giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldIl Canada si prepara alla peggiore stagione di incendi di sempre

Il Canada si prepara alla peggiore stagione di incendi di sempre

Lunedì i funzionari hanno avvertito che il Canada si troverà ad affrontare una situazione di incendi selvaggi molto grave nei prossimi mesi, dopo che vaste aree di foreste e praterie sono state bruciate dalle coste del Pacifico a quelle dell’Atlantico.

Circa 26.000 persone sono attualmente sfollate a causa degli incendi e circa 120.000 sono state costrette a fuggire nel corso dell’ultimo mese.

Dalla Columbia Britannica occidentale alla Nuova Scozia, sulla costa orientale, sono bruciati finora circa 3,3 milioni di ettari.

I nostri modelli mostrano che questa potrebbe essere una stagione di incendi particolarmente severa per tutta l’estate
Il Primo Ministro Justin Trudeau

I funzionari hanno sottolineato le condizioni particolarmente calde e secche degli ultimi mesi, che secondo le previsioni dovrebbero persistere fino ad agosto.

Se la traiettoria attuale dovesse continuare, ha dichiarato il Ministro delle Risorse Naturali Jonathan Wilkinson, “potrebbe essere molto… La stagione degli incendi più grave di sempre per il Canada“, con incendi che hanno già bruciato un’area 10 volte superiore alla media storica.

Ogni provincia e territorio dovrà essere in massima allerta durante questa stagione di incendi“, ha aggiunto.

Attualmente in Canada stanno bruciando 413 incendi, di cui 249 sono fuori controllo. Tre province – Alberta, Nuova Scozia e Quebec – hanno chiesto l’assistenza federale.

Il Ministro per la Prevenzione delle Emergenze Bill Blair ha dichiarato che il Paese ha assistito ad “alcuni degli incendi più gravi mai visti in Canada” e che deve prepararsi a “una continua attività di incendi superiore alla norma

Wilkinson ha detto che il rischio di incendi selvaggi probabilmente “aumenterà a giugno e rimarrà insolitamente alto per tutta l’estate in tutto il Paese. Questo ci dimostra che la stagione già devastante di quest’anno potrebbe peggiorare

Negli ultimi anni il Canada è stato ripetutamente colpito da fenomeni meteorologici estremi, la cui intensità e frequenza sono aumentate a causa del riscaldamento globale.

Dopo le grandi fiammate di maggio nella parte occidentale del Paese, in particolare nelle province praterie dell’Alberta e del Saskatchewan, nelle ultime settimane la lotta agli incendi si è spostata in Nuova Scozia, nella parte orientale, e più recentemente in Quebec.

Un incendio che minacciava i sobborghi di Halifax, la città più grande della Nuova Scozia, è stato contenuto nel fine settimana, grazie alle piogge e al clima più fresco che hanno aiutato le operazioni di spegnimento. Ad alcuni residenti evacuati è stato permesso di tornare a casa.

In Quebec, la piccola città di Clova è stata abbandonata di fronte all’avanzare delle fiamme, costringendo le tre dozzine di abitanti a fuggire. Anche circa 10.000 residenti di Sept Iles sono sotto ordine di evacuazione.

Con le risorse sempre più ridotte, Ottawa ha inviato l’esercito per aiutare nei punti caldi.

Circa 1.000 vigili del fuoco provenienti da Australia, Francia, Messico, Nuova Zelanda, Sudafrica e Stati Uniti sono arrivati o erano in viaggio per rafforzare gli sforzi antincendio.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE