martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldIsraele ha dichiarato di aver sventato un complotto contro il ministro di...

Israele ha dichiarato di aver sventato un complotto contro il ministro di estrema destra Ben Gvir

Il ministro della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir (C) arriva sulla scena di un attacco a fuoco vicino all’insediamento di Maale Adumim, a est di Gerusalemme, il 22 febbraio 2024.

I servizi di sicurezza israeliani hanno dichiarato giovedì di aver sventato un complotto per uccidere il ministro della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir.

Undici persone, tra cui sette cittadini israeliani palestinesi, sono state arrestate nel corso dell’operazione congiunta con la polizia e l’esercito, ha dichiarato il servizio di sicurezza interno Shin Bet.

“Lo Shin Bet ha smantellato una cellula terroristica che stava preparando attacchi in Israele, in particolare contro il ministro Itamar Ben Gvir”, ha dichiarato l’agenzia in un comunicato, a quasi sei mesi dalla guerra di Israele contro i militanti di Hamas nella Striscia di Gaza.

I sospetti avevano pianificato di uccidere Ben Gvir con un lanciarazzi.

“La cellula aveva (anche) pianificato attacchi contro basi militari, l’aeroporto Ben Gurion e uffici governativi a Gerusalemme”, ha aggiunto.

Dieci dei sospetti sono stati incriminati giovedì presso un tribunale di Beersheva, nel sud del Paese, ha dichiarato il servizio di sicurezza.

Ben Gvir, a capo del partito Potere Ebraico, è noto per la sua retorica incendiaria contro i palestinesi.

A febbraio ha chiesto controlli più severi sui palestinesi in Cisgiordania – dove è un colono – dicendo che “non dovrebbero essere ammessi” a Gerusalemme per pregare durante il mese sacro islamico del Ramadan.

La polizia e lo Shin Bet hanno inoltre dichiarato di aver sventato due attacchi pianificati nell’annessa Gerusalemme est da “sostenitori dello Stato Islamico”.

Gli attacchi legati al gruppo jihadista dello Stato Islamico sarebbero una rarità nel Paese.

All’inizio della guerra con Hamas, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha paragonato Hamas ai jihadisti e a novembre l’esercito ha dichiarato di aver ucciso Nabil Halbiya, “un agente dello Stato Islamico”, durante uno scambio di fuoco nella Cisgiordania occupata.

La polizia ha detto che uno dei presunti attacchi a Gerusalemme sarebbe stato compiuto contro una stazione di polizia e l’altro vicino a uno stadio di calcio.

Tre persone sono state arrestate, ha aggiunto il comunicato.

Uno dei sospetti ha “facilitato l’addestramento” degli altri due e li ha “incitati a sottoporsi a un indottrinamento terroristico all’estero”.

I tre compariranno in tribunale giovedì.

L’attacco di Hamas del 7 ottobre ha scatenato la guerra e ha provocato la morte di 1.170 israeliani e stranieri nel sud di Israele, la maggior parte dei quali civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani.

Giurando di distruggere Hamas, Israele ha condotto un’incessante offensiva aerea e di terra che ha ucciso almeno 33.037 persone nella Striscia di Gaza, per lo più donne e bambini, secondo il ministero della Sanità di Gaza, governata da Hamas.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – 23 aprile 2024

I giornali di Malta.Di seguito sono riportate le notizie più importanti apparse sui giornali di Malta martedì. IlTimes of Malta riferisce che la polizia che...