Il capo della Chiesa protestante tedesca si dimette dopo la presunta copertura di abusi sessuali

La leader della Chiesa protestante tedesca, Annette Kurschus, lunedì si è dimessa dal suo incarico dopo essere stata accusata di aver coperto una sospetta violenza sessuale da parte di un collega.

La Kurschus ha negato di essere a conoscenza dell’abuso, ma ha dichiarato di dimettersi “per evitare danni alla mia chiesa”.

La teologa 60enne è stata coinvolta in una tempesta di notizie dei media, secondo cui sarebbe stata informata delle accuse contro il suo ex collega nel distretto ecclesiastico di Siegen, ma non avrebbe fatto nulla al riguardo.

L’uomo è ora indagato dalla polizia.

La Kurschus ha detto di conoscere la famiglia del sospettato da molto tempo e di essere a conoscenza sia della sua omosessualità che della sua infedeltà coniugale.

Ha detto di aver cercato di proteggere la famiglia, ma di essere stata criticata per “la mancanza di trasparenza”.

“È ancora più amaro perché non ho mai – e sottolineo mai – cercato di sottrarmi alle mie responsabilità, di nascondere fatti importanti, di insabbiare fatti o di coprire una persona accusata”, ha detto.

Mentre la Chiesa cattolica è da anni in subbuglio per le denunce di violenza sessuale, la sua controparte protestante è rimasta in gran parte indenne.

Uno studio commissionato dalla Conferenza Episcopale Tedesca nel 2018 ha concluso che 1.670 ecclesiastici cattolici del Paese hanno commesso una qualche forma di aggressione sessuale contro 3.677 minori tra il 1946 e il 2014.

Si ritiene che il numero reale delle vittime sia molto più alto.

Un rapporto di 800 pagine sulla sola diocesi di Colonia, pubblicato nel 2021, ha trovato 202 presunti autori di violenza sessuale e 314 vittime tra il 1975 e il 2018. Più della metà delle vittime aveva meno di 14 anni.

I risarcimenti della Chiesa cattolica per le vittime di abusi in Germania sono stati aumentati nel 2020 fino a 50.000 euro (54.600 dollari), rispetto ai circa 5.000 euro precedenti, ma gli attivisti dicono che la somma è ancora inadeguata.

Solo lo scorso anno sono stati approvati pagamenti per circa 28 milioni di euro.