tre diverse date di scadenza a seconda degli orari di dichiarazione dell’IVA:

  • Dichiaranti IVA mensili: 26 del mese successivo.
  • Dichiaranti IVA trimestrali: 12 del secondo mese successivo a quello delle entrate.
  • I dichiaranti IVA non svedesi: 12 del mese successivo a quello delle entrate.

L’imposta si basa sull’eccedenza netta, considerando solo le scommesse e i pagamenti che coinvolgono residenti svedesi per il gioco d’azzardo online commerciale. Per un calcolo accurato dell’imposta, le società devono separare le transazioni di gioco svedesi da quelle estere.

Conclusioni

L’aumento proposto dell’imposta sul gioco d’azzardo dal 18% al 22% mira a generare ulteriori entrate statali e a migliorare la regolamentazione del mercato. Tuttavia, si scontra con la significativa opposizione dell’industria del gioco e di altri settori che temono ripercussioni negative.

La proposta richiede un attento equilibrio tra la generazione di entrate statali, la protezione dei consumatori e il mantenimento di un mercato sano e competitivo. L’imminente revisione parlamentare e i conseguenti dibattiti determineranno l’esito finale e le implicazioni più ampie per l’industria del gioco d’azzardo svedese.

Disclaimer: giocare in modo responsabile. I giocatori devono avere più di 18 anni. Per assistenza visitare il sito .

Chiarimenti sulle norme fiscali svedesi per i casinò

In relazione alla ri-regolamentazione del mercato svedese del gioco d’azzardo nel 2019, è stata introdotta una nuova tassa sul gioco d’azzardo pari al 18% del surplus di gioco per le società di gioco autorizzate. Il governo propone ora di aumentare questa tassa al 22% a partire dal 1° luglio 2024. La legge avrà ovviamente un impatto leggermente diverso sul settore, il che solleva molte domande su .

Licenze e tassazione secondo il Gambling Act

Secondo l’attuale legge sul gioco d’azzardo (Gambling Act), le società che offrono giochi d’azzardo a pagamento devono ottenere una licenza dall’Autorità svedese per il gioco d’azzardo. Le società di gioco d’azzardo autorizzate pagano un’imposta del 18% sulla differenza tra le puntate e i pagamenti, cioè le vincite. Tuttavia, il gioco d’azzardo per scopi caritatevoli è esente da imposte.

Il mercato del gioco d’azzardo è diviso in tre settori:

  • Una parte competitiva, che comprende principalmente il gioco d’azzardo e le scommesse online
  • Una parte riservata ai giochi di servizio pubblico, principalmente lotterie e bingo
  • Una parte riservata allo Stato, principalmente giochi da casinò e slot machine

La proposta del governo per un aumento delle tasse

Il Governo ritiene che il mercato del gioco d’azzardo si sia stabilizzato dopo la riregolamentazione del 2019 e che la canalizzazione sia ora elevata. Pertanto, si propone di aumentare l’imposta sul gioco d’azzardo dal 18% al 22% delle entrate lorde da gioco a partire dal 1° luglio 2024. Secondo il governo, l’aumento è appropriato per rafforzare il finanziamento delle attività governative, senza avere un impatto eccessivo sulle società di gioco.

Il governo prevede che l’aumento dell’imposta possa fornire 540 milioni di corone svedesi di maggiori entrate fiscali all’anno. Si spera inoltre che un’aliquota d’imposta superiore al 20% contribuisca ad aumentare il tasso di canalizzazione ad almeno il 90%.

Critiche da parte dell’industria del gioco d’azzardo

Tuttavia, l’Associazione svedese per il gioco online (BOS) è fortemente critica nei confronti della proposta. Secondo la BOS, il tasso di canalizzazione nel mercato svedese del gioco d’azzardo è solo del 77% e un aumento delle tasse rischia di abbassarlo ulteriormente.

BOS ritiene che il governo non comprenda la posizione vulnerabile del mercato del gioco d’azzardo e lo esorta a ritirare la proposta. Diverse grandi società di gioco come Kindred, Betsson, LeoVegas e 888 hanno espresso preoccupazioni simili.

anche altre parti interessate, come Tidningsutgivarna e Svensk Elitfotboll, sono critiche e temono conseguenze negative per i ricavi dei media e gli accordi di sponsorizzazione.

Aspetti pratici dell’imposta sul gioco d’azzardo

L’imposta sul gioco d’azzardo deve essere dichiarata mensilmente e ci sono tre diverse date di scadenza a seconda di quando viene dichiarata l’IVA:

  • Società che dichiarano l’IVA su base mensile: il 26 del mese successivo a quello in cui si è verificato il reddito
  • Le società che dichiarano l’IVA su base trimestrale: il 12 del secondo mese successivo a quello in cui si sono verificate le entrate
  • Le società che non registrano l’IVA in Svezia: il 12 del mese successivo a quello del reddito

Per le società di gioco d’azzardo che non registrano l’IVA in Svezia, la data di scadenza è il 12 del mese successivo a quello delle entrate, il che significa meno di due settimane per calcolare, dichiarare e pagare la nuova imposta sul gioco d’azzardo.

L’imposta sul gioco d’azzardo viene calcolata sull’eccedenza, ovvero sulla differenza tra tutte le scommesse e tutti i pagamenti del periodo. Per il gioco d’azzardo online commerciale, saranno conteggiate solo le scommesse e le vincite dei giocatori residenti in Svezia. Le società di gioco d’azzardo devono quindi separare il gioco d’azzardo svedese da quello estero prima di calcolare il surplus.

Una nuova fase

In sintesi, le nuove regole significano che l’imposta sul gioco d’azzardo per i casinò e le altre società di gioco d’azzardo autorizzate sarà aumentata dal 18% al 22% dell’eccedenza del gioco d’azzardo a partire dal 1° luglio 2024. Il governo spera in un aumento delle entrate fiscali e in un tasso di canalizzazione più elevato.

Tuttavia, l’industria è fortemente critica nei confronti dell’aumento, che secondo lei rischia di ridurre ulteriormente la canalizzazione in un mercato del gioco d’azzardo già vulnerabile. Anche altri operatori temono effetti negativi.

Le società di gioco d’azzardo avranno anche poco tempo per calcolare e pagare la nuova imposta ogni mese, soprattutto quelle che non contabilizzano l’IVA in Svezia.

Resta da vedere come la proposta verrà accolta in Parlamento e quali saranno le conseguenze se verrà attuata. Ciò che è chiaro è che susciterà forti reazioni e dibattiti.

A prescindere da ciò che si pensa dell’aumento dell’imposta, è importante avere una discussione obiettiva e basata sui fatti sulle condizioni e sul futuro del mercato del gioco d’azzardo. Si tratta di un’industria grande e in crescita che coinvolge milioni di svedesi e genera entrate significative per l’erario.

Allo stesso tempo, ci sono sfide legate alla dipendenza dal gioco, alle partite truccate e alle attività illegali che devono essere affrontate. Trovare il giusto equilibrio tra un’offerta attraente, una forte protezione dei consumatori e una tassazione sostenibile non è un compito facile.

Si spera che la proposta del governo possa essere il punto di partenza per un dialogo costruttivo tra tutte le parti coinvolte – autorità, società di gioco, movimento sportivo, servizi per le dipendenze e altri. Solo attraverso la cooperazione e la comprensione reciproca possiamo creare un mercato del gioco d’azzardo sano e sostenibile in Svezia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE