Verso l’allargamento dell’area Schengen

Attualmente, 22 dei 27 paesi dell’Unione Europea aderiscono allo Spazio Schengen, il cui obiettivo principale è quello di eliminare le frontiere interne al continente europeo.

In seguito al conflitto russo-ucraino, che dura da ormai 10 mesi, l’interesse di Bruxelles è quello di allargare i confini nel tentativo di rafforzare l’unità europea.

Ed è proprio a questo riguardo che la Commissione Europea, in una nota stampa sul proprio sito, ha invitato il Consiglio Europeo a mettere da parte qualsiasi tipo di dubbio e procedere verso l’allargamento dell’area Schengen a Bulgaria, Romania e Croazia.

Nel comunicato viene messa in luce la bontà del lavoro svolto dai tre paesi, sia durante la pandemia, sia a seguito del conflitto russo-ucraino. L’obiettivo, come appunto spiegato dalla Commissione, è quello di rendere l’Europa un posto più sicuro, attraente e prospero, garantendo una maggiore sicurezza nella difesa delle frontiere comuni.

Il prossimo 8 dicembre, il Consiglio Giustizia e Affari Interni, a guida ceca, dovrà esprimersi sull’adesione o meno di Bulgaria, Romania e Croazia all’area Schengen.