sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaIl principe rumeno ricercato sostiene che l'estradizione violerebbe i suoi diritti

Il principe rumeno ricercato sostiene che l’estradizione violerebbe i suoi diritti

Il principe rumeno Paul-Phillipe al României. Foto: Flickr

Gli avvocati di un principe rumeno davanti ai tribunali maltesi hanno sostenuto lunedì che la richiesta delle autorità rumene era basata su una decisione corrotta che, se eseguita, avrebbe comportato una violazione dei diritti fondamentali.

Il principe Paul-Philippe al Romaniei, 75 anni, membro della famiglia reale rumena, è fuggito dalla Romania nel 2020 in seguito alla sua condanna per corruzione legata alla restituzione illegale di un immobile vicino a Bucarest, di cui le autorità hanno detto che ha falsamente rivendicato la proprietà.

È stato condannato a una pena detentiva di tre anni e quattro mesi.

Il principe è stato preso in custodia dalla polizia poco più di una settimana fa mentre partecipava a un evento a Malta.

Lunedì scorso, quando è stato chiamato in giudizio, non ha acconsentito all’estradizione ed è stato posto in custodia cautelare.

Un ex procuratore e accademico francese, che ha partecipato attivamente a diverse missioni anticorruzione dell’UE, ha testimoniato in videoconferenza durante il procedimento di estradizione.

Descrivendo la questione come “scandalosa”, il magistrato in pensione Serge Mackowiak ha dichiarato di aver incontrato il principe un paio di volte in presenza dei suoi consulenti legali.

Dopo una dettagliata panoramica della saga storica, politica e legale che circonda il principe, il testimone ha concluso che il mandato d’arresto europeo era nullo.

Le ragioni erano tre.

Il mandato era il risultato di una persecuzione politica, mentre l’intera controversia derivava da un editto nazista del 1941 che ordinava la confisca illegale dei beni della famiglia reale.

Inoltre, il tribunale rumeno che ha ordinato l’estradizione del principe non era legalmente costituito perché due dei giudici che hanno ordinato l’estradizione non hanno prestato giuramento di fedeltà.

Procedimento in corso presso la Corte europea dei diritti dell’uomo

Lunedì ha testimoniato anche un avvocato statunitense che ha assistito il principe negli ultimi 12 anni e che sta seguendo il caso di estradizione a Malta.

Oltre a cercare di annullare la condanna del principe nel 2020, l’avvocato Edward Griffin aveva anche presentato una causa alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Il caso è ancora pendente.

Secondo Griffin, la condanna del principe in Romania ha violato il suo diritto a un processo equo, a un giusto processo e ai diritti della famiglia.

“Le autorità rumene affermano che non è l’erede legittimo di Carol II. È ridicolo, perché finora tutti i tribunali d’Europa hanno ritenuto che fosse l’erede legittimo”, ha detto Griffin.

Proprietà confiscate dai nazisti

Dopo la caduta del regime comunista, il principe Paul e suo padre tornarono in Romania per reclamare le proprietà di famiglia.

Ma si scontrarono con l’argomentazione che, anche se avevano diritto alla proprietà, questa non era stata confiscata dallo Stato comunista, ma dai nazisti.

Mentre la faida sulle proprietà continuava, nel 2022 il principe Paul fu oggetto di un MAE a Parigi.

La Corte d’appello di Parigi respinse la richiesta, citando “carenze sistematiche” nel sistema giudiziario rumeno.

Questa conclusione è stata ribadita dalla Corte di Cassazione.

I tribunali francesi hanno rifiutato di consegnare il ricercato, evidenziando un “rischio reale” di violazione dei suoi diritti fondamentali.

I testi ufficiali originali delle sentenze francesi sono stati presentati come prova da un avvocato della Procura generale e un esperto del tribunale è stato incaricato di confrontare gli originali con la loro traduzione in inglese.

Alla ripresa dell’udienza, dopo qualche ora di pausa, il perito ha riferito che “nel complesso [la traduzione] è molto fedele, salvo alcuni errori di battitura, non semantici”.

Tuttavia, c’era un fattore significativo che è stato successivamente evidenziato dalla difesa.

i tribunali rumeni hanno mentito

La sentenza del tribunale rumeno afferma che il principe era “presente” davanti al tribunale il 18 dicembre 2020.

“Si ricorda dove si trovava in quella data?”, ha chiesto l’avvocato difensore Jason Azzopardi, mentre il principe saliva brevemente sul banco dei testimoni.

“Ero in Portogallo davanti a un giudice portoghese per essere dichiarato amministratore della successione di mio nonno”, ha dichiarato il principe Paolo.

Ciò significa che il tribunale romeno ha “mentito” quando ha dichiarato che il principe era “presente” e il MAE si è basato su questa menzogna, ha sostenuto Azzopardi.

Inoltre, il tribunale rumeno non era legalmente costituito.

I tribunali francesi avevano rifiutato di consegnare il principe e anche un’analoga richiesta di “diffusione”, inoltrata attraverso l’Interpol, era fallita.

L’anno scorso, la conservazione dei dati del principe è stata dichiarata non legale perché non conforme alle regole dell’Interpol e di conseguenza doveva essere “cancellata” dal sistema dell’Interpol.

Un rapporto del Comitato per la prevenzione della tortura del Consiglio d’Europa ha concluso che la situazione nelle carceri rumene “è sicuramente un trattamento inumano e degradante”, ha aggiunto Azzopardi, citando una serie di casi a sostegno di questa tesi.

L’avvocato difensore Jose’ Herrera ha osservato inoltre che un tribunale che decide una richiesta di estradizione è dotato di “poteri speciali” ai sensi dell’articolo 4 della decisione quadro sui mandati d’arresto europei.

Tale tribunale ha il potere di andare oltre la legislazione ordinaria e di considerare anche le questioni relative ai diritti fondamentali.

La corte, presieduta dal magistrato Leonard Caruana, ha rinviato il caso alla prossima settimana.

Nel frattempo, una richiesta separata di libertà su cauzione era ancora pendente.

La difesa aveva presentato una richiesta alle 9.15 del giorno precedente l’udienza. Ma la richiesta è giunta alla camera del magistrato alle 15.16.

Questo ritardo, attribuito dagli avvocati del principe al sistema amministrativo del tribunale, era “inaccettabile”.

Ciò significa che l’AG non aveva ancora presentato una risposta sulla cauzione quando l’udienza è iniziata.

La persona ricercata era “affidabile e degna di fiducia”, aveva collaborato pienamente con gli investigatori e poteva offrire un indirizzo fisso per la cauzione.

“Se necessario, può firmare [il libretto della cauzione] ogni tre ore”, ha sostenuto Azzopardi, facendo appello a “giustizia e umanità”.

“È stato perseguitato per molti anni” e si trovava in custodia preventiva dal suo arresto la settimana scorsa.

Il tribunale ha chiesto alla difesa di indicare, tramite una nota, una terza persona che possa intervenire come garante per la cauzione, prima di decidere sulla questione.

L’ispettore Roderick Spiteri ha svolto l’azione penale.

Gli avvocati Jason Azzopardi, Jose’ Herrera, Kris Busietta e Martina Herrera erano i difensori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE