domenica, Febbraio 25, 2024
HomeWorldTrump non è immune da azioni penali: corte d'appello

Trump non è immune da azioni penali: corte d’appello

Donald Trump parla il 31 gennaio. Foto: AFP

Donald Trump non gode dell’immunità penale in quanto ex presidente e può essere processato con l’accusa di aver cospirato per rovesciare le elezioni del 2020, ha stabilito martedì una corte d’appello federale.

Un collegio di tre giudici della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia ha affermato che la pretesa di Trump di essere immune dalla responsabilità penale per le azioni compiute mentre era alla Casa Bianca è “non supportata da precedenti, storia o dal testo e dalla struttura della Costituzione”

La sentenza rappresenta un’importante battuta d’arresto per Trump, 77 anni, candidato alla nomination presidenziale repubblicana per il 2024, e si prevede che ricorrerà in appello presso l’intera corte d’appello di Washington e potenzialmente presso la Corte Suprema degli Stati Uniti.

Un portavoce di Trump ha dichiarato che l’ex presidente farà appello.

Il processo a Trump era previsto per il 4 marzo con l’accusa di aver cospirato per rovesciare i risultati delle elezioni del 2020 vinte dal democratico Joe Biden, ma il giudice distrettuale che supervisiona il caso è stato costretto a rinviare l’inizio del processo in attesa di una decisione sulla questione dell’immunità da parte della corte d’appello.

Il giudice distrettuale Tanya Chutkan, che presiederà il processo per le interferenze elettorali di Trump, ha respinto la richiesta di immunità di Trump a dicembre e anche i tre giudici che hanno ascoltato il suo appello il mese scorso non sono stati convinti dalle sue argomentazioni.

Ai fini di questo processo penale, l’ex presidente Trump è diventato il cittadino Trump, con tutte le difese di qualsiasi altro imputato penale”, hanno detto i giudici in una sentenza unanime.

“Ma qualsiasi immunità esecutiva che possa averlo protetto mentre era in carica come Presidente non lo protegge più da questo procedimento”.

Il consigliere speciale Jack Smith, che ha portato avanti il caso di cospirazione elettorale contro Trump, ha cercato di mantenere la data di inizio del processo di Trump a marzo, mentre gli avvocati dell’ex presidente hanno cercato ripetutamente di ritardarlo fino a dopo le elezioni presidenziali di novembre.

Trump deve anche affrontare accuse di interferenza elettorale nello Stato della Georgia ed è stato incriminato in Florida con l’accusa di aver portato illegalmente con sé un gran numero di documenti top secret quando ha lasciato la Casa Bianca.

Durante il suo mandato, Trump è stato messo sotto impeachment due volte dalla Camera dei Rappresentanti controllata dai Democratici, ma è stato assolto entrambe le volte.

Durante le discussioni del mese scorso davanti alla corte d’appello, tutti e tre i giudici sono apparsi scettici nei confronti delle argomentazioni sull’immunità avanzate dall’avvocato di Trump.

“Penso che sia paradossale affermare che il suo dovere costituzionale di ‘vigilare sulla fedele esecuzione delle leggi’ gli consenta di violare le leggi penali”, ha detto il giudice Karen Henderson, un’incaricata dell’ex presidente repubblicano George H.W. Bush.

L’avvocato di Trump, John Sauer, ha dichiarato ai giudici che un presidente può essere perseguito per azioni compiute durante la sua permanenza alla Casa Bianca solo se prima viene sottoposto a impeachment e condannato dal Congresso.

“Autorizzare l’incriminazione di un presidente per i suoi atti ufficiali significherebbe aprire un vaso di Pandora da cui la nazione potrebbe non riprendersi mai”, ha dichiarato Sauer.

James Pearce, avvocato del Dipartimento di Giustizia, ha definito questa prospettiva “straordinariamente spaventosa” e ha detto che permetterebbe a un presidente di dimettersi prima dell’impeachment e di sfuggire alla punizione.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...