domenica, Febbraio 25, 2024
HomeWorldIl premier israeliano ordina alle truppe di prepararsi a entrare nell'affollata Rafah

Il premier israeliano ordina alle truppe di prepararsi a entrare nell’affollata Rafah

Palestinesi in lutto dopo aver identificato i cadaveri dei parenti uccisi nei bombardamenti israeliani della notte sul sud della Striscia di Gaza all’ospedale Al-Najjar di Rafah, l’8 febbraio 2024, mentre il conflitto tra Israele e Hamas entra nel suo quinto mese. Foto: AFP

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato alle truppe di prepararsi a entrare nell’affollata città meridionale di Gaza, Rafah, anche se oggi al Cairo si apriranno nuovi colloqui per garantire una tregua con Hamas.

Netanyahu ha annunciato l’ordine dopo aver respinto la risposta di Hamas alla proposta di cessate il fuoco al centro dei recenti intensi sforzi diplomatici, respingendo quelle che ha definito le “bizzarre richieste” del gruppo militante.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken, in Israele nell’ambito del suo quinto tour di crisi in Medio Oriente dopo l’attacco del 7 ottobre, ha insistito nel ritenere che ci sia ancora “spazio per raggiungere un accordo” per fermare i combattimenti e riportare a casa gli ostaggi.

I pesanti combattimenti sono proseguiti senza sosta, con altri attacchi aerei che hanno colpito Gaza, governata da Hamas e giunta al quinto mese di guerra, dove il ministero della Sanità ha dichiarato che altre 109 persone sono state uccise nella notte.

L’allarme è cresciuto soprattutto per l’oltre un milione di palestinesi ammassati nell’estremo sud di Gaza, mentre il fronte di battaglia si è avvicinato sempre più alla città di Rafah, al confine con l’Egitto.

Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito mercoledì che una spinta militare israeliana nella città “aumenterebbe esponenzialmente quello che è già un incubo umanitario”.

Oggi, l’esercito israeliano ha dichiarato di essere operativo sia nel nord che nel sud della Striscia di Gaza e di aver ucciso 30 “terroristi” in tutto il territorio.

“Sono stati arrestati due terroristi che hanno partecipato al massacro del 7 ottobre e un membro del commando di Hamas.

Netanyahu, in un discorso televisivo mercoledì, ha detto di aver ordinato alle truppe di “prepararsi a operare” a Rafah e ha predetto che i prossimi mesi porteranno “una vittoria totale”.

Riguardo alla proposta di cessate il fuoco, ha aggiunto: “Cedere alle bizzarre richieste di Hamas che abbiamo appena sentito… non farà altro che invitare a un altro massacro”

Blinken ha dichiarato ai giornalisti a Tel Aviv che la controproposta di Hamas ha almeno offerto l’opportunità di “proseguire i negoziati”.

“Sebbene la risposta di Hamas contenga alcuni chiari punti fermi, riteniamo che crei uno spazio per il raggiungimento di un accordo, e lavoreremo senza sosta fino a quando non ci arriveremo”, ha dichiarato Blinken, poche ore dopo aver incontrato Netanyahu.

Successivamente ha incontrato i moderati del gabinetto di guerra di Netanyahu, tra cui Benny Gantz e Gabi Eisenkot, per parlare “degli ostaggi e del forte desiderio che entrambi abbiamo di vederli restituiti alle loro famiglie”, e ha avuto colloqui anche con il principale leader dell’opposizione israeliana Yair Lapid.

Colloqui al Cairo

Un funzionario egiziano ha dichiarato che oggi al Cairo si aprirà un nuovo ciclo di negoziati per raggiungere la “calma” a Gaza e uno scambio di prigionieri-ostaggi.

L’Egitto ha esortato “entrambe le parti a mostrare la flessibilità necessaria” per raggiungere un accordo, ha detto il funzionario, parlando a condizione di anonimato.

Hamas ha dichiarato che una delegazione guidata da Khalil al-Hayya, membro di spicco dell’ufficio politico del gruppo, si sarebbe recata al Cairo oggi.

La guerra a Gaza è stata scatenata dall’attacco senza precedenti di Hamas contro Israele il 7 ottobre, che ha causato la morte di circa 1.160 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani.

Israele ha giurato di eliminare Hamas e ha lanciato attacchi aerei e un’offensiva di terra che hanno ucciso almeno 27.840 persone, soprattutto donne e bambini, secondo il ministero della Sanità di Gaza.

I militanti hanno anche sequestrato circa 250 ostaggi il 7 ottobre. Israele afferma che a Gaza ne rimangono 132, di cui si ritiene che 29 siano morti.

La sorte degli ostaggi ha attanagliato la società israeliana e, sebbene Netanyahu abbia ripetutamente insistito sul fatto che la pressione militare è l’unico modo per riportarli a casa, ha affrontato le crescenti richieste di trovare un accordo.

Rivolgendosi al Primo Ministro, uno degli ostaggi rilasciati nell’ambito di una tregua temporanea a novembre, Adina Moshe, ha detto in una conferenza stampa a Tel Aviv: “Tutto è nelle tue mani”

“E sono molto spaventata e molto preoccupata che se continuate con questa linea di distruzione di Hamas, non ci sarà più nessun ostaggio da liberare”

“Condizioni abissali”

Mentre Israele si preparava a spingersi ancora più a sud, sono cresciuti i timori per i civili palestinesi sfollati che affollano Rafah, premuto contro il confine meridionale di Gaza con l’Egitto.

Secondo le Nazioni Unite, più della metà dei 2,4 milioni di abitanti di Gaza ha cercato sicurezza nella città.

“Le loro condizioni di vita sono abissali”, ha dichiarato il responsabile umanitario delle Nazioni Unite Martin Griffiths. mancano dei beni di prima necessità per sopravvivere e sono perseguitati da fame, malattie e morte”.

“Mentre la guerra si estende sempre di più a Rafah, sono estremamente preoccupato per la sicurezza e il benessere delle famiglie che hanno sopportato l’impensabile in cerca di sicurezza”.

Blinken non ha esortato Israele a non muoversi verso la città, ma ha espresso preoccupazione. Qualsiasi “operazione militare che Israele intraprende deve mettere i civili al primo posto”, ha detto.

La guerra di Gaza ha scatenato un’ondata di violenza in tutta la regione da parte di gruppi sostenuti dall’Iran che operano in solidarietà con Hamas, attirando attacchi di rappresaglia da parte di Israele, degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Mercoledì, un attacco aereo statunitense in Iraq ha ucciso un comandante di alto livello di un gruppo armato filo-iraniano che, secondo il Comando centrale degli Stati Uniti, era “responsabile della pianificazione diretta e della partecipazione ad attacchi contro le forze statunitensi”.

L’attacco è avvenuto dopo che la settimana scorsa Washington ha lanciato un’ondata di attacchi contro obiettivi legati all’Iran in Iraq e Siria, in seguito all’uccisione di tre soldati americani nella vicina Giordania.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...