Sorpresa e rabbia: il leader dei Repubblicani francesi appoggia il patto con l’estrema destra

Il presidente francese Emmanuel Macron ha scommesso quando ha indetto le elezioni anticipate. Ha aperto la porta a un governo di estrema destra?

Il leader del principale partito di destra francese martedì ha appoggiato un’alleanza con l’estrema destra di Marine Le Pen nelle elezioni legislative lampo, scatenando una crisi all’interno del suo stesso partito e la furia del governo.

L’annuncio sorprendente del leader dei Repubblicani (LR), Eric Ciotti, in un’intervista televisiva, è la prima volta nella storia politica francese moderna che un leader di un partito tradizionale ha appoggiato un’alleanza con l’estrema destra del National Rally (RN).

Il presidente Emmanuel Macron domenica ha indetto le elezioni per il 30 giugno, con un secondo turno il 7 luglio, una scommessa importante dopo che il RN ha ottenuto più del doppio dei voti della sua alleanza centrista alle elezioni europee.

A meno di tre settimane dal primo turno, Macron deve affrontare le alleanze dell’opposizione che si stanno cristallizzando a destra e a sinistra e gli avvertimenti che la sua scommessa potrebbe ritorcersi contro.

Un sondaggio Harris Interactive-Toluna pubblicato lunedì ha suggerito che solo il 19 percento delle persone lo sosterrebbe, rispetto al 34 percento del National Rally di estrema destra.

Ma in un’intervista, Macron ha escluso di dimettersi dopo le elezioni.

L’imminente ballottaggio ha fatto suonare un campanello d’allarme in tutta Europa, poiché rischia di mettere in difficoltà la Francia, storicamente un attore chiave nel mediare il compromesso a Bruxelles e nel sostenere l’Ucraina contro l’invasione russa.

“Dobbiamo avere un’alleanza pur rimanendo noi stessi… un’alleanza con la RN e i suoi candidati”, ha dichiarato Ciotti alla televisione TF1, aggiungendo di aver già avuto colloqui con Le Pen, tre volte candidata alle presidenziali, e con il leader del partito RN Jordan Bardella.

Le Pen ha elogiato “la scelta coraggiosa” e il “senso di responsabilità” di Ciotti, auspicando che un numero significativo di esponenti della RN lo segua.

Bardella ha confermato l’alleanza, dicendo alla televisione France 2 che il suo partito sosterrà “decine” di candidati LR per i seggi.

Eric Zemmour, l’ex opinionista che guida il partito Reconquest, considerato ancora più a destra del RN, ha applaudito la mossa e ha auspicato una “vasta alleanza di forze di destra”.

– Fine del “cordone sanitario

L’LR risale al leader del dopoguerra Charles de Gaulle ed è la casa politica di ex presidenti come Jacques Chirac e Nicolas Sarkozy.

Ora “40 anni di pseudo cordone sanitario – che ha fatto perdere molte elezioni – stanno scomparendo”, ha dichiarato all’AFP Le Pen, ora a capo dei deputati del RN all’Assemblea Nazionale della Camera bassa.

Ma la mossa di Ciotti, che ha detto di voler creare un gruppo “significativo” nella nuova Assemblea Nazionale dopo le elezioni, rischia di spaccare il suo stesso partito.

“Vedo tutti coloro che in questo momento si agitano per coalizioni, per alleanze, per piccole combinazioni. Lo dico subito: Non ci credo”, ha dichiarato Laurent Wauquiez, leader della regione centrale dell’Alvernia-Rodano-Alpi, considerato un candidato alle presidenziali del 2027.

Il presidente della Camera alta del Senato, Gerard Larcher, una figura di peso, ha dichiarato che non avrebbe “mai mandato giù” un accordo con la RN e ha invitato Ciotti a dimettersi.

Ma parlando con i giornalisti dopo l’intervista, Ciotti ha detto che non si sarebbe dimesso e ha sottolineato che il suo mandato dipende dagli attivisti del partito.

Il ministro dell’Interno Gerald Darmanin, in passato disertore dalla LR all’alleanza di Macron, ha denunciato la mossa come un “disonore per la famiglia gollista” e l’ha paragonata agli accordi di Monaco con la Germania nazista alla vigilia della Seconda guerra mondiale.

– decisione giusta

L’ufficio di Macron ha rinviato a mercoledì un’importante conferenza stampa inizialmente prevista per martedì pomeriggio, nel tentativo apparente di fare il punto sul riallineamento delle forze politiche.

Macron ha dichiarato al Figaro Magazine di escludere le dimissioni, “qualunque sia il risultato” delle elezioni lampo.

“Penso solo alla Francia. È stata la decisione giusta, nell’interesse del Paese”, ha detto, aggiungendo di essere pronto a discutere con Le Pen.

“Lo faccio per vincere”, ha detto.

Il primo ministro Gabriel Attal, che secondo i media non era soddisfatto della decisione di indire le elezioni, ha rotto un silenzio pubblico di due giorni per dire alla televisione TF1 che avrebbe guidato la campagna per il partito al potere.

L’ex primo ministro Edouard Philippe, che guida un partito alleato di Macron, ha dichiarato in precedenza a BFMTV che “non sarebbe del tutto salutare” per il presidente guidare la campagna.

I partiti di sinistra della Francia, che sono molto divisi, sembrano aver rapidamente accantonato le divergenze che avevano mandato in frantumi la loro alleanza parlamentare, in particolare per le loro risposte contrastanti alla guerra a Gaza.

I socialisti, i verdi, i comunisti e la sinistra dura France Unbowed (LFI) hanno dichiarato che “sosterranno candidati comuni, fin dal primo turno” delle elezioni.