martedì, Maggio 28, 2024
HomeWorldUSA chiedono la riapertura del valico di frontiera di Kerem Shalom per...

USA chiedono la riapertura del valico di frontiera di Kerem Shalom per gli aiuti a Gaza

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken (2° a sinistra) è in piedi con il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant (C) e il coordinatore senior delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari e la ricostruzione di Gaza Sigrid Kaag (L) al valico di frontiera di Kerem Shalom con la Striscia di Gaza, nel sud di Israele

Israele ha dichiarato di aver riaperto il valico di frontiera di Kerem Shalom agli aiuti umanitari per Gaza mercoledì, quattro giorni dopo averlo chiuso, in risposta a un attacco missilistico che ha ucciso quattro soldati.

“Camion provenienti dall’Egitto che trasportano aiuti umanitari, tra cui cibo, acqua, attrezzature per ripari, medicine e attrezzature mediche donate dalla comunità internazionale stanno già arrivando al valico”, ha dichiarato l’esercito in una dichiarazione congiunta con il COGAT, l’organismo del ministero della Difesa che supervisiona gli affari civili palestinesi.

I rifornimenti saranno trasferiti al lato di Gaza del valico dopo essere stati ispezionati, si legge nella dichiarazione rilasciata alle 9:15 circa (06:15 GMT).

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi ha tuttavia dichiarato che il valico di Kerem Shalom rimane chiuso.

“Il valico non è ancora aperto”, ha dichiarato all’AFP la portavoce dell’UNRWA Juliette Touma alle 10:40 circa (07:40 GMT).

L’esercito ha dichiarato che anche il valico di frontiera di Erez, tra Israele e il nord di Gaza, è aperto per la consegna di aiuti nel territorio palestinese.

Il valico di Kerem Shalom è stato chiuso dopo che domenica un attacco missilistico di Hamas ha ucciso quattro soldati e ne ha feriti più di una dozzina.

Martedì, le truppe israeliane hanno preso il controllo del lato palestinese del valico di Rafah tra Gaza e l’Egitto, dopo aver lanciato un’incursione nel settore orientale della città.

La portavoce dell’UNRWA ha dichiarato che anche il valico di Rafah è rimasto chiuso.

“Chiediamo la loro riapertura. Normalmente il carburante passa da Rafah e non da Karem (Shalom)”, ha detto Touma.

“Negli ultimi tre giorni non ci sono stati rifornimenti umanitari. Abbiamo iniziato a razionare il carburante”, ha affermato, aggiungendo che Gaza ha bisogno di 300.000 litri (79.250 galloni) di carburante al giorno per scopi umanitari.

Martedì, il capo dell’UNRWA, Philippe Lazzarini, ha dichiarato che i due valichi sono “un’ancora di salvezza” per la consegna degli aiuti a Gaza.

“Attraverso di essi portiamo forniture essenziali e carburante per uso umanitario. Devono essere riaperti senza alcun ritardo”, ha dichiarato su X, in precedenza Twitter.

Anche gli Stati Uniti, il principale alleato di Israele, hanno chiesto la riapertura dei due valichi.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...