mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeWorldL'Ucraina dice che tre villaggi sono stati riconquistati in una nuova offensiva

L’Ucraina dice che tre villaggi sono stati riconquistati in una nuova offensiva

L’Ucraina ha annunciato che le sue forze hanno riconquistato tre villaggi nella regione orientale di Donetsk, i primi risultati della nuova offensiva.

Ma tre persone sono state uccise e almeno altre 23 ferite quando la Russia ha bombardato un’imbarcazione di salvataggio che stava evacuando i civili dal territorio controllato dai russi, ha dichiarato domenica l’ufficio del procuratore della regione di Kherson.

Secondo gli analisti del think tank con sede a Washington, l’Institute for the Study of War, le forze di Kiev hanno lanciato una controffensiva in almeno quattro zone del fronte.

Dopo mesi di aspettative, sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha confermato l’inizio della controffensiva contro le forze russe.

Poi, domenica, ha annunciato la riconquista dei tre villaggi, i primi guadagni significativi della nuova campagna.

“Neskuchne, nella regione di Donetsk, è di nuovo sotto la bandiera ucraina”, ha dichiarato il servizio statale di guardia di frontiera.

Domenica scorsa, l’esercito ucraino ha dichiarato che le sue truppe avevano conquistato il vicino villaggio di Blagodatne. Le forze di terra hanno pubblicato un video che mostra i soldati che issano la bandiera ucraina su un edificio distrutto.

Il portavoce militare Valeriy Shershen ha dichiarato in un discorso televisivo che il villaggio si trovava al confine tra la regione orientale di Donetsk e quella meridionale di Zaporizhzhia, dove Mosca ha riferito di pesanti assalti ucraini nell’ultima settimana.

Le forze ucraine hanno catturato diverse truppe russe e filorusse, ha aggiunto Shershen.

Domenica, il vice ministro della Difesa Ganna Malyar ha dichiarato che le forze ucraine hanno riconquistato un terzo villaggio, Makarivka, a nord-ovest di Blagodatne.

Un importante successo militare ucraino nella regione di Zaporizhzhia potrebbe potenzialmente consentire alle sue forze di sfondare il ponte di terra che collega la Russia con la penisola di Crimea, annessa all’Ucraina. Si tratterebbe di un’importante inversione di tendenza per Mosca.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che l’Ucraina ha effettuato un attacco senza successo sabato sera contro una nave da guerra russa nel Mar Nero. La Priazovye è impegnata in compiti di pattugliamento dei gasdotti di gas naturale in quella zona.

Il ministero ha dichiarato che l’attacco, condotto da imbarcazioni con droni, è stato respinto e che la nave non è stata danneggiata.

Il peggior disastro “dopo Chernobyl”

I civili uccisi e feriti nel bombardamento dell’imbarcazione di salvataggio sono stati catturati dalle conseguenze della distruzione di martedì della diga di Kakhovka, controllata dai russi, lungo la linea del fronte nella regione meridionale di Kherson.

I funzionari ucraini affermano che sette persone sono morte e 35, tra cui sette bambini, sono ancora disperse in seguito alla devastante alluvione scatenata dalla distruzione della diga.

Mentre l’Ucraina accusa la Russia di aver fatto esplodere la diga sul fiume Dnipro, Mosca afferma che Kyiv ha sparato.

“Questa è la peggiore catastrofe ambientale dai tempi di Chernobyl, quindi stiamo indagando non solo su un crimine di guerra ma anche su un ecocidio”, ha dichiarato il procuratore generale ucraino Andriy Kostin dopo aver visitato il sito con i rappresentanti della Corte penale internazionale.

Un totale di 450 tonnellate di olio di turbina si è riversato nelle acque del Dnipro e del Mar Nero, ha aggiunto.

Il Ministro degli Interni ucraino Igor Klymenko ha dichiarato che 77 città e villaggi sono stati allagati a Kherson, dove sono morte cinque persone, e a Mykolaiv, dove ne sono morte due, mentre 162.000 persone sono rimaste senza acqua.

Zelensky ha dichiarato che 4.000 persone sono state evacuate nelle due regioni.

Calo del livello dell’acqua

Un’impiegata dell’agenzia meteorologica di Kherson, Lora Musiyan, ha dichiarato che il livello dell’acqua è sceso di 1,7 metri (5,5 piedi) rispetto alle misure massime registrate la settimana scorsa.

Nella città di Kherson, il più grande centro abitato vicino alla diga, l’acqua ha iniziato a calare abbastanza da permettere alla gente del posto di tornare a valutare i danni, ha detto un corrispondente dell’AFP sul posto.

“Le perdite sono significative. Non so nemmeno cosa fare ora”, ha detto Oleksiy Gesin, osservando la scena dopo che il suo negozio di alimentari è stato allagato fino all’altezza del petto.

I danni alla diga potrebbero essere un problema anche per un bacino idrico a monte, utilizzato per raffreddare i vicini reattori della più grande centrale nucleare d’Europa.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha dichiarato che i suoi esperti hanno bisogno di accedere a una località vicina alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, occupata dai russi, per valutare “una discrepanza significativa” nelle misurazioni del livello dell’acqua, nonché al quadro elettrico della centrale termica.

“Anche se l’impianto non produce elettricità da diversi mesi, ha ancora bisogno di accesso all’acqua e all’energia per il raffreddamento e per altre funzioni essenziali di sicurezza e protezione e per evitare il rischio di una potenziale fusione del combustibile e il rilascio di materiale radioattivo”, ha dichiarato l’AIEA in un comunicato.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Rilasciati i più potenti minatori di criptovalute

I minatori ASICRUN vantano un consumo energetico basso o moderato. Foto: Shutterstock Il panorama del mining di criptovalute a livello globale ha subito una...