sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldIl procuratore della CPI si dice "profondamente preoccupato" per l'attentato di Rafah

Il procuratore della CPI si dice “profondamente preoccupato” per l’attentato di Rafah

I membri di una famiglia palestinese viaggiano sul retro di un camion con le loro cose mentre fuggono da Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, prendendo la strada costiera a nord verso la Striscia di Gaza centrale, il 12 febbraio 2024. Foto: AFP

Lunedì il procuratore capo della Corte penale internazionale ha espresso profonda preoccupazione per una possibile offensiva di terra israeliana a Rafah, a Gaza, avvertendo che chiunque violi il diritto internazionale sarà ritenuto responsabile.

In una dichiarazione pubblicata su X, in precedenza Twitter, Karim Khan ha affermato che l’indagine del suo ufficio sugli eventi a Gaza “viene portata avanti con la massima urgenza”.

“Sono profondamente preoccupato per i bombardamenti e le potenziali incursioni a terra delle forze israeliane a Rafah”, ha dichiarato.

Nel 2021 la Corte penale internazionale ha aperto un’indagine su Israele, Hamas e altri gruppi armati palestinesi per possibili crimini di guerra nei territori palestinesi.

Khan ha detto in precedenza che questa indagine ora “si estende all’escalation di ostilità e violenza dopo gli attacchi che hanno avuto luogo il 7 ottobre 2023”.

“Tutte le guerre hanno delle regole e le leggi applicabili ai conflitti armati non possono essere interpretate in modo da renderle vuote o prive di significato”, ha affermato.

“Questo è stato il mio messaggio costante, anche da Ramallah l’anno scorso. Da allora, non ho visto alcun cambiamento percettibile nella condotta di Israele”, ha affermato.

Palestinians inspect the damage in the rubble of a building where two hostages were reportedly held before being rescued during an operation by Israeli security forcess in <strong>Rafah</strong>, on the southern <strong>Gaza</strong> Strip on February 12. Photo: AFPPalestinesi ispezionano i danni tra le macerie di un edificio dove sarebbero stati tenuti due ostaggi prima di essere salvati durante un’operazione delle forze di sicurezza israeliane a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 12 febbraio. Foto: AFP

Aperta nel 2002, la Corte penale internazionale è l’unico tribunale indipendente al mondo istituito per indagare sui reati più gravi, tra cui genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

È un “tribunale di ultima istanza” e interviene solo se i Paesi non vogliono o non possono indagare da soli.

“Come ho ripetutamente sottolineato, coloro che non rispettano la legge non devono lamentarsi quando il mio Ufficio agisce in base al suo mandato”, ha avvertito Khan.

“A tutte le persone coinvolte: il mio Ufficio sta indagando attivamente su tutti i crimini presumibilmente commessi. Coloro che violano la legge saranno chiamati a risponderne”

Khan ha chiesto il rilascio di tutti gli ostaggi detenuti da Hamas: “Anche questo rappresenta un importante obiettivo delle nostre indagini

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE