domenica, Febbraio 25, 2024
HomeWorldTrump aumenta il numero di delegati con la facile vittoria nei caucus...

Trump aumenta il numero di delegati con la facile vittoria nei caucus in Nevada

L’ex presidente degli Stati Uniti e candidato alle presidenziali del 2024, Donald Trump, gesticola durante una festa per la Caucus Night a Las Vegas, Nevada, ieri, 8 febbraio 2024. Foto: AFP

Ieri, Donald Trump ha vinto il caucus del Nevada, aggiungendo altri delegati alla sua marcia apparentemente inarrestabile verso la nomination presidenziale del Partito Repubblicano.

Trump era l’unico candidato di rilievo sulla scheda elettorale quando i membri del partito si sono riuniti in edifici pubblici nello Stato sud-occidentale degli Stati Uniti per esprimere il loro voto di persona.

I primi risultati hanno mostrato che l’ex presidente ha superato di gran lunga il suo sfidante, un uomo d’affari del Texas, e i principali network statunitensi hanno dichiarato che Trump avrebbe conquistato i delegati disponibili nello Stato.

Per il Nevada si è trattato del secondo turno di voto per le preferenze presidenziali di questa settimana.

Martedì si sono tenute le primarie organizzate dallo Stato, in cui Nikki Haley è stata battuta al secondo posto nella scheda elettorale repubblicana da “Nessuno di questi candidati”, ampiamente considerato come un voto per delega per Trump.

Questo risultato, tuttavia, non ha avuto alcun significato, poiché il GOP del Nevada ha dichiarato mesi fa che avrebbe assegnato i suoi delegati dal caucus rivale di giovedì, un formato che favorisce fortemente Trump.

La Haley è in netto svantaggio rispetto a Trump nella corsa alla nomination e si appresta a subire un’altra batosta nel suo Stato natale, il South Carolina, alla fine del mese.

Ieri, l’ex ambasciatrice delle Nazioni Unite ha insistito sul fatto che non si sarebbe ritirata.

Secondo il New York Times, “sono qui per un lungo viaggio”, ha detto ai sostenitori durante un evento della campagna in California ieri sera.

“Sarà un casino, farà male e lascerà qualche livido, ma alla fine della giornata non mi dispiace prenderli, se vorrete seguirmi”

Giovedì Trump ha detto di ritenere che la sua candidatura non sia una buona idea, ma non lo preoccupa.

“Non so perché continui, ma lasciamola continuare”, ha detto. “Non mi interessa davvero”

“Penso che sia un male per il partito. Penso che sia un male per lei”

Anche i repubblicani delle Isole Vergini americane hanno partecipato al caucus giovedì.

Anche se non è uno Stato e non avrà voce in capitolo nelle elezioni presidenziali di novembre, il territorio gioca un ruolo nella decisione delle candidature presidenziali.

Trump ha vinto il voto del partito con un margine di tre a uno su Haley, dandogli tutti i delegati disponibili per la Convenzione nazionale repubblicana del 15-18 luglio in Wisconsin, che deciderà il candidato.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...