martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldL'ospedale Al-Shifa di Gaza devastato in due settimane di battaglia

L’ospedale Al-Shifa di Gaza devastato in due settimane di battaglia

Palestinesi ispezionano i danni all’ospedale Al-Shifa di Gaza dopo il ritiro dell’esercito israeliano dal complesso che ospita l’ospedale. Foto: AFP

Lunedì le forze israeliane si sono ritirate dal più grande complesso ospedaliero di Gaza dopo un’intensa operazione militare durata due settimane, lasciandosi alle spalle edifici carbonizzati e corpi sparsi nel vasto complesso.

Israele ha dichiarato di aver combattuto contro i militanti palestinesi nascosti all’interno dell’ospedale Al-Shifa di Gaza City, di aver ucciso almeno 200 combattenti nemici e di aver recuperato grandi scorte di armi, esplosivi e denaro.

Il ministero della Sanità di Gaza, governato da Hamas, ha dichiarato che, dopo i pesanti attacchi aerei israeliani e il fuoco dei carri armati, “l’entità della distruzione all’interno del complesso e degli edifici circostanti è molto grande”.

“Decine di corpi, alcuni dei quali in stato di decomposizione, sono stati recuperati all’interno e nei dintorni del complesso medico di Al-Shifa”, ha dichiarato il ministero, aggiungendo che l’ospedale è ora “completamente fuori servizio”.

Un medico ha dichiarato all’AFP che sono stati recuperati più di 20 corpi, alcuni schiacciati dai veicoli in ritirata.

Le battaglie sono divampate anche intorno ad altri ospedali di Gaza, a quasi sei mesi dall’inizio della guerra scatenata dagli attacchi di Hamas del 7 ottobre, che hanno distrutto vaste aree del territorio costiero assediato.

L’ufficio stampa del governo di Hamas ha dichiarato che l’esercito ha fatto esplodere più di 20 case in 24 ore nella principale città meridionale di Khan Yunis, dove si è combattuto intorno agli ospedali Nasser e Al-Amal.

Proteste di piazza in Israele

I mediatori statunitensi, qatarioti ed egiziani hanno a lungo spinto per un cessate il fuoco e per il rilascio degli ostaggi, ma il funzionario di Hamas Osama Hamdan ha dichiarato che “finora non si è parlato di un nuovo round di negoziati”.

Le agenzie delle Nazioni Unite e i gruppi di aiuto umanitario hanno avvertito che molti dei 2,4 milioni di abitanti di Gaza sono sull’orlo della carestia, e i Paesi donatori hanno sporadicamente trasportato e inviato cibo per via aerea.

Secondo il sito web Vesselfinder.com, una seconda nave che trasportava beni di soccorso attraverso il Mediterraneo si trovava lunedì al largo della costa di Gaza, pochi giorni dopo essere partita da Cipro.

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu – il cui ufficio ha dichiarato di aver subito un’operazione di ernia “riuscita” domenica – ha giurato di distruggere Hamas, anche nella città di Rafah, all’estremo sud di Gaza.

Il premier è “in buona forma e sta iniziando a riprendersi”, ha dichiarato il suo ufficio in un comunicato.

Netanyahu è sottoposto a una crescente pressione da parte delle famiglie e dei sostenitori degli ostaggi e dei manifestanti antigovernativi, le cui manifestazioni notturne si sono intensificate e hanno attirato molte migliaia di persone nelle strade.

Il premier di destra è stato anche in contrasto con gli Stati Uniti, il principale alleato di Israele, che si sono opposti ai suoi piani di invasione di Rafah perché la città è affollata da circa 1,5 milioni di persone.

Dopo che Netanyahu ha cancellato la visita di una delegazione del governo israeliano a Washington per discutere dell’operazione di Rafah, è stato fissato un incontro per lunedì in videoconferenza, ha dichiarato una fonte israeliana all’AFP.

“Potrebbe esserci un incontro di persona nel corso della settimana”, ha detto la fonte, parlando a condizione di anonimato.

Arrestata la sorella del capo di Hamas

La guerra di Gaza più sanguinosa di sempre è scoppiata quando Hamas ha lanciato il suo attacco senza precedenti del 7 ottobre, che ha provocato circa 1.160 morti in Israele, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP sui dati ufficiali israeliani.

La campagna di rappresaglia di Israele ha ucciso almeno 32.782 persone, soprattutto donne e bambini, secondo il ministero della Sanità di Gaza.

Lunedì all’inizio della giornata, attacchi aerei mortali hanno nuovamente colpito Gaza e sono scoppiati scontri a Gaza City e Khan Yunis, mentre il ministero della Sanità ha dichiarato che almeno 60 persone sono morte durante la notte.

L’esercito israeliano ha dichiarato lunedì che 600 soldati sono stati uccisi dall’inizio della guerra, di cui 256 nell’invasione di Gaza dalla fine di ottobre.

I militanti palestinesi hanno anche sequestrato circa 250 ostaggi. Israele ritiene che a Gaza ne rimangano circa 130, tra cui 34 presunti morti.

Nel frattempo, la polizia israeliana ha dichiarato di aver arrestato la sorella di Ismail Haniyeh, leader di Hamas con sede in Qatar, nell’ambito di un’indagine sul terrorismo, nella città di Tel Sheva, nel sud di Israele.

La polizia ha dichiarato all’AFP che Sabah Abdel Salam Haniyeh, 57 anni, cittadina israeliana, è stata presa in custodia nell’ambito di un’indagine che coinvolge anche l’agenzia di sicurezza israeliana Shin Bet.

Un portavoce della polizia ha dichiarato che la donna è “sospettata di avere contatti con operatori di Hamas e di essersi identificata con l’organizzazione, incitando e sostenendo atti di terrorismo in Israele”.

La battaglia distrugge l’ospedale

Nelle ultime due settimane, l’esercito israeliano ha condotto quelle che ha definito “precise attività operative” presso il complesso di Al-Shifa, prima di dichiarare lunedì che le forze si erano ritirate.

La scena che si è lasciata alle spalle è stata di devastazione, con finestre spazzate via, muri di cemento anneriti e volontari che trasportavano cadaveri avvolti nella sabbia.

Decine di attacchi aerei e bombardamenti avevano colpito l’area intorno al complesso in mattinata, con un fuoco pesante che, secondo l’ufficio stampa del governo di Hamas, serviva a fornire copertura alle truppe e ai carri armati in ritirata.

Nei giorni scorsi l’esercito ha diffuso filmati dei suoi combattenti che si muovono nei corridoi dell’ospedale e immagini di un gran numero di fucili d’assalto, granate e altre armi recuperate nel reparto maternità.

L’esercito ha dichiarato che 200 militanti di Hamas e della Jihad islamica sono stati uccisi nei combattimenti all’interno e nei dintorni di Al-Shifa.

Hamas ha negato di operare da Al-Shifa e da altre strutture sanitarie.

Un attacco israeliano ha colpito anche “una tendopoli” all’interno del complesso ospedaliero Al-Aqsa, nel centro di Gaza, uccidendo quattro persone, ha dichiarato il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sulla piattaforma di social media X.

L’esercito israeliano ha negato che l’ospedale sia stato danneggiato, affermando su X che un aereo ha “colpito un centro di comando operativo della Jihad islamica e dei terroristi posizionati nel cortile dell’ospedale Al-Aqsa”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – 23 aprile 2024

I giornali di Malta.Di seguito sono riportate le notizie più importanti apparse sui giornali di Malta martedì. IlTimes of Malta riferisce che la polizia che...