giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldLa prontezza di riflessi ha evitato una tragedia più grande nel crollo...

La prontezza di riflessi ha evitato una tragedia più grande nel crollo di un ponte a Baltimora

La prontezza di riflessi delle autorità, che hanno fermato le auto che salivano sul ponte di Baltimora un attimo prima che venisse colpito da una nave, ha salvato delle vite martedì.

Il ponte di 1,6 miglia è crollato in pochi secondi quando è stato colpito da una grande nave portacontainer il cui equipaggio ha allertato le autorità con una chiamata mayday quando il motore si è guastato e hanno perso il controllo.

Nella tarda serata di martedì le autorità hanno sospeso le ricerche di sei persone disperse dopo che il ponte è crollato, bloccando uno dei porti commerciali più trafficati degli Stati Uniti.

“In base al tempo trascorso in questa ricerca, agli sforzi di ricerca estensivi che abbiamo compiuto, alla temperatura dell’acqua… a questo punto non crediamo che troveremo nessuna di queste persone ancora in vita”, ha dichiarato il contrammiraglio della Guardia Costiera statunitense Shannon Gilreath in una conferenza stampa al calare della notte.

Tutte e sei le persone facevano parte di una squadra di costruttori notturni che stavano riparando le buche sul Francis Scott Key Bridge quando il disastro ha colpito poco dopo la mezzanotte.

“Stiamo passando dalla parte di ricerca e salvataggio a un’operazione di recupero”, ha dichiarato Roland Butler, segretario della polizia di Stato del Maryland.

Ha detto che le temperature e le correnti rendevano difficile per i sommozzatori continuare a lavorare sott’acqua, ma che le barche avrebbero continuato a pattugliare durante la notte.

Le riprese video hanno mostrato la nave portacontainer che ha sbattuto contro uno dei sostegni del ponte, facendo crollare come un mazzo di carte la struttura in acciaio costruita nel 1977.

La prontezza di riflessi ha salvato delle vite

Il governatore del Maryland, Wes Moore, ha dichiarato che la prontezza di riflessi delle autorità, una volta che la nave ha lanciato l’allarme, ha permesso di impedire ai veicoli di salire sul ponte.

“Queste persone sono degli eroi. Hanno salvato delle vite ieri sera”, ha detto in una conferenza stampa.

L’FBI e le altre agenzie hanno sottolineato che non c’è alcun collegamento noto con il terrorismo.

“Le indagini preliminari indicano che si è trattato di un incidente”, ha dichiarato Moore.

Paul Wiedefeld, capo dei trasporti del Maryland, ha detto che la squadra che lavorava sul ponte stava “fondamentalmente riparando le buche, per farvi capire che non aveva nulla a che fare con un problema strutturale”

Il presidente Joe Biden ha definito il crollo un “terribile incidente” e si è impegnato a riaprire il porto e a ricostruire il ponte.

Il governatore Moore, astro nascente del partito democratico, ha dichiarato alla CNN che l’obiettivo è ora quello di assicurarsi che le famiglie delle vittime “possano trovare una soluzione”

Due dei lavoratori dispersi provenivano dal Guatemala, ha dichiarato il ministero degli Esteri del Paese, mentre l’emittente locale The Baltimore Banner ha riferito che tra le vittime vi erano anche cittadini messicani, salvadoregni e honduregni.

I disperati tentativi dell’equipaggio di evitare il disastro

Dalle rive del fiume Patapsco, si potevano vedere le travi d’acciaio spuntare dall’acqua e il metallo maciullato drappeggiato sul ponte dell’enorme nave.

“È qualcosa che abbiamo visto per tutta la vita”, ha detto l’insegnante Tiffany Wengert, 30 anni.

“E all’improvviso… non c’è più”

Sono emersi dettagli su come l’equipaggio ha cercato di evitare il disastro dopo che la nave ha perso potenza e ha iniziato a ciondolare verso il ponte.

“Poco prima dell’incidente, la nave Dali aveva subito una momentanea perdita di propulsione. Di conseguenza, non è stata in grado di mantenere la rotta desiderata ed è entrata in collisione”, ha dichiarato l’autorità marittima di Singapore, dove la Dali batte bandiera.

L’autorità ha detto che la società di gestione della nave, Synergy Marine Pte Ltd, ha riferito che l’equipaggio ha “gettato le ancore” in un ultimo tentativo di trattenere la nave.

Gli investigatori federali si aspettano che le registrazioni della nave siano fondamentali per determinare l’accaduto, ha dichiarato Jennifer Homendy, capo del National Transportation Safety Board, che sta supervisionando l’indagine.

The collapse of the bridge is causing problems at one of America's busiest harbours. AFP

Butler, della polizia di Stato del Maryland, ha dichiarato che mercoledì mattina i sommozzatori “inizieranno una ricerca più dettagliata per fare del nostro meglio per recuperare le sei persone disperse”

Il ponte Francis Scott Key, che prende il nome dal poeta che ha scritto il testo dell’inno nazionale statunitense, è un importante collegamento del sistema autostradale della costa orientale, utilizzato ogni giorno da circa 34.000 veicoli.

Ci sono altri ponti e tunnel che permettono agli automobilisti di attraversare il porto. Tuttavia, l’intricata barriera d’acciaio che ora giace semisommersa all’ingresso del porto blocca quasi tutto il traffico marittimo.

Il porto di Baltimora è il nono porto più trafficato degli Stati Uniti in termini di merci straniere movimentate e di valore delle merci straniere, ed è direttamente responsabile di oltre 15.000 posti di lavoro, sostenendone quasi altri 140.000.

“Non c’è dubbio che questo avrà un impatto importante e prolungato sulle catene di approvvigionamento”, ha avvertito il segretario ai Trasporti statunitense Pete Buttigieg, aggiungendo che è “troppo presto” per sapere quando il porto potrebbe riaprire.

Il sindaco di Baltimora Brandon Scott ha descritto il ponte come una “tragedia impensabile… come se fosse uscito da un film d’azione”

“Dobbiamo pensare alle famiglie e alle persone colpite”, ha detto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Saqqajja

Un motociclista è rimasto gravemente ferito mercoledì in un incidente a Saqqajja. La polizia ha dichiarato che l'incidente, avvenuto alle 15.15 di mercoledì al largo...