I bambini vittime di guerra aumentano nel 2023 tra le crisi di Gaza e del Sudan: Rapporto ONU

Bambini attendono la distribuzione di cibo in un campo per sfollati interni dove vivono a causa dei bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza, a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, l’11 giugno. Foto: AFP

La violenza contro i bambini nei conflitti armati ha raggiunto “livelli estremi” nel 2023, in particolare a Gaza e in Sudan, secondo un prossimo rapporto delle Nazioni Unite ottenuto martedì dall’AFP.

Il rapporto annuale delle Nazioni Unite sui “Bambini nei conflitti armati” ha inserito nella lista nera l’esercito sudanese e le forze rivali di supporto rapido (RSF) per “l’uccisione e la mutilazione di bambini e per gli attacchi a scuole e ospedali”

Sono stati aggiunti alla lista nera anche Hamas e il braccio armato della Jihad islamica palestinese per l’attacco del 7 ottobre a Israele, nonché l’esercito israeliano per la sua campagna di rappresaglia contro Hamas a Gaza.

Palestinian four-year-old with cerebral palsy Ghassan al-Qishawi who also suffers from malnutrition due to the ongoing conflict between Israel and the Palestinian Hamas militant group in the Gaza, rests near his mother at their shelter. Photo: AFPGhassan al-Qishawi, un bambino palestinese di quattro anni con paralisi cerebrale che soffre anche di malnutrizione a causa del conflitto in corso tra Israele e il gruppo militante palestinese di Hamas a Gaza, riposa vicino alla madre nel loro rifugio. Foto: AFP

“Nel 2023, la violenza contro i bambini nei conflitti armati ha raggiunto livelli estremi, con uno scioccante aumento del 21% delle gravi violazioni”, si legge nel rapporto del Segretario generale Antonio Guterres, che sarà pubblicato giovedì.

Le Nazioni Unite hanno verificato 30.705 violazioni commesse contro i bambini lo scorso anno, tra cui 5.301 uccisioni, 6.348 feriti, 8.655 casi di bambini reclutati e utilizzati nei conflitti, 5.205 negazioni dell’accesso umanitario e 4.356 rapimenti.

“Non abbiamo mai verificato così tante violazioni contro i bambini come l’anno scorso”, ha dichiarato un alto funzionario delle Nazioni Unite parlando a condizione di anonimato.

Nel 2023, “i bambini hanno sopportato il peso del moltiplicarsi e dell’intensificarsi delle crisi, caratterizzate da un totale disprezzo per i diritti dell’infanzia, in particolare per il diritto alla vita”, si legge nel rapporto.

Children sit together sharing a large bowl of food, as Sudanese families host internally displaced people coming from the central Sudanese state of Gezira to the eastern Sudanese city of Gedaref on June 3. Photo: AFPBambini seduti insieme che condividono una grande ciotola di cibo, mentre le famiglie sudanesi ospitano gli sfollati interni provenienti dallo stato sudanese centrale di Gezira nella città sudanese orientale di Gedaref, il 3 giugno. Foto: AFP

un lungo, lungo tempo da verificare

Il conflitto in Medio Oriente ha portato a un aumento del 155% delle gravi violazioni contro i bambini, si legge nel rapporto.

Le Nazioni Unite hanno verificato che 43 bambini israeliani sono stati uccisi in Israele e in Cisgiordania durante l’attacco del 7 ottobre e che un totale di 47 bambini israeliani sono stati rapiti da Hamas e da altri gruppi palestinesi.

Il rapporto ha anche confermato la morte di 2.141 bambini palestinesi nella Striscia di Gaza nel 2023, di cui 2.051 uccisi tra il 7 ottobre e il 31 dicembre.

Oltre 23.000 segnalazioni di gravi violazioni contro i bambini – 3.900 bambini israeliani e 19.887 bambini palestinesi – da parte di tutte le parti in conflitto devono ancora essere verificate.

“Ci vorrà molto, molto tempo per verificarle”, ha detto il funzionario delle Nazioni Unite.

Israele ha reagito con rabbia quando la settimana scorsa è trapelata la notizia della sua inclusione nella lista nera, con l’ambasciatore del Paese alle Nazioni Unite Gilad Erdan che si è detto “scioccato e disgustato da questa decisione vergognosa”

Per quanto riguarda il Sudan, ha registrato “uno sconcertante aumento del 480% delle gravi violazioni contro i bambini” dal 2022 al 2023, si legge nel rapporto.

Sudanese child wait for their turn during a campaign responding to the polio epidemic and for the elimination of vitamin A deficiency, launched with the support of UNICEF, targeting the innoculation of more than 12,000 children. Photo: AFPUn bambino sudanese attende il proprio turno durante una campagna di risposta all’epidemia di poliomielite e per l’eliminazione della carenza di vitamina A, lanciata con il sostegno dell’UNICEF, che prevede l’innocuità di oltre 12.000 bambini. Foto: AFP

La forza paramilitare RSF è stata indicata per il reclutamento di bambini e per “stupri e altre forme di violenza sessuale contro i bambini”, oltre che per gli attacchi a scuole e ospedali.

“Sono sconcertato dal drammatico aumento delle gravi violazioni”, ha scritto Guterres nel rapporto, notando anche un aumento degli attacchi a sfondo etnico e degli sfollamenti di massa di bambini in Sudan.

Il rapporto, che copre circa 20 zone di conflitto in tutto il mondo, include l’uccisione, il ferimento, il reclutamento, il rapimento e la violenza sessuale contro i bambini.

Ha verificato 30.705 “gravi violazioni” commesse lo scorso anno, anche durante la guerra a Gaza.

L’esercito russo e i “gruppi armati affiliati” sono rimasti nella lista nera per aver ucciso 80 bambini in Ucraina nel 2023 e per averne feriti 339.